Maltempo, sorpresa di metà luglio Arriva la neve in alta Valle Seriana
Neve in alta Valle Seriana (Foto by Mirco Bonaccorsi)

Maltempo, sorpresa di metà luglio
Arriva la neve in alta Valle Seriana

Qualche giorno fa, viste le temperature registrate, sarebbe stata una cosa impensabile. Invece nella notte tra domenica 14 e lunedì 15 luglio le montagne dell’alta Val Seriana, oltre i 2.700 metri di quota, si sono nuovamente colorate di bianco.

Qualche giorno fa, viste le temperature registrate, sarebbe stata una cosa impensabile. Invece nella notte tra domenica 14 e lunedì 15 luglio le montagne dell’alta Val Seriana, oltre i 2.700 metri di quota, si sono nuovamente colorate di bianco. La stazione del Centro Meteo Lombardo del Pizzo Coca (metri 3.050, nella foto) ha infatti segnato una temperatura minima di - 1,2 gradi. Nevica in Valtellina e Valchiavenna sopra i 2.200 metri. Parentesi quasi autunnale anche in Piemonte con forti piogge e neve dai 2.500 metri in su, temperature in forte calo.

E gli esperti in effetti avevano preannunciato per la settimana dal 15 al 21 luglio un’insolita perturbazione estiva con nubifragi, forti temporali e anche neve sulle Alpi: «Nel cuore dell’estate arriverà un’insolita perturbazione seguita da aria piuttosto fresca in quota – spiega 3bMeteo –: raggiungerà l’Italia e il Mediterraneo nella giornata di lunedì causando un brusco peggioramento delle condizioni meteorologiche su gran parte del nostro Paese, in particolare sulle regioni di Nord-Ovest e del medio-alto Tirreno, aree che saranno interessate da precipitazioni diffuse e localmente intense, anche a carattere di nubifragio e di temporale».

«Nel pomeriggio di lunedì le temperature risulteranno intorno - o anche inferiori - ai 20 gradi tra Piemonte, Ovest Lombardia, Emilia occidentale e aree interne della Liguria. Lunedì sarà una giornata di maltempo soprattutto al Nord-Ovest e sul Tirreno centro-settentrionale, con nubifragi e forti temporali su Piemonte, Liguria, Ovest Lombardia, Ovest Emilia e medio-alta Toscana. Non sono da escludere anche locali criticità di carattere idrogeologico per precipitazioni intense e persistenti in particolare sulla zona dell’Isola d’Elba e del Livornese, così come sulle zone pedemontane di Piemonte e Lombardia e sulle aree appenniniche della Liguria: in queste zone saranno infatti possibili accumuli pluviometrici localmente superiori ai 100-150 millimetri in 18-24 ore» spiegano da 3BMeteo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA