Assunti e licenziati, truffa all’Inps  170 i casi sospetti nella Bergamasca

Assunti e licenziati, truffa all’Inps
170 i casi sospetti nella Bergamasca

Sarebbero 170 gli stranieri sul territorio di Bergamo che avrebbero beneficiato del presunto meccanismo fraudolento scoperto a Brescia.

La maxi inchiesta della Procura della Leonessa, con al centro una cooperativa con sede legale sempre a Brescia, avrebbe individuato un meccanismo per cui gli stranieri venivano assunti da una cooperativa e poi licenziati, al solo scopo di ottenere il permesso di soggiorno dalle questure e poi benefici previdenziali dall’Inps quali l’assegno di disoccupazione o la maternità. E in Bergamasca sarebbero almeno 170 gli stranieri interessati da questo meccanismo. Secondo gli investigatori la «mente» di questa organizzazione sarebbe un settantacinquenne, Vittorio Ravizza, residente a Bergamo e già noto alle forze dell’ordine.

Gli inquirenti lo definiscono «promotore» della presunta associazione per delinquere ma anche «organizzatore e coordinatore della cooperazione nel reato». Stando alle accuse «si occupava anche di raccogliere le richieste dei vari cittadini extracomunitari» per dirottarli da chi era incaricato di redigere «la documentazione falsa necessaria».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 16 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare