A processo l’ex senatore Enrico Piccinelli Foppolo e Valleve, ex sindaci patteggiano
Il Tribunale di Bergamo

A processo l’ex senatore Enrico Piccinelli
Foppolo e Valleve, ex sindaci patteggiano

Patteggiamenti per gli ex sindaci di Foppolo Giuseppe Berera e di Valleve Santo Cattaneo.

Enrico Piccinelli, ex senatore di Forza Italia ed ex assessore provinciale all’Urbanistica, è stato rinviato a giudizio per corruzione nell’ambito dell’inchiesta per la vicenda della presunta maxi-tangente, secondo l’accusa, versata da alcuni imprenditori (che però oggi sono stati tutti assolti dall’accusa di corruzione) per far approvare dalla Provincia un Pgt con maggiori cubature per Foppolo. Pgt che poi non fu approvato da via Tasso. È quanto stabilito dall’udienza di martedì 9 febbraio dal gup Vito Di Vita. Il suo legale, l’avvocato Mauro Angarano, aveva chiesto il non luogo a procedere.

Due anni e quattro mesi per l’ex sindaco di Foppolo Giuseppe Berera, due anni per l’ex primo cittadino di Valleve, Santo Cattaneo, entrambi assistiti dall’avvocato Enrico Pelillo, e due anni anche per i due grandi accusatori dell’ex senatore, i fratelli Fulvio e Maria Cristina Boccolini, titolari di uno studio di contabilità, difesi dall’avvocato Benedetto Bonomo. I quattro indagati avevano chiesto e ottenuto il patteggiamento. Si erano auto accusati di avere ricevuto i soldi per smuovere la pratica in Provincia e di averne consegnato una parte, 275 mila euro, a Piccinelli. Berera e i Boccolini sono stati assolti dall’accusa di traffico di influenze illecite perché il fatto non sussiste.

Il giudice si è pronunciato anche su altre posizioni. Per i tre che, come Piccinelli, non hanno aderito a riti alternativi: non luogo a procedere per l’imprenditore bresciano Sergio Lima difeso da Benedetto Bonomo; non luogo a procedere anche per l’amministratore delegato di una fiduciaria elvetica Renzo Bordogna (difeso da Simona Russo); non luogo a procedere per Giacomo Martignon, ex ad di Devil Peak.

Prosciolti in abbreviato anche il costruttore Mauro Regazzoni, difeso dall’avvocato Barbara Bruni, Flavio Papetti, titolare di uno studio di architettura, assistito da Marco Zambelli, l’immobiliarista Battista Vistalli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA