Eco-sostenibilità, cresce il lavoro Ma manca la preparazione

Eco-sostenibilità, cresce il lavoro
Ma manca la preparazione

Oltre 120mila imprese in Italia hanno investito in eco-sostenibilità nel 2015. Tra i settori ambientali 1.200 attività sono guidate da giovani. Cresce la richiesta di «green jobs»: 14,9% del totale del fabbisogno di assunzioni nel 2015, contro il 10,9% del 2009.

Le regioni più «green» sono Lazio e Basilicata, dove la richiesta di esperti ambientali sale al 18,8% e al 18,7% del totale. In Lombardia sono stati 19 mila i nuovi assunti in professioni «green». È quanto emerge da elaborazioni dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese, Fondazione Symbola - Unioncamere, GreenItaly, 2015 e Sistema Informativo Excelsior e Eurostat.

Il settore attualmente conta oltre 120 mila imprese in Italia che hanno investito in eco-sostenibilità, circa 1.200 guidate da giovani, ma dà lavoro a 2,9 milioni di professionisti. Solo nel 2015, la green economy ha generato un fabbisogno occupazionale di 74.690 nuovi posti di lavoro, di cui il 20,2% è di difficile reperimento.

La crescita del 2015 arriva dopo un periodo di crisi che ha coinvolto anche questo settore, e ha portato tra 2011 e 2014 ad una riduzione della quota di imprese che hanno fatto eco-invesistenti rispettivamente dal 14,3% al 5,7%. Nel Registro Imprese sono quasi 1.200 le imprese giovanili di comparti legati alla green economy al III trimestre 2015. La concentrazione più elevata in Piemonte, Lombardia e Campania. Tra le province al primo posto c’è Torino, mentre Brescia è la prima a livello lombardo per presenza di imprese green giovanili, davanti a Milano.

Guardando al mercato del lavoro nel settore, attualmente in Italia sono circa 2,9 milioni gli occupati in professioni «green», vale a dire lavori finalizzati a produrre beni e servizi eco-sostenibili o a ridurre l’impatto ambientale dei processi produttivi, tra energy manager, ingegneri energetici e specialisti del settore ambientale, e rappresentano il 13,2% degli occupati complessivi in tutto il Paese.

Quello dei «Green Jobs» è un fenomeno in forte crescita confermato dal fabbisogno di figure professionali specializzate nel settore ambientale che è passato dal 10,9% del totale delle assunzioni nel 2009 al 14,9% del 2015. Si tratta complessivamente di una domanda di 74.690 esperti ambientali, che riguarda per il 40,1% figure professionali in possesso di diploma di laurea, e per il 55,4% di assunzioni a tempo indeterminato. Gli specialisti del settore ambientale sono richiesti soprattutto nelle costruzioni (44,5% delle assunzioni nel 2015), meno nell’industria manifatturiera (18,3%) e per le imprese la domanda è superiore all’offerta: l’incidenza dei profili di difficile reperimento è più alta nei profili “green” (20,2%), rispetto alle altre professionalità (10,5%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare