Ami l’arte? La Gamec ti sta cercando Si selezionano i nuovi educatori museali

Ami l’arte? La Gamec ti sta cercando
Si selezionano i nuovi educatori museali

Hai studiato storia dell’arte all’università? I musei esercitano su di te un grande fascino? Raccontare l’arte ti appassiona? C’è una nuova occasione: partecipare alla selezione di nuovi educatori Gamec che si terrà a ottobre.

La Gamec indice infatti una selezione – che sarà seguita da un periodo di formazione e affiancamento – indirizzata a quanti, in possesso di competenze storico-artistiche, siano interessati diventare educatori museali e a collaborare, a chiamata e in occasione di specifiche richieste, alle attività didattiche della Gamec (visite guidate, elaborazione di programmi per le scuole, ...).

Saranno selezionati 8 candidati, in base a un test d’ingresso e a un successivo colloquio atto a stabilirne attitudini e motivazioni. La formazione sarà relativa alla pedagogia del patrimonio culturale, all’identità dei Servizi Educativi della Gamec, alla didattica della visita guidata e alla modalità di progettazione per le scuole. L’affiancamento consisterà in momenti in cui sarà richiesto di seguire gli educatori museali Gamec durante la conduzione di laboratori, e in momenti dedicati di passaggio di consegne su alcuni programmi didattici.

Ecco il bando.

Le domande, redatte su apposito modulo, dovranno contenere un curriculum vitae, la liberatoria ai fini della privacy e le copie – in carta semplice – di tutti i documenti atti a dimostrare il possesso, da parte del candidato, dei titoli e dei requisiti indicati nel bando. Le domande d’iscrizione dovranno essere inviate, esclusivamente tramite posta elettronica certificata, all’indirizzo amministrazione_gamec@legalmail.it, entro e non oltre le ore 18 del 7 settembre 2017 indicando, nell’oggetto del messaggio di posta elettronica, Bando di selezione di educatori museali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare