Brebemi è corsa ai ripari sull’autovelox trabocchetto
Gli appuntamenti del weekend
Tags
«Il Giopì» compie 120 anni Foto del Giorno «Il Giopì» compie 120 anni

La lotta alla fame
è nelle nostre mani

di Alberto Bobbio
La lotta alla fame è nelle nostre mani

La situazione è migliorata, ma i numeri sono altrettanto drammatici. Le statistiche a volte nascondono tragedie che si perpetuano. Non basta essere contenti perché, rispetto al 2004, oggi le persone che muoiono di fame sono diminuite. Non è assolutamente una svolta. Anzi il dramma resta. Ogni giorno 24 mila persone muoiono di fame, cioè mille ogni ora, cioè 16,6 ogni minuto. Tre quarti sono bambini sotto i cinque anni. Ma la morte per fame non è un problema, non ci tocca, non ci inquieta.

La Rai non è
in Italia

di Giorgio Gandola
La Rai non è in Italia

Saxa Rubra non è in Italia. Lì arriva un miliardo e 700 milioni di canone degli italiani (il 56% degli incassi totali); lì si concretizzano sprechi diventati nei decenni il paradigma dei mali del paese (lottizzazione, moltiplicazione delle poltrone); lì nascono soprannomi che non hanno bisogno di spiegazioni, come Sciupone l’Africano, per indicare il giornalismo alle vongole.

Tor Sapienza, bomba
sociale da disinnescare

di Agenzia Sir
Tor Sapienza, bomba sociale da disinnescare

Con le bombe, tecnologiche o di carta che siano, non si sono mai risolti i problemi, né nelle grandi guerre né in quelle piccole, tantomeno nei conflitti fra poveri. Come quello in corso nel quartiere di Tor Sapienza a Roma. Una borgata popolare, afflitta da varie forme di degrado sociale e ambientale, dove ha anche sede un Centro di prima accoglienza per immigrati e profughi, con una sessantina di ospiti.

Da Bonate Sotto all’Australia
per insegnare la lingua di Dante

di Angelo Monzani
Da Bonate Sotto all’Australia per insegnare la lingua di Dante

La lingua italiana è la quarta più studiata nel mondo, dopo l’inglese (ma non fa notizia), il francese e lo spagnolo. In una classifica di seimila idiomi, quello di Dante viene prima del cinese, del giapponese e del tedesco (almeno qui registriamo una vittoria sulla Merkel). Lo conferma il Consorzio Icon (Italian culture on the net) che associa 19 atenei italiani per promuovere la lingua italiana online.

Video del giorno