Il tesoro del maresciallo/7 I biglietti europei e un sogno: «Ofi Creta-Atalanta»

Lettura 1 min.

S iamo arrivati in fondo. Di certo, non abbiamo visto tutto e non vi abbiamo potuto mostrare tutto. La collezione di cimeli atalantini di Natalino Lanzini è talmente vasta che sarebbe impossibile, a meno di dedicarle decine di puntate e migliaia di fotografie, mostrarla tutta. Ma forse non sarebbe nemmeno giusto: è più giusto che sia solo lui, il maresciallo dei carabinieri nativo di Palosco e di stanza a Sacile, in Friuli, a godere interamente della sua collezione. Decenni di fatiche e di ricerche devono pur valere questo «privilegio», giusta ricompensa per tanto impegno. Siamo arrivati in fondo e lo diciamo: per il valore che ha questa collezione, a Natalino Lanzini il mondo dell’Atalanta dovrebbe dire un enorme grazie. Perché dentro i suoi faldoni non c’è solo la storia dell’Atalanta, con pezzi di enorme valore anche economico: c’è la nostra storia. C’è la storia di tutti coloro che attorno all’Atalanta goiscono, soffrono, partecipano a vario titolo. L’impegno di Natalino Lanzini andrebbe pubblicamente riconosciuto. Nell’attesa, è un piccolo grande orgoglio aver mostrato ai lettori questo patrimonio mai visto prima attraverso i servizi di Corner.