Bonus nido, via alle richieste Ecco come fare per avere i mille euro

Bonus nido, via alle richieste
Ecco come fare per avere i mille euro

Le istanze si presentano on line o tramite call center.Richieste soddisfatte fino a esaurimento dei fondi.

È arrivato il momento del bonus nido. Da oggi sarà possibile presentare la domanda per richiedere il contributo che il Governo ha messo a disposizione, all’interno dell’ultima legge di bilancio, delle famiglie italiane che sceglieranno di iscrivere i loro figli all’asilo nido. Secondo le prime stime, a richiederlo potrebbero essere in 144 mila, di cui circa 10 mila tra Bergamo e provincia. La domanda potrà essere presentata dal genitore di un bambino nato o adottato dal 1° gennaio 2016, purché sia cittadino italiano, comunitario o abbia un permesso di soggiorno di lungo periodo. A presentare la domanda dovrà essere il genitore che sostiene l’onere del pagamento della retta. In caso di adozioni o affidamenti preadottivi, verrà presa in considerazione la data più favorevole tra il provvedimento di adozione e la data di ingresso in famiglia del minore, purché successiva al 1° gennaio 2016. Sarà possibile anche chiedere il contributo per il supporto a casa dei bambini che soffrono di particolari patologie, per un massimo di tre anni.

A Bergamo e provincia gli aventi diritto potrebbero essere, quindi, circa diecimila. La stima tiene conto dei 9 mila bambini nati nel 2016 e delle adozioni. Tuttavia, lo scorso anno scolastico risultavano iscritti negli asili nido della Bergamasca poco più di 5.200 bambini. La modalità di erogazione del contributo (mille euro su base annua) cambia a seconda se il bambino frequenta il nido oppure no. Nel primo caso, gli assegni verranno erogati ogni mese dietro presentazione da parte del genitore della ricevuta di pagamento delle rette mensili dell’asilo. Nel secondo caso, il contributo arriverà in un’unica soluzione, a seguito di presentazione di un’attestazione rilasciata dal pediatra che dichiari «l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido» per «grave patologia cronica». Inutile presentarsi agli sportelli dell’Inps: la domanda dovrà essere presentata attraverso il servizio dedicato sul sito internet dell’Ente, oppure mediante il Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) o 06 164 164 da rete mobile; o ancora tramite i patronati e gli intermediari dell’Inps. Il contributo s’intende per bambino: in caso di richiesta per più di un figlio sarà dunque necessario presentare una domanda per ciascuno.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 17 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA