Suona la campanella per 170 mila alunni Cercansi 533 docenti in Bergamasca

Suona la campanella per 170 mila alunni
Cercansi 533 docenti in Bergamasca

La campanella è pronta a suonare. Quest’anno sui banchi di scuola sono attesi 170.660 alunni.

Dalla scuola dell’infanzia a quella superiore di secondo grado si contano 170 studenti in meno: dato in linea col trend degli ultimi anni. Saranno 11.500 invece i docenti, di cui almeno 1.000 fanno parte dell’organico di potenziamento delle singole scuole e si occuperanno di progetti multidisciplinari o saranno a disposizione per supplenze brevi. Tra città e provincia si contano 31 istituti senza dirigente scolastico (erano 25 nel 2016): due scuole superiori e 29 istituti comprensivi, solo due in città. Non solo: circa il 50% delle scuole dovranno fare i conti con la mancanza del dsga, il direttore dei servizi generali e amministrativi. Rispetto agli anni scorsi, al suono della prima campanella anche gli insegnanti saranno (quasi) tutti in classe: il Ministero ha anticipato le procedure per l’assunzione dei docenti, di ruolo o supplenti. Proprio le supplenze saranno comunque numerose, in particolare negli ambiti che da tempo si annunciano come delicati: per esempio nel sostegno, dove mancano docenti specializzati e quindi verranno assegnate con supplenza annuale 74 cattedre alla scuola dell’infanzia, 417 alla primaria e 278 nella secondaria di primo grado. In generale mancano 533 docenti.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 8 settembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (2) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
RosannaVavassori
Rosanna Vavassori scrive: 08-09-2017 - 10:21h
fino a quando la Pubblica istruzione avrà come scopo unico di assumere gli insegnanti del sud, da questa cosa non ne usciremo Mai. Precedenza ai nostri insegnanti.
Francesco Zenda scrive: 08-09-2017 - 05:29h
Il Collegio Docenti del Liceo Artistico di Bergamo, su proposta del Preside Cesare Botti, ha spezzato le cattedre di Geostoria (3 ore, 1 voto) in Geografia (1 ora, 1 voto) e Storia (2 ore, 1 voto). Ho protestato verso questa illegalita'. Il Preside, che mi aveva dato 6 classi per Geostoria, adesso mi da' 14 classi per Geografia e 2 per Storia: 16 classi su una cattedra di 18 ore. Signor Provveditore, e' tutto regolare o c' e' qualcosa di scorretto? Firmato: prof Piero Giombi
zambetti45.7976737663
Sandro Tovalieri scrive: 08-09-2017 - 10:53h
O scrive Piero Giombi o Francesco Zenda...