Un piatto della tradizione bergamasca La verza con il cotechino (e la polenta)
Una foto di repertorio della verza con il cotechino alla bergamasca

Un piatto della tradizione bergamasca
La verza con il cotechino (e la polenta)

Anche se fa già caldo e l’estate è alle porte, questa settimana vi proponiamo comunque una ricetta cult della Bergamasca: la verza con il cotechino e la polenta. Che per i veri bergamaschi è buona tutto l’anno, non solo d’inverno. Ecco l’elenco degli ingredienti e la procedura per prepararla

D’accordo, fa già abbastanza caldo e siamo ormai praticamente a giugno, con l’estate alle porte. Ma da veri bergamaschi e non ci tiriamo certo indietro di fronte alla ricetta che proponiamo questa settimana, un must della tradizione orobica, certamente più adatta in inverno, ma che un bergamasco doc può – anzi, deve – apprezzare in tutte le stagioni. Stiamo parlando della «Verza e cotechino alla bergamasca». Ovviamente con la polenta. Ecco l’elenco degli ingredienti e il procedimento per la preparazione.

Per cominciare, ecco gli ingredienti che vi dovete procurare per preparare un’ottima verza con cotechino:
- 500 gr di cavolo verza
- 4 cotechini bergamaschi di maiale
- 200 gr di farina gialla
- 50 gr di farina di grano saraceno
- 30 gr di burro
- 100 gr di Parmigiano grattugiato
- sale qb

Ed ecco anche il procedimento per la preparazione:
Pulite mezzo chilo di cavolo verza e tagliatelo a listelle, poi lavatelo sotto l’acqua corrente e mettetela in una casseruola con 4 cotechini bergamaschi di maiale. Coprite con l’acqua, salate quanto basta e fate cuocere con il coperchio, finché la carne non sarà cotta. Preparate nel frattempo la polenta, usando 200 gr di farina gialla e 50 di grano saraceno: fate cuocere per circa 20 minuti, poi mescolate verza e carne per altri 20 minuti. Aggiungete nel piatto il Parmigiano e il burro. E buon appetito!

Vi ricordiamo che «La ricetta (quasi) perfetta» la trovate tutti i sabati su L’Eco di Bergamo in edicola (nell’Agenda) e tutti le settimane sul sito (con aggiornamento il sabato).

Per rileggere le precedenti ricette cliccate qui

© RIPRODUZIONE RISERVATA