Sopravissuto quattro giorni disperso in montagna, il racconto di Bruno Pesenti

E' Bruno Pesenti, a più di un mese dalla sua disavventura a raccontare quegli infiniti quattro giorni disperso in montagna tra val Brembana e la val Taleggio. Senza cibo, l'acqua del torrente ,tre notti nel bosco, una sotto una pioggia battente e il telefono scarico. Era riuscito però a dare l'allarme, a dare qualche coordinata ai soccorritori e questo gli ha salvato la vita. Sapeva che qualcuno lo stava cercando ,sentiva sopra la sua testa l'elicottero in perlustrazione.Ore interminabili, quelle trascorse da Pesenti, 70 enne ex funzionario dell'Ats in pensione . Ad un certo punto - ci racconta - non sentiva nemmeno più la fame, ma le forze stavano lentamente finendo . E' rimasto vigile fino a quando in lontananza ha visto i soccorritori, poi il crollo. Sarebbero bastate ancora poche ore e il suo fisico non avrebbe retto. Nitido il ricordo di quella stretta di mano al primo soccoritore incontrato . Pesenti sta facendo riabilitazione, ma il peggio è ora alle spalle. "Mai più in montagna da solo - ci dice - rivolgendosi anche agli escursionisti più esperti ".

Altri articoli
Guarda gli altri video