«Bergamo sarà l’ultima a ripartire  L’incendio può divampare ancora»
METEO In collaborazione con 3BMeteo
La super luna da Seriate Foto del Giorno La super luna da Seriate

Bergamo, città eroica
modello per tutti

Viva Bergamo, città eroica  modello da seguire per tutti

Questo spazio è dedicato ai lettori che ci scrivono per condividere i loro sentimenti, i progetti in questo momento di isolamento forzato per combattere il coronavirus. Scrivete al nostro indirizzo email: ecodellavita@ecodibergamo.it oppure attraverso la pagina Facebook de L’Eco di Bergamo.

Imprese, la spinta
Ora tocca all’Ue

Per le imprese una cifra imponente. Ora l’Europa

Ieri il Consiglio dei ministri italiano che vara il maxi-provvedimento sulla liquidità; oggi il plenum dei ministri delle Finanze dell’area euro che provano a trovare un accordo sulla risposta economica e fiscale alla pandemia. Non sono queste due giornate qualsiasi: si discute di come salvare, da una parte il tessuto produttivo della seconda manifattura della Ue, dall’altra di dimostrare che l’Europa è ancora una comunità e non un’assemblea di condominio dominata dai proprietari più micragnosi. Il governo italiano ha «aperto l’ombrello» sulle imprese di ogni dimensione con una manovra che mobilita 200 miliardi per dare loro liquidità e altri 200 per sostenere l’export.

Germania guai al paese
portatore di sciagure

di Alberto Krali
Germania, guai al Paese portatore di sciagure. Ma non è un’isola felice

Come nelle grandi battaglie anche nella lotta contro il coronavirus i numeri contano. I bollettini con la cifra dei contagi e dei morti hanno un impatto non solo sanitario ma psicologico. La morte finora relegata nelle varie ed eventuali di una società viziata dal benessere riemerge impietosamente. Guai al Paese che dà l’impressione di essere portatore di sciagure. La Germania ha 1.342 morti su 91.714 contagiati complessivi. Un numero tra i più bassi al mondo se si pensa che in Italia i contagi sono 124.632 ma le persone venute a mancare ai loro cari sono 15.362. Nei tre stadi che valutano un decesso ci sono la causa iniziale, quella intermedia e quella finale.

Silvia, anestesista in Svezia
con Bergamo nel cuore

di Fabiana Tinaglia
Silvia, anestesista in Svezia con Bergamo nel cuore

Da Ponte San Pietro a Malmö, Silvia con il compagno Giuseppe vivono e lavorano in Svezia. Si sono conosciuti ai tempi della scuola, poco più che ventenni, con una passione per la musica e una gran voglia di conquistare il mondo. Nel loro piccolo, un pezzettino se lo sono presi, con la tenacia tipica bergamasca, senza arrendersi davanti alle prime difficoltà. Giuseppe Assolari ha 38 anni ed è originario di Valbrembo, Silvia Marchesi ne ha invece 34 ed è di Ponte San Pietro: da un anno vivono in Svezia, ora a Malmö, dove stanno costruendo il loro futuro.