< Home

Il grafene, l’ultima meraviglia scende in strada

Articolo. Bergamo sarà la nuova città che sperimenta questo materiale per asfaltare le vie più trafficate. Ma il nuovo materiale abbinato a innovazione di processo e a una tecnologia già sperimentata ha creato un prodotto che rilancia il valore della collaborazione fra competenze scientifiche diverse e dello stesso territorio

Lettura 4 min.

Bergamo asfalta le strade con il grafene

Il “materiale delle meraviglie” sulle strade della città.
Anche Bergamo si prepara ad avere strade asfaltate al grafene. E partecipare così al disegno della mobilità del futuro. Tecnologia e innovazione sono contenute nel brevetto depositato dall’azienda bergamasca Iterchimica, leader mondiale e attiva da 50 anni nel settore degli additivi per asfalti e che ora è pronta a scendere sui mercati con Gipave, l’ultimo nato. Il grafene, materiale che vanta due premi Nobel, è il segreto del nuovo asfalto: un materiale bidimensionale composto da uno strato monoatomico di carbonio - detto delle “meraviglie” proprio per le sue incredibili e quasi infinite applicazioni - dopo essere stato testato sulle vie provinciali di città come Roma (via Ardeatina) e Milano (sulla Milano-Meda) ora sarà sperimentato anche sulle strade di Bergamo.

Leggi altri articoli
Digitalizzazione: dopo il Covid è il momento di fare il balzo
La voglia di ripartire c’è, ed è tanta. Ma le imprese sono pronte a cavalcare l’onda? Senza voler rovinare il ritrovato (e atteso) clima …

Industrie sostenibili, eque e responsabili per la ripresa
C’è molta Agenda 2030 nel piano dell’Unione Europea “Next Generation Eu” e, in particolare, ci sono i contenuti dell’obiettivo 9, che si propone di …

Ecco cosa rende un’impresa attrattiva per i giovani talenti
La storia di Easytech, azienda bergamasca alle prese con la ricerca di profili professionali che non trova. Spesso però è anche responsabilità delle imprese, …

Lo smart working è qui per restarci: come gestirlo
L’emergenza Coronavirus ha dimostrato la validità organizzativa di questo strumento. Ma anche i ritardi per molte aziende che si sono dovute fermare per non …