Mozione di sfiducia contro Maroni Lui rilancia sulla sanità (e twitta L’Eco... )

Mozione di sfiducia contro Maroni
Lui rilancia sulla sanità (e twitta L’Eco... )

Alfieri, segretario del Pd: «Davanti a questi passaggi delicati ci deve essere l’unità di tutta l’opposizione per un obiettivo importante che è quello di mandare a casa Maroni»

«Ci sono sei inchieste che dicono che c’è un grosso problema, in Regione Lombardia, di trasparenza, di correttezza negli appalti, di incapacità di eliminare le zone opache, i conflitti di interesse, il sistema degli appalti sotto soglia. Mi sembra che sia un problema enorme che non riesce a trovare soluzione». Il segretario lombardo del Pd Alessandro Alfieri, ha presentato così, insieme al Patto Civico, una mozione di sfiducia al governatore Roberto Maroni, dopo l’arresto del consigliere regionale leghista e presidente della Commissione Sanità Fabio Rizzi.

Alessandro Alfieri

Alessandro Alfieri

La mozione, al più tardi, verrà depositata giovedìi, per essere calendarizzata nella prossima seduta del Consiglio lombardo, fra 13 giorni. Alfieri parla di «sistema Lega»: «Sei inchieste, una dietro l’altra, una più grave dell’altra, devono andare davanti ai lombardi e dire che non c’e’ un problema in Regione Lombardia, quando invece c’è un problema grosso come una casa», dice Alfieri, secondo cui «c’e’ un rapporto malato tra un pezzo della politica di centrodestra e la sanità e questo nodo va reciso senza se e senza ma e l’unico modo è attraverso le dimissioni di Maroni, ridando la parola agli elettori».

Fabio Rizzi e Roberto Maroni

Fabio Rizzi e Roberto Maroni

Ma Maroni incassa la solidarietà immediata di Paolo Grimoldi, segretario della Lega Lombarda: «Dal centrosinistra oggi invocano le dimissioni e presentano mozioni di sfiducia, che peraltro servono solo a rafforzare la nostra maggioranza, ma quando nei mesi precedenti all’Expo sono finiti in manette collaboratori strettissimi di Giuseppe Sala dal Pd nessuno ne ha chiesto le dimissioni e anzi lo hanno sempre protetto e coccolato per poi candidarlo sindaco a Milano. Come Lega Nord confermiamo la nostra linea: se qualcuno sbaglia deve pagare. E personalmente concordo pienamente con Maroni, che si è detto stupito e incazzato per questa vicenda, ma ancora più motivato a continuare il suo lavoro. Personalmente sono a mia volta stupito e incazzato per le strumentalizzazioni politiche fatte dal Pd, che ancora una volta dimostra il suo eterno atteggiamento da due pesi e due misure».

Paolo Grimoldi

Paolo Grimoldi

E Maroni? Applaude Grimoldi.

E rilancia la palla. «Questa è la buona sanità di Regione Lombardia, che farò prevalere con l’aiuto degli onesti». Lo scrive mercoledì 17 febbraio, sul suo account Twitter, il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni. Il presidente allega al suo tweet due articoli - del «Cittadino di Lodi» («Ospedali, ricoveri in calo. Pazienti negli ambulatori») e de «L’Eco di Bergamo» («La nuova sanità, al centro il dialogo con il territorio»), in edicola oggi - in cui si evidenzia l’importanza del dialogo nella promozione e attuazione dell’evoluzione del Sistema socio-sanitario lombardo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (28) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
e.capitanio76
emanuel capitanio scrive: 19-02-2016 - 09:51h
Chi sbaglia è giusto che paghi,ma il pd ha proprio un bel coraggio chiedere la mozione di sfiducia per maroni,dopo tutto il magna magna della famiglia Renzi,e Boschi.....ormai stiamo proprio cadendo nel ridicolo,litighiamo per uno schieramento politico o l altro,tanto sono tutti uguali,l unico interesse che hanno in comune e' magna'
Angelo Carminati scrive: 18-02-2016 - 15:06h
Maroni cita il "Cittadino di Lodi" dicendo che ci sono più pazienti negli ambulatori e meno negli ospedali. Così ha risolto il problema degli ospedali spostandolo sugli ambulatori, intasandoli. Ho richiesto una visita specialistica il 12/09/2015 e mi hanno dato l'appuntamento per il 21/03/2016, più di sei mesi dopo. I farmaci a carico del SSN sono sempre meno, i medici prescrivono sempre più farmaci a pagamento (altra lobby). Certo, dopo aver pagato le tasse, mi ritrovo a dover pagare anche le prestazioni privatamente se voglio essere curato in tempi ragionevoli! E' questa che Maroni intende per buona sanità lombarda? O deve solo favorire la lobby dei medici privati, farmacie etc. ai quali, in mancanza di alternative, il paziente si deve rivolgere? E' chiaro che deve fare una buona campagna elettorale accaparrandosi i voti delle varie corporazioni, a discapito del cittadino comune!
Giuseppe Brembilla scrive: 18-02-2016 - 12:16h
Lega Ladrona l'Italia non perdona!!!
gigi rossi scrive: 18-02-2016 - 14:06h
Bravo! E adesso vai a lavorare...
giancarlo passalacqua scrive: 18-02-2016 - 05:41h
Caro Personeni se non riesce a capire che il PD è figlio dei soliti noti che un tempo si chiamavano P.C.I e dopo vari cambi di sigle e fusioni è diventato Il " Partito Democratico " sarebbe meglio smettesse di fare commenti.
dipegi
Dario Personeni scrive: 18-02-2016 - 13:04h
Se casca su provocazioni così evidenti, smetta anche lei.
Vedi tutti i commenti