Bergamo-Treviglio, giornata nera Dieci treni dei pendolari cancellati
Gli appuntamenti

Marketing digitale, da dove partire

Come si possono misurare le strategie di un’azienda per raggiungere il pubblico con messaggi mirati? Suggerimenti utili per non perdere tempo e denaro
Skille - La bussola per le aziende
«Atmosfera d’estate...» Foto del Giorno «Atmosfera d’estate...»

Se Salvini non migra
dalle parole ai fatti

di Franco Cattaneo
Se Salvini non migra dalle parole ai fatti

La stretta del ministro Salvini sui migranti ha migliorato, ed era scontato, i sondaggi nei confronti della Lega, in sorpasso sui Cinquestelle alla vigilia del ballottaggio in numerosi Comuni, grazie anche al consenso del ceto medio, un tempo moderato e storicamente dispensatore di voti. Se questo è il dato virtuale, quello reale pone una domanda: oltre alle intenzioni di voto per i sovranisti, sono migliorate anche le soluzioni per i problemi dell’Italia, la sua cultura, il suo modo di essere, la ricucitura delle fratture? Ne dubitiamo, anche perché il governo del cambiamento è parso rassicurante proprio quando ha promesso di non cambiare alcuni fondamentali, come l’appartenenza all’euro.

Welfare, scegliere
oggi per domani

di Gigi Petteni
Welfare, scegliere oggi per domani

Il sistema di welfare di un Paese dice molto del suo grado di democrazia e della sua società civile. Per questo, il dibattito sulle pensioni, in un Paese che invecchia sempre di più e che quest’anno ha fatto registrare il record negativo delle nascite dall’Unità d’Italia, conquista puntualmente la ribalta politica e mediatica scaldando gli animi di tutti: operai, commercianti, artigiani, impiegati, economisti e politici si lanciano in discussioni sulle varie ipotesi di riforma che riempiono le pagine dei giornali.

Simona, attrice del Ttb
La rinascita a Copenaghen

di Estella Beltramelli
L’ amore per il teatro e Renzo Vescovi  Il lutto e la rinascita a Copenaghen

Simona Zanini, attrice al Teatro Tascabile Bergamo ha trovato nuova linfa vitale e artistica in Danimarca oltre la perdita del compagno e fondatore del TTB. «Non mi è mai piaciuto cadere nella routine, tanto meno nel teatro, che è un lavoro intenso e profondo. A volte ho sentito il bisogno di allontanarmi proprio per ritrovarne il senso. Questa attitudine mi ha portato a sperimentarmi in ambiti diversi. Le difficoltà non sono mancate, ma tutte le esperienze ti allargano un po’ l’ anima e il rimpianto non è un sentimento che mi appartiene».

Aborti selettivi, «nazismo
di oggi con i guanti bianchi»

di Diego Colombo
Aborti selettivi, «nazismo di oggi con i guanti bianchi»

Nel proprio recente, bellissimo discorso al Forum delle famiglie, Papa Francesco ha affrontato, tra gli altri, anche il tema dell’aborto selettivo. «Ho sentito dire che è di moda o almeno è abituale – ha affermato – che quando nei primi mesi di gravidanza si compiono gli studi per vedere se il bambino non sta bene, la prima offerta è: “lo mandiamo via”. L’omicidio dei bambini. Per risolvere la vita tranquilla si elimina un innocente». «Da ragazzo – ha aggiunto il Papa – la maestra che insegnava storia ci parlava della rupe, per buttarli giù, per salvaguardare la purezza dei bambini. Un’atrocità, ma noi ci comportiamo nello stesso modo». «Perché – si è chiesto ancora il Papa ad alta voce – non si vedono nani per la strada? Perché il protocollo di molti medici dice: viene male, mandiamolo via». «Nel secolo scorso – ha scandito il Pontefice – tutto il mondo si è scandalizzato per quello che commettevano i nazisti. Oggi ci comportiamo nello stesso modo, ma con i guanti bianchi».