Così la centrale idroelettrica
ripulisce e tutela l’acqua
Una formula per il deflusso

Articolo. Italgen depura la risorsa idrica all’ingresso degli impianti e la restituisce migliorata dopo il passaggio dalle turbine, sostenendo i costi dello smaltimento dei rifiuti.
Nel 2021 il deflusso minimo vitale sarà sostituito dal calcolo del deflusso ecologico.
Un sistema per garantire un volume d’acqua maggiore per la prosperità dell’ambiente.

Lettura 2 min.
Italgen: l’acqua ripulita in uscita dalla centrale idroelettrica di Comenduno di Albino

L’acqua, fonte rinnovabile di energia e motore per garantire l’indispensabile servizio di erogazione dell’elettricità, necessita di tutela. Si tratta di una risorsa indispensabile, non solo per gli esseri umani, ma per l’intero ecosistema, fra cui quello fluviale.

Al fine di preservarla opportunamente, è stato introdotto nel 1989 il deflusso minimo vitale (Dmv nel seguito), ossia la quantità minima d’acqua imposta ai concessionari delle opere di presa per mantenere le condizioni di funzionalità e di qualità degli alvei dei fiumi, compatibilmente con un equilibrato utilizzo della risorsa idrica.

Al di là della norma, entrata in vigore più tardi, Italgen, società del Gruppo Italmobiliare, dedicata alla produzione e distribuzione di energia da fonte rinnovabile, rilascia Dmv dal 1990. Oggi, grazie a sofisticati sistemi per la misurazione e il monitoraggio telematico, l’azienda ne controlla i parametri in tempo reale. Le portate del Dmv sono periodicamente comunicate alla Regione e alla Provincia.

Alcuni dati sono trasmessi al server di Arpa Lombardia tramite un protocollo concordato e sono visualizzati dagli schermi della control room di Villa di Serio, da cui Italgen monitora le proprie centrali idroelettriche presenti in Lombardia, Piemonte e Veneto. I dispositivi di telemonitoraggio prevedono anche la segnalazione di eventuali anomalie, generalmente prevenute dall’azienda grazie alla sorveglianza costante della sala controllo.

Nuovo metodo in definizione

Con l’avvento della Direttiva Comunitaria del 2000 sono stati introdotti altri parametri ambientali, oltre a quello idrologico/matematico che prevede il rilascio del 10% della portata per il calcolo del Dmv. L’obiettivo è la salvaguardia ambientale dei corsi d’acqua a 360°. Da qui è nato il concetto di Deflusso ecologico (De nel seguito), di fatto una declinazione più estesa e completa del Dmv. Applicando una formula, si prevede di destinare un volume d’acqua maggiore, affinché l’ecosistema continui a prosperare e a fornire tutti i servizi necessari. Il De prevede che, in ogni sezione di un corso d’acqua, la portata che transita abbia caratteristiche di naturalità, mantenendo valori non inferiori a quelli necessari al fiume per mantenere buone qualità ecologiche. In sostanza, un Dmv migliorativo a livello di quantità di risorsa idrica prelevata.

L’energia da fonte rinnovabile prodotta dalle centrali idroelettriche di Italgen viene venduta al Gestore dei Mercati Energetici (Gme).

Priorità alle fonti rinnovabili

Riduzione dei consumi durante il lockdown per la sospensione delle attività di molte aziende energivore

Durante il periodo di lockdown si è registrata una riduzione dei consumi elettrici, dovuta alla sospensione delle attività di molte aziende, notoriamente energivore. Italgen, comunque, ha continuato ad immettere energia in rete, perché le produzioni da fonti rinnovabili hanno priorità di dispacciamento rispetto a quelle da fonti fossili.

Italgen ha continuato a immettere energia in rete: la produzione da fonti rinnovabili ha la priorità

Italgen restituisce l’acqua più pulita rispetto a quella raccolta presso le opere di presa, che precedono l’ingresso in centrale. La risorsa captata in entrata contiene spesso rifiuti e fogliame. Il quantitativo dei materiali dipende dall’andamento idrico del fiume. In caso di maltempo le piene trascinano a valle quanto raccolto. L’azienda, attraverso appositi sgrigliatori, provvede a ripulire l’acqua, a turbinarla e ad immetterla nuovamente nei fiumi più pulita, a tutela dell’ecosistema, sostenendo i costi dello smaltimento.

Leggi altri articoli
La centrale idroelettrica
nei disegni dei bambini
«Chiare, fresche et dolci acque». La visita a una centrale idroelettrica consente di scoprirne l’affascinante funzionamento e di ammirare la potenza insostituibile dell’acqua.

Cresce il digitale e genera big data. Così cambiano servizi e prodotti
L’emergenza Covid-19 ha trasformato comportamenti, abitudini e modalità di consumo, ricorrendo sempre più al digitale Le aziende devono ripartire anche da qui. Dalla capacità ...

Virus e tecnologia: nasce a Bergamo l’app che garantisce tutela e sicurezza
Una piccola società hi-tech risponde all’appello del ministero dell’Innovazione e regala il dispositivo: in Bergamasca 60 Comuni hanno scaricato lo strumento, attivati oltre 6mila ...

RadiciGroup, anche il nylon trova una seconda vita
Presentata alla fiera Domotech di Hannover una nuova gamma innovativa di filati con contenuto da riciclo. E il Gruppo industriale di Gandino annuncia l’acquisizione ...