L'Editoriale
Atalanta, la realtà  supera la fantasia

Atalanta, la realtà
supera la fantasia

È un sorpasso a destra, in piena regola. La realtà che supera la fantasia, senza mettere la freccia. C’era una volta un presidente che sognava un’amichevole con una grande squadra, piena di fuoriclasse. Un modello da andare a studiare, quella società. E ora c’è un presidente che quella squadra la affronterà da pari grado, nei quarti di finale di Champions League. Non solo: la affronterà da una posizione di vantaggio indiscutibile. Non parliamo certo del livello tecnico: da quel punto di vista il Psg è costruito per vincere la Champions, senza se e senza ma. La proprietà araba della squadra parigina ha investito milioni a centinaia, pur di arrivare lì. Finora, raccogliendo magri risultati, va detto. L’Atalanta arriverà alla sfida di Lisbona avendo il vantaggio innegabile di giocare con l’unica squadra delle 8 che sarà ferma – al netto delle due finali di Coppa di Francia – dall’11 marzo. Quando l’Atalanta avrà giocato 13 partite, i suoi rivali ne avranno giocate soltanto 2, con tutti i rischi connessi.