Val Calepio e Sebino
Gli spari, poi la fuga con le targhe finte «Il movente? Vecchi screzi lavorativi»