«Basta, dopo una vita in ufficio adesso coltiviamo lo zafferano»

«Basta, dopo una vita in ufficio
adesso coltiviamo lo zafferano»

Giancarlo Poloni e Carla Gasperi: «Stiamo a contatto con la natura, conservando anche la prima attività»

Da cinque anni Giancarlo Poloni, 61 anni, responsabile del sistema qualità dell’azienda Nuova Cips di Villa d’Ogna, e la moglie Carla Gasperi, impiegata presso le struttura ospedaliera di Groppino, hanno voltato pagina. Hanno lasciato la propria abitazione posta nel centro di Fino del Monte , dove ora abitano i loro tre figli, e si sono trasferiti in una cascina ristrutturata a monte del paese, tra prati e boschi, di fronte alla Presolana.

«Abbiamo compiuto questa scelta – affermano – per vivere in una dimensione nuova, a contatto con la natura e i suoi silenzi, pur non rinunciando alla nostra attività lavorativa». La cascina, di proprietà della Misericordia di Fino, aveva il nome singolare di «Cascina delle monache a mattino e sera», perché era divisa in due parti. A Nord (sera) era abitata da una famiglia e a Sud (mattino)da altre persone. Oggi, opportunamente ristrutturata, è abitata dalla famiglia Poloni e ha assunto il nome di «Azienda agricola Cascina delle Monache a mattino e sera». Si trova in località Aprico, a 850 metri di quota e ai piedi del Monte Blum, ed è raggiungibile in auto.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 20 novembre 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA