Domenica 12 maggio 2013

Piacenza, cade da una jeep
Grave alpino 41enne di Pontida

Grave incidente sabato 11 maggio, all'adunata nazionale degli alpini, in corso a Piacenza. Un alpino di Pontida, Giacomino Bonanomi, 41 anni, si è ferito gravemente cadendo da una vecchia jeep utilizzata proprio in occasione delle sfilate.

La penna nera, che era a Piacenza col gruppo alpini di Villa d'Adda, è ricoverato all'ospedale di Parma. Il conducente del mezzo, un alpino di Bergamo di 50 anni è stato denunciato a piede libero dagli agenti della polizia stradale per guida in stato di ebbrezza. Ulteriori accertamenti sono in corso sul mezzo che ha provocato l'incidente: una vecchia jeep Suzuki Santana, uno di quei trabiccoli che sono parte del folclore dell'adunata degli alpini.

La vecchia Santana (sequestrata) risulterebbe essere un veicolo rottamato, con numero di telaio abraso, senza targa, senza assicurazione, non revisionato. La Santana era però stata ridipinta di verde, sistemata in qualche modo e adattata con un sistema di diffusione audio.
L'incidente è avvenuto poco prima delle 3 di sabato, in via Colombo. A quanto pare un gruppo di alpini che aveva preso posto sulla jeep, si era fermato nell'area di servizio Agip. Fatto il pieno di carburante il mezzo è ripartito di scatto. In quel momento si trovavano a bordo sei persone oltre al conducente. Due dei passeggeri che erano sul cassone, forse proprio a causa dell'improvviso scatto della jeep, sono precipitato a terra. Uno dei due se l'è cavata con lievi escoriazioni giudicate guaribili in pochi giorni. Non altrettanto fortunato è stato Bonanomi che, seduto sul fondo della jeep scoperta, sarebbe caduto all'indietro battendo violentemente il capo sull'asfalto. La caduta gli ha provocato la frattura della base cranica. Gli amici del ferito hanno subito chiamato i soccorsi e sul posto sono intervenute due ambulanze, la Stradale e la Polfer. Le condizioni del quarantunenne sono apparse subito molto gravi.

Per saperne di più leggi L'Eco di Bergamo del 12 maggio

fa.tinaglia

© riproduzione riservata