Vaccini, a caccia di certificazioni Quattromila richieste in Bergamasca

Vaccini, a caccia di certificazioni
Quattromila richieste in Bergamasca

La corsa ai vaccini per chi deve iscriversi a scuola? A Bergamo non c’è.

I bergamaschi, se si guarda ai numeri delle richieste arrivate fino a ieri alle 3 Asst (Aziende socio sanitarie territoriali, cioè le ex Aziende ospedaliere che con la riforma hanno in carico anche l’erogazione delle profilassi vaccinali) Papa Giovanni di Bergamo, Bergamo Ovest e Bergamo Est, non sembrerebbero avere grossi ritardi per presentare i figli in regola al nuovo anno scolastico, secondo la nuova legge sui vaccini. Infatti, le richieste per le certificazioni superano di gran numero quelle per la somministrazione delle profilassi non ancora effettuate. In particolare a Bergamo, dove l’Asst Papa Giovanni (a cui fanno capo non solo il capoluogo e l’hinterland ma anche la Val Brembana e la Valle Imagna) ha cominciato a ricevere richieste a partire dall’ultima settimana di agosto, fino a lunedì scorso sono stati rilasciati un centinaio di certificazioni vaccinali una sessantina di prenotazioni per vaccini non ancora effettuati. Per quanto riguarda invece l’Asst Bergamo Ovest (ex Azienda ospedaliera di Treviglio), con il rilascio dei certificati (dal 15 giugno al 5 settembre) si è arrivati a una quota totale di 2.190, nel dettaglio quelli rilasciati dall’Ambito di Dalmine sono stati 780, da quello della Bassa 970 e dall’Ambito dell’Isola 440.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 8 settembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA