Papa Giovanni, la salma torna a Bergamo Evento storico, saranno 15 giorni di festa
Gli appuntamenti
«Pesca fortunata» Foto del Giorno «Pesca fortunata»

Seconda Repubblica
Triste tramonto

di Andrea Ferrari
Seconda Repubblica Triste tramonto

Queste elezioni amministrative hanno creato problemi a tutti. A chi ha perso, naturalmente, ma anche a chi ha vinto. Ha perso Matteo Renzi, come tutti sanno. È sicuramente vero, come il segretario del Pd si è affannato a ripetere, che i democratici, tra primo e secondo turno, hanno conquistato più comuni e comunelli di tutti gli altri. Ma è anche vero che ora governano meno della metà dei capoluoghi di provincia e regione andati al voto. E che tra questi non c’è più addirittura Genova «la Rossa» insieme ormai all’intera Liguria la cui rotta cominciò con la lotta fratricida che regalò la Regione a Forza Italia e a Giovanni Toti, oggi pronto a piantare la sua bandierina anche sotto la Lanterna. E poi Renzi ha perso l’Aquila, città simbolica, insieme a Monza, Piacenza, Sesto San Giovanni, ha perso in Toscana e in Emilia. È vero, ha vinto a Taranto, a Padova e a Lecce. Ma sotto il profilo del simbolo politico, per il Pd queste elezioni sono state un disastro. Aggravato dal fatto che il segretario del Pd non ha combattuto, si è defilato dalla campagna elettorale evitando persino di farsi vedere a Genova. «Voto locale»: ma non è così. Ora il litigiosissimo mondo della sinistra che lo odia riproverà a dare al segretario del Pd il colpo letale, quello che non è riuscito dopo il referendum.

Regole hi-tech
La lezione di Berlino

di Alberto Krali
Regole hi-tech La lezione di Berlino

La mobilità è strategica. Se Alitalia o Air Berlin avessero capito le potenzialità dei voli low cost non sarebbero ora sull’orlo della bancarotta. E del resto Orio al Serio era un aeroporto militare dismesso e adesso muove milioni di passeggeri. Veder per tempo lo sviluppo delle tecnologie e la loro applicazione ha un solo significato: creare posti di lavoro o distruggerli. Le moderne tecnologie sono tanto veloci quanto complicate, amano la creatività, l’inventiva ma poi chiedono tempo pre metterla in pratica. Un buon governo sa di dover programmare. La banda larga per esempio chiede anni per essere realizzata. L’ultimo miglio è decisivo tanto per le aziende che devono poter innovare con Industria 4.0 quanto per le famiglie in angoli sperduti anche se per i gestori non remunerativi in termini di traffico. Una «start up» può nascere in montagna se è ben collegata.

Fiumi in secca
Ricchezze in fumo

di Diego Colombo
Fiumi in secca Ricchezze in fumo

«L’amore finisce dove finisce l’erba e l’acqua muore». È uno struggente verso della poesia di Giorgio Caproni, assegnata quest’anno alla maturità, una perla di tracce in cui il tema del rapporto dell’uomo con la natura è ricorrente. Le cronache, proprio di questi giorni, hanno riferito del fiume Po ridotto a poco più di un rivolo, già quando lascia le montagne per aprirsi verso la pianura. Una situazione pericolosa che, per l’abbassamento delle falde acquifere, potrebbe portare gravi problemi di irrigazione nei prossimi mesi.