Reddito di cittadinanza Il 70% non è pronto al lavoro
Gli appuntamenti
Il ghiaccio si scioglie Foto del Giorno Il ghiaccio si scioglie

M5S, no all’Italia
di serie «A» e «B»

di Andrea Ferrari
M5S, no all’Italia di serie «A» e «B»

Era inevitabile che la discussione sull’autonomia rafforzata delle Regioni del Nord incrociasse le tensioni tra partner di governo. E che in qualche modo rallentasse un iter di per sé già piuttosto complesso. Sarà così necessario un vertice politico a tre per sciogliere i nodi residui. Il primo dei quali riguarda il ruolo del Parlamento in questa vicenda. Fin qui era assodato che, una volta siglata l’intesa tra Governo e Regioni, questa sarebbe stata sottoposta a un voto di Camera e Senato a maggioranza assoluta dei componenti: un sì o un no a un testo non emendabile.

Un danno le giravolte
in politica estera

di Alberto Krali
Un danno le giravolte in politica estera

La politica estera è una cosa seria. Lasciarla in mano a sprovveduti produce danni al Paese. Se n’è accorto il nostro presidente del Consiglio al Parlamento europeo. Il capogruppo liberale Verhofstadt ha potuto gridargli in faccia di essere un burattino e nessuno ha battuto ciglio. Anche chi non condivideva il giudizio. Ecco il prezzo che si paga quando il governo che si rappresenta diventa indifendibile anche per chi lo vorrebbe difendere. Conte era stato apprezzato a Bruxelles nella trattativa di bilancio ma quando si rompe l’unanimità di 27 Paesi nella condanna di Maduro in Venezuela è ovvio che si semina tempesta. A che pro? Son bastati pochi giorni e la posizione è cambiata. La Santa Sede rende nota la lettera inviata al dittatore venezuelano e subito a Roma capiscono che la rotta tracciata conduce sugli scogli. Così si ripiega sulla richiesta di elezioni libere ma senza condannare apertamente il dittatore.

Passo Champions
Con il Milan si può
gettare la maschera

di Andrea Benigni
Passo Champions Con il Milan si può gettare la maschera

Profumo di Campioni nella domenica uggiosa dello stadio di Bergamo. Qualche ora dopo la delusione di Sofia Goggia, solo 15ª nella discesa dei Mondiali svedesi di Are, ma schietta come sempre, anche ad ammettere che «non ho interpretato bene la pista», l’Atalanta ci ha restituito il sorriso con una zampata che autorizza, forse come mai prima di domenica, di sognare la Champions League: il passo nel girone di ritorno è quello, lo dicono i numeri.

Amore per le galassie
In Inghilterra
fa l’astrofisica

di Gloria Vitali
Amore per le galassie In Inghilterra  fa l’astrofisica

La sua passione, per le stelle e i pianeti, è nata quando aveva poco più di 8 anni, fin dal giorno in cui alla scuola elementare ha fatto la conoscenza del sistema solare. Oggi, trentacinque anni dopo, Alessia Gualandris, dalminese classe 1976, è a capo del gruppo di Astrofisica dell’Università del Surrey, a Guilford in Inghilterra. In mezzo la voglia di fare ricerca a livello internazionale: partendo da una laurea in fisica a Milano nel 2002, passando da un dottorato «che sembrava fatto per me» ad Amsterdam sulla simulazioni di ammassi globulari (un enorme numero di stelle, centinaia di migliaia, in uno spazio circoscritto legate dalla gravità ndr), la ricerca negli States, tra supercomputer per testare nuovi modelli di evoluzione di stelle in ambienti ad alta intensità, e al Max Planck Institute per Astrofisica a Monaco di Baviera, immersa nella scoperta di modelli dinamici per sistema binari di buchi neri super massivi.

Se le lancette dell’orologio
della storia tornano indietro

di Diego Colombo
Se le lancette dell’orologio  della storia tornano indietro

C’è un’immagine che, a noi ragazzi degli anni Sessanta, è rimasta indelebile. Reykjavik, 1986, vertice tra Reagan e Gorbaciov. Il presidente sovietico arriva all’appuntamento addirittura in anticipo. Reagan glielo fa notare. Il russo consulta l’orologio. Quando ci si incammina davvero per la via della pace, non si indugia.