Fu vittima del boia di Bolzano
Bruciata la targa alla memoria

Atti vandalici contro la targa alla memoria di Bortolo Pezzutti collocata sulla rampa Matteotti a Lovere. Aveva solo 18 anni, Bortolo, la vigilia di Natale del 1944, quando fu arrestato dai militi della Tagliamento e consegnato ai tedeschi, che lo deportarono nel campo di concentramento di Bolzano.

Dopo mesi di sevizie e torture, la vigilia di Pasqua del ‘45 venne trucidato da Michel Seifert, il boia di Bolzano. La sua colpa fu un fazzoletto rosso annodato al collo.

Nella notte tra sabato e domenica la targa è stata incendiata: «Un atto vigliacco e deplorevole – commenta Gabriella Riva, nipote di Pezzutti –: è come se l'avessero ucciso due volte. Accade sempre qualcosa di spiacevole e sdegnoso poco prima della ricorrenza della Liberazione. Chi commette queste azioni meschine non ha argomenti per dialogare in maniera civile».

Leggi di più su L'Eco in edicola mercoledì 25 aprile

© riproduzione riservata

Oggi in Edicola

al cinema

Vivi Bergamo

SPM
PubblicitàSPM
SpecialiSPM
Pubblicità

I Comuni Bergamaschi