I richiami per gli under 60 già vaccinati  con AstraZeneca riprendono il 17 giugno

I richiami per gli under 60 già vaccinati
con AstraZeneca riprendono il 17 giugno

Lombardia, la comunicazione della Regione: «I richiami di AstraZeneca interessati dalla vaccinazione eterologa e sospesi nel periodo 12-16 giugno verranno effettuati a partire dal 17 giugno e si andranno a sommare ai richiami già previsti in quel periodo». Posticipate di una settimana le seconde dosi di Moderna, saranno effettuate dopo 42 giorni. Tutti gli interessati saranno avvisati tramite sms.
METEO In collaborazione con 3BMeteo
Val Taleggio Foto del Giorno Val Taleggio

Lega, il piede
in due scarpe
fa perdere
i consensi

Lega, il piede in due scarpe fa perdere i consensi

Nell’ultimo sondaggio di Nando Pagnoncelli si è registrato un movimento significativo nel rapporto di forza tra i principali partiti italiani. È successo che la Lega è scesa per la prima volta sotto Fratelli d’Italia: secondo Ipsos se si votasse oggi raccoglierebbe il 20,1 per cento contro il 20,5 dell’alleato-concorrente. Si tratta di inezie percentuali dentro il margine d’errore dei sondaggi. Però non era mai successo.

I due blocchi
e l’Ue più unita

di Fulvio Scaglione
I due blocchi e l’Ue più unita

La sintesi che il nostro premier, Mario Draghi, ha fatto delle conclusioni del G7 di Carlis Bay, in Cornovaglia, pare piuttosto affidabile. Perché l’Italia, pur ribadendo la propria fedeltà atlantica ed europeista, è un Paese moderato, e libero da particolari contenziosi. Ma soprattutto perché anche a questi livelli di alta politica, tra il dire e il fare la distanza può essere rilevante. In sede di presentazione avevamo detto che sarebbe stato un G7 all’insegna della Cina e così è stato.

«Io, bergamasca
nel mondo
da quando avevo
appena due anni»

di Andrea Taietti
«Io, bergamasca nel mondo da quando avevo appena due anni»

C’è chi inizia a viaggiare per il mondo ancora prima di pronunciare la sua prima parola. È il caso di Silvia Rota, 27 anni, originaria di Clusone, che fin da piccolissima ha iniziato a migrare. «Sono nata in provincia di Bergamo – racconta la ragazza –, ma quando non avevo ancora due anni io e i miei genitori ci siamo trasferiti a Neuchâtel, in Svizzera, per il lavoro di mia mamma, docente di francese in Italia inviata dal ministero degli Affari esteri come insegnante di italiano in Paesi di lingua francese. A Neuchâtel ho frequentato la scuola materna e i primi anni delle elementari in francese, ma contemporaneamente anche i corsi di italiano organizzati dal Consolato, essendo così scolarizzata sempre nelle due lingue già da piccola. Sempre per gli stessi motivi di lavoro, ci siamo poi spostati in Belgio nel 2002, a Bruxelles, dove ho proseguito il mio percorso scolastico in francese, frequentando il Lycée français Jean Monnet dalla quarta elementare fino alla maturità».