L'Editoriale
Gli italiani, le vacanze e i pensieri d’autunno

Gli italiani, le vacanze e i pensieri d’autunno

Il secondo esodo post Covid sta seguendo un copione ampiamente conosciuto, con pochi guizzi innovativi dello Strapaese. Come se gli italiani volessero riprendere da dove si erano fermati, quasi avessero schiacciato il tasto «pausa» sulla loro vita, ansiosi di ricominciare la loro esistenza anche nei loro antichi difetti. Comprese le cosiddette «partenze non intelligenti» come quelle di ieri, il solito esodo di fine luglio (22 milioni di automobilisti!) con traffico intenso un po’ dappertutto, code bibliche (non a caso si chiama esodo) e soprattutto statiche, lunghe ore e ore, a rimasticare i pensieri dentro l’aria condizionata (o il finestrino abbassato). In particolare sulle dorsali adriatiche e ioniche e in direzione di Francia, Croazia e Slovenia è tutto un coda-coda.
Ddl Zan, testo da rivedere

Ddl Zan, testo
da rivedere

Ogni legislatore ha il dovere di generare prodotti normativi che garantiscano la chiarezza del comando giuridico il quale deve risultare omogeneo ai principii dell’ordinamento …