Ubi Banca insegna ai ragazzi la sostenibilità nelle imprese

Articolo. Saranno gli studenti degli istituti scolastici secondari di Bergamo e provincia i primi ad essere coinvolti nella fase pilota del progetto di educazione «Futurità» di Ubi Banca. L’iniziativa vuole far scoprire come le professioni di domani ci aiuteranno a sviluppare un’economia più sostenibile

Lettura 2 min.

Formare studenti per una professione e un’economia green

Saranno gli studenti degli istituti scolastici secondari di Bergamo e provincia i primi ad essere coinvolti nella fase pilota del progetto di educazione «Futurità» di Ubi Banca. L’iniziativa vuole favorire la diffusione della cultura della sostenibilità all’interno del mondo scolastico e in particolare tra gli studenti del 3° e 4° anno delle scuole superiori. In questa prima fase saranno coinvolti almeno 40mila studenti. Ai ragazzi e alle scuole che partecipano al progetto sono previsti importanti riconoscimenti. Saranno infatti assegnate borse di studio per un valore complessivo di 100.000 euro alle migliori tesi o project work realizzati dagli studenti sulla base del percorso formativo seguito. Per le scuole, invece, è prevista la fornitura di dotazioni tecnologiche a supporto della digitalizzazione delle attività didattiche.

Il percorso del progetto Futurità è già tracciato e definito: simulare di essere il fondatore di un social network che deve proteggere la privacy dei suoi utenti salvaguardando al tempo stesso i profitti della propria impresa; oppure vestire i panni di un Energy Manager impegnato a valutare l’impatto ambientale derivante dall’attività quotidiana dell’azienda per cui lavora; oppure ancora scoprire come un motore di ricerca possa alimentare la flora dell’Amazzonia sono solo alcuni degli esempi delle attività previste per i giovani studenti e i loro insegnanti coinvolti dal programma di educazione. Un percorso sostanzialmente che intende aiutare a comprendere i meccanismi utili ad attuare strategie di sviluppo economico sostenibile di medio e lungo periodo, facendo altresì conoscere il ruolo che imprese e professioni possono svolgere a supporto di questo percorso.

E il mondo del lavoro, delle professioni e delle nuove imprese restano un po’ sempre al centro dell’intero progetto e percorso di formazione. Andando a incontrare i ragazzi proprio sui loro terreni e cercando di intercettare anche le loro attese di informazione su quello che li aspetta sotto il profilo dell’occupazione che verrà.

 

Sede di Ubi Banca a Bergamo

«L’iniziativa – specificano da Ubi Banca - è infatti pensata per coinvolgere in modo del tutto nuovo e «contemporaneo» i giovani studenti e far scoprire loro come le professioni di domani ci aiuteranno a sviluppare un’economia più sostenibile. Un progetto che si distingue per contenuti e modalità di apprendimento, grazie all’impiego di una metodologia didattica «blended», tecnica che coniuga l’attività svolta in classe insieme ai docenti con una piattaforma di learning collaborativa».

Tra i principali argomenti oggetto della formazione, gli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e la salvaguardia dell’ambiente, così come tematiche della massima attualità e strettamente connesse alla sostenibilità, eppure escluse dai programmi scolastici, quali quelle relative alla privacy e ai dati sui social, alla smart mobility e alle nuove professioni digitali.
Gli istituti scolastici coinvolti per primi nella fase pilota del progetto (oltre a Bergamo l’iniziativa partirà anche nelle scuole secondarie della provincia di Brescia), saranno invitate a partecipare al programma nel secondo quadrimestre dell’anno scolastico 2019-2020: in questa prima fase sono quindi circa 40.000 i giovani delle classi terze e quarte potenzialmente coinvolti nell’attività.
Il 16 gennaio è in calendario a Bergamo l’evento di presentazione dell’iniziativa ai dirigenti scolastici della provincia orobica.
L’iniziativa è promossa in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale della Lombardia. Digital partner del progetto è WeSchool, leader italiano della didattica digitale.

Leggi altri articoli
Economia circolare, manager senza competenze sulla sostenibilità
Un nuovo allarme sulla carenza di know-how proprio all’indomani del piano dell’Europa per la grande svolta della politica industriale. Mancano manager con le competenze ...

Le innovazioni della sostenibilità fanno bene anche ai bilanci
La classifica di «Skille 1.000» permette di leggere i bilanci aziendali anche sotto una luce green. E rivela imprese sempre più leader e impegnate ...

Economia circolare, il Green new deal per le imprese
In arrivo i provvedimenti che daranno attuazione al Green new deal del governo per le imprese: secondo le prime stime il Piano verde dell’Italia ...

La sostenibilità di Bergamo in 14 storie d’impresa
Pensare a un nuovo modello di produzione secondo criteri e organizzazione ispirati dai paradigmi dell’economia circolare non è soltanto necessario per rendere la nostra ...