«Nel 2022 diremo addio al green pass, ma per ora manteniamo le mascherine»
METEO In collaborazione con 3BMeteo
Autunno all’Orto botanico: ancora pochi giorni per visitarlo prima della chiusura invernale Foto del Giorno Autunno all’Orto botanico: ancora pochi giorni per visitarlo prima della chiusura invernale

Le pretese dei partiti
Ma Draghi non strappa

di Andrea Ferrari
Le pretese dei partiti Ma Draghi non strappa

Si sentono le onde provocate dal voto sui sindaci, eccome se si sentono. In questo momento tutte le barche si muovono in un vorticoso giro su loro stesse. Ondeggia la barca del governo, scossa dalle continue richieste dei partiti («le bandierine», le chiama il presidente di Confindustria Bonomi) a Draghi e al ministro dell’Economia Franco impegnati a chiudere il cerchio della prossima finanziaria. Beccheggia soprattutto il barcone del centrodestra, colpito da una dura sconfitta che scatena a bordo le ire di tutti contro tutti. E si muovono anche i navigli dei vincitori, convinti adesso di poter alzare la voce persino col presidente del Consiglio. Questa danza dei legni troverà il suo acme in febbraio quando si tratterà di eleggere il (nuovo?) capo dello Stato nella partitissima del settennato per quella che sul serio e non solo sulla carta è diventata - crisi politica dopo crisi politica - la poltrona più importante della Repubblica, l’unica veramente stabile, quella da dove si danno le carte.

Ragazza decapitata
Afghanistan sprofonda

di Andrea Valesini
Ragazza decapitata Afghanistan sprofonda

Agli occhi dei suoi aguzzini, la colpa della giovane pallavolista Majhubin Hakimi era di non voler abbandonare lo sport, vietato alle donne perché facce e corpi non sono coperti. Così i talebani l’hanno decapitata, confermando la natura barbara del loro movimento, non cambiato rispetto ai cinque anni di potere precedenti (1996-2001). Majhubin faceva parte della nazionale giovanile dell’Afghanistan. A dare notizia del delitto, la sua allenatrice: è stato compiuto a inizio ottobre, ma la tragedia è emersa solo ora perché i talebani avrebbero trattenuto anche i familiari della vittima, costringendoli al silenzio. E pure questo dettaglio dice del clima di pesante repressione che grava su Kabul. Unanime la condanna dell’omicidio da parte della politica italiana ed europea. Ma delle giocatrici della nazionale giovanile, ha aggiunto l’allenatrice, solo due sono riuscite a scappare all’estero, mentre tutte le altre «sono state costrette a nascondersi» e i tentativi di trovare «aiuto da organizzazioni e Paesi internazionali non hanno avuto successo».

Mattia, il triatleta formato a Brisbane
che insegna etica ai manager

di Andrea Taietti
Mattia, il triatleta formato a Brisbane che insegna etica ai manager

«Sono da sempre un amante della natura, delle montagne e della neve. Inoltre, mi sono sempre interessato di problematiche sociali, credo principalmente grazie ai miei genitori e al loro lavoro nel campo della fiscalità ma anche dei diritti dei lavoratori». Mattia Anesa, 39 anni, originario di Gazzaniga, racconta così i motori principali che lo hanno spinto nel tempo a vivere in diverse parti del mondo, affrontando tantissime sfide e tutte diverse (ma da un triatleta, anche se non professionista, cosa aspettarsi?), fino a settembre 2013, quando si è trasferito a Brisbane, in Australia, e poi a Sydney, nel 2018, dove vive e lavora tuttora.