La partita e gli scrutini. E il prof Caudano si siede all’ultimo banco...

La coincidenza di una riunione scolastica col match di Cagliari inguaia l’insegnante protagonista dei racconti di Stefano Corsi. Ma ecco lo stratagemma vincente, degno di un sacrosanto quattro in condotta

Lettura 4 min.

C i sono coincidenze malefiche, si sa. Congiunture astrali tanto imprevedibili che uno neppure se ne guarda, e poi le scopre inevitabilmente all’ultimo. Quando ormai non può farci nulla.

Nella fattispecie, il povero Professor Caudano neanche con largo anticipo avrebbe probabilmente saputo opporre qualche rimedio, ma certo, quando se n’è accorto domenica sera, era davvero troppo tardi: due indipendenti istituzioni, e ignare l’una delle attività dell’altra, il Liceo «Leonardo da Vinci» di Jesi e la Lega Calcio, avevano infatti concentrato le loro attenzioni sulle 17.30 di lunedì 14 gennaio, la prima per piazzarvi lo scrutinio della V A, una delle classi di Caudano, e la seconda per far disputare gli ottavi di finale di Coppa Italia Cagliari-Atalanta.