< Home

Come rivedere le catene della fornitura

Dossier. In uno scenario globale l’intera filiera dell'approvvigionamento industriale e delle imprese della fornitura parte da un capo del mondo, per esempio un fornitore asiatico, e tutta la fornitura è programmata in sequenza. L’emergenza virus ha messo in crisi questo modello. Occorre ripensarlo con una maggiore flessibilità, con forniture in partenza da più punti e soprattutto da luoghi più ravvicinati.

Lettura 2 min.

Ripensare un modello della fornitura

«Credo che i tempi di crisi siano momenti in cui è necessario prepararsi, pianificare la ripresa, investendo in innovazione di processi e prodotti». A parlare è Jörg Buck consigliere delegato della Camera di commercio Italo-germanica, tra i curatori di una recentissima indagine realizzata su 91 aziende, piccole e grandi, associate all’ente e aventi sede nel Nord Italia. La crisi citata da Buck è quella evidente, attesa da molti, come conseguenza della diffusione dell’epidemia di Covid-19 e degli effetti delle misure prese, soprattutto in Italia, che rallentano significativamente la nostra economia. Ma ciò che succede nel nostro Paese non è che il primo atto di un processo più ampio del quale non si conoscono ancora la durata e le effettive conseguenze. Ben consci di questo clima di incertezza si devono leggere le risposte delle aziende intervistate dalla camera italo-germanica tra il 2 e il 4 marzo 2020.

Le imprese coinvolte sono tutte presenti principalmente nel Nord Italia sia per la locazione degli headquarter (soprattutto Lombardia e Veneto) sia per le altre sedi (Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna) e appartengono sia ai settori produttivi che dei servizi. Si tratta per la maggior parte di aziende che forniscono servizi e macchinari, tecnologia e automotive, oltre a realtà del settore chimico-farmaceutico, l’industria metalmeccanica, la logistica e il commercio e in misura minori l’edilizia e il turismo. L’indagine fa emergere un quadro spaccato a metà. Sull’impatto che l’emergenza sta avendo sulle imprese il 57,1% degli intervistati è consapevole che tutto ciò avrà una conseguenza sul proprio operato, anche se con timori differenti.

Leggi altri articoli
Le soft skill che danno forza alle aziende
Ci sono aziende che sono state distrutte dal Coronavirus, altre invece non solo hanno resistito, ma, terminato il primo lockdown, sono ripartite con un’accelerazione …

C’è innovazione solo rispettando la società e l’ambiente
«C’è innovazione solo se c’è innovazione sociale, altrimenti sono solo novità». Luca Fois, docente di Design al Politecnico di Milano, ci spiega che i …

Impegno bergamasco per la discarica che partecipa al riciclo
Ottimizzare la gestione dei rifiuti urbani anche in assenza di termovalorizzatori si può. Dopo il referendum del 2012 con il quale i cittadini hanno …

Addio al polistirolo, i cartoni per imballaggio tagliano le emissioni
I cartoni per l’imballaggio possono tagliare le emissioni di anidride carbonica e salvaguardare l’ambiente. Lo studio di AzzeroCO2, società di consulenza per la sostenibilità …