Quella volta a Empoli in fuga dalle lumache

IL PRECEDENTE Nel 1982, in serie C1 l’Atalanta va in Toscana ma il terreno di gioco è invaso dalle «chiocciole». Trasloco obbligato in un campetto, partitaccia e tutti infuriati. Bortolotti su L’Eco: «Noi le lumache ce le mangiamo».

Lo stadio Castellani di Empoli

La serie C1. Squadre sconosciute, tifoserie ostili, ambienti caldi e tranelli ad ogni partita. Terzinacci arcigni a fine carriera che non fanno distinzione tra gamba e palla (meglio la seconda, ma nemmeno la prima è da disdegnare, alla bisogna…), partite da maglia sempre sudata e qualche nobile decaduta con la quale condividere il destino. Ah, e le lumache... Trattasi di gasteropodi terrestri polmonati: non tesserati, ma capaci di mandare quasi a gambe all’aria quella che doveva essere una promozione annunciata, e che invece si rivelerà più faticosa del previsto.