«A Roma non solo in difesa» Reja, ultime rifiniture prima di partire
Gli appuntamenti del weekend
Tags
La cappellina montana Foto del Giorno La cappellina montana

Dov’è l’austerità
se la spesa cresce?

di Guglielmo D’Occam
Dov’è l’austerità se la spesa cresce?

Quantitative easing (Qe): chi l’avrebbe mai detto che un termine così esoterico sarebbe diventato protagonista della maggior parte dei discorsi di strada e catturato i titoli di testa dei quotidiani. E l’espressione «austerity», diventata il nemico numero uno, è l’altra parola chiave di questi giorni, come in un videogame inseguita dalle maschere di Anonymous, che magari parlano con accento greco. Proviamo a mettere ordine fra questi concetti e capire cosa ci riserva il prossimo futuro. Il Qe, così viene spesso chiamato, consiste nell’acquisto di titoli sul mercato da parte delle banche centrali.

Le campane del Papa

di Giorgio Gandola
Le campane del Papa

«Il cammino della Chiesa è quello della franchezza, dire le cose con libertà». Papa Francesco è imprevedibile e il messaggio diretto al presidente Erdogan sul genocidio degli armeni (cristiani) da parte dei turchi per richiamare l’attenzione del mondo su un altro genocidio in atto (sempre cristiani e sempre in Paesi musulmani) è politicamente dirompente.

Tenere alta la guardia
per non correre rischi

di Marco Sanfilippo
Tenere alta la guardia per non correre rischi

Ok, quella di domenica scorsa contro il Sassuolo è stata la vittoria più preziosa della sofferta stagione atalantina, sia per il momento critico attraversato dai nerazzurri, sia per la fase del campionato, e la salvezza può dirsi ipotecata. Ma, attenzione, non è stata ancora centrata. Concentrazione e determinazione non dovranno assolutamente scemare.

Gli agguati fanno male
anche alla montagna

di Giambattista Gherardi
Gli agguati fanno male anche alla montagna

Come spesso accade, la verità sta probabilmente nel mezzo. L’agguato con cavi d’acciaio «antimotociclisti» è, senza se e senza ma, un atto vile. Non può avere alcun titolo di cittadinanza in un normale confronto di idee, ma accende un allarme rosso sui rischi che nascono da un’eccessiva radicalizzazione delle posizioni.

Dalla Legler a Parigi
«Taglio» sarto di lusso

di Fabiana Tinaglia
Dalla Legler a Parigi «Taglio» ora è sarto di lusso

Lo hanno sempre chiamato «Taglio», principalmente per via del suo cognome. Daniele Taglietti non poteva avere un nome più azzeccato, lui che nella vita taglia e cuce e lo fa con grande passione tanto che l’antico mestiere del sarto lo ha portato nella città europea della moda per eccellenza: Parigi. A lui viene da sorridere nel raccontare la sua avventura, un misto di casualità, o «forse destino» commenta, e appassionata testardaggine. Proprio com’è lui.

Video del giorno