Bergamo al top in Italia per le Ztl Praticamente ultima per aree pedonali
Gli appuntamenti del weekend
Tags
L’omaggio di Sidney alle vittime del terrorismo Foto del Giorno L’omaggio di Sidney alle vittime del terrorismo

Se la Valle Brembana
si rimette in gioco

di Dino Nikpalj
Se la Valle Brembana si rimette in gioco

Dopo i fasti mondani dell’inaugurazione, da oggi San Pellegrino ritrova un pezzo della propria storia. L’abbiamo detto e lo ripetiamo volentieri: le nuove terme sono bellissime, e per più di un motivo. La funzionalità, la modernità, gli elevati standard qualitativi, la capacità di legare passato e futuro. In ogni senso. Le nuove terme non sono solo un’occasione per ricominciare, per uscire dalle secche di una crisi che sta attanagliando la Valle Brembana come poche altre zone nella Bergamasca.

Habemus signor Rossi

di Giorgio Gandola
Habemus signor Rossi

La corsa in salita è cominciata. Gente col fiatone corre verso il Quirinale e affila i gomiti per farsi largo al momento giusto.

Ci sono da raccogliere
i pezzi per domenica

di Marco Sanfilippo
Ci sono da raccogliere i pezzi per domenica

Avevamo parlato la scorsa settimana di «strada in pianura, ma attenzione alle curve». La Lazio all’Olimpico rappresentava in effetti una curva insidiosa, ma l’Atalanta ha sbandato di brutto finendo fuori strada e sfasciandosi. Una squadra a pezzi.

Da Bonate Sopra alla Romania
Vivo sulle punte la magia di Natale

di Angelo Monzani
Da Bonate Sopra alla Romania Vivo sulle punte la magia di Natale

Sara Previtali, ballerina di 25 anni, si prepara a portare in scena «Lo schiaccianoci». Il libretto è ambientato nella notte della Vigilia sulle note di Ciaikovskij. Il debutto al «Teatrul De Balet Sibiu» dove vive e lavora insieme a Manuel. Formatasi all’Accademia del Teatro alla Scala di Milano, si è esibita sui palcoscenici di mezzo mondo, da Seul a Sarajevo fino al Teatro Eliseo di Roma

Chi crede in Dio campa
100 anni. Ma è vero?

Chi crede in Dio campa 100 anni. Ma è vero?

In Avvento, nella liturgia della Parola, il Signore promette spesso di venire a consolare il suo popolo. Nel Nuovo Testamento poi campeggia la promessa di consolazione fatta da Gesù agli afflitti che quindi si possono dire paradossalmente beati. Lo stesso discorso vale per quelli che piangono. Beati loro, perché poi rideranno. Dio stesso asciugherà le loro lacrime.

Video del giorno