Zingonia, manca poco alla demolizione  Vertice in Prefettura per gli espropri
I palazzi Anna e Athena a Zingonia, lungo corso Europa

Zingonia, manca poco alla demolizione

Vertice in Prefettura per gli espropri

Il concreto momento della demolizione a Zingonia dei sei condomini Anna e Athena, in corso Europa, si avvicina sempre di più. Sabato scadrà il termine entro il quale ai proprietari degli appartamenti di questi palazzi, simbolo del degrado del quartiere, era stato concesso di raggiungere con Aler un accordo bonario per la cessione dei propri immobili.

Da settimana prossima il Comune di Ciserano darà formalmente il via all’iter di esproprio delle abitazioni che il pubblico non è ancora riuscito ad acquisire: ne mancano 79 su 208. Contemporaneamente con gli espropri, bisognerà procedere con gli sgomberi. Ed è proprio per prepararsi a gestire questa delicata fase che, in Prefettura, è convocato un tavolo fra gli amministratori dei cinque Comuni che costituiscono Zingonia (oltre a Ciserano, Verdellino, Verdello, Boltiere e Osio Sotto), forze dell’ordine, Provincia, Aler, Infrastruttura lombarde e Regione per la quale sarà presente l’assessore regionale alla Casa e vicepresidente Fabrizio Sala.

Attualmente negli Anna e Athena sono ufficialmente residenti 124 persone (di cui 7 italiani). Da queste ne vanno tolte circa una ventina perché ormai giudicate irreperibili. Ne vanno però a sua volta aggiunte altre, di numero impossibile da quantificare, perché i sei condomini sono solitamente abitati da abusivi. La loro completa acquisizione da parte di Aler (che insieme alla Regione ha stanziato per questa operazione complessivamente 6,7 milioni di euro) è, comunque, un requisito fondamentale da assolvere prima che possano essere abbattuti. Solo quando tutti gli appartamenti saranno espropriati, i palazzi saranno infatti demoliti.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 28 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA