A Ponteranica una sezione Montessori contro il calo di iscritti alle elementari

A Ponteranica una sezione Montessori
contro il calo di iscritti alle elementari

Cresce la popolazione, diminuiscono gli iscritti alle scuole elementari. Per invertire il trend negativo l’amministrazione comunale di Ponteranica, insieme alla dirigenza scolastica, hanno deciso di correre ai ripari proponendo l’attivazione di una sezione Montessori nel plesso della scuola primaria Lorenzo Lotto.

«Avremmo pensato – spiega il vicesindaco Susanna Pini – di proporre l’attivazione di una sezione Montessori nel plesso della “Lotto”, poiché i dati dei bambini residenti in età scolare vedono un trend in calo nei prossimi anni, tale da prefigurare la possibile chiusura». «La proposta Montessori – aggiunge Pini – potrebbe attrarre iscrizioni anche da territori limitrofi, come già avvenuto con successo alla scuola primaria di Grumello al Piano di Bergamo che, con la sezione Montessori, ha rivitalizzato la scuola e scongiurato la chiusura. Inoltre, costituirebbe un’esperienza di arricchimento professionale per tutto l’istituto. La “Lotto” (scuola a tempo pieno e monosezione) si paleserebbe come il contesto ideale in cui avviare la sperimentazione». Punti di forza sono costituiti dalla presenza di un’insegnante che ha esperienza pluriennale nella scuola Montessori e la disponibilità del corpo insegnanti a seguire un corso di specializzazione.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 11 gennaio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (1) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Damiano Valoti scrive: 11-01-2017 - 08:08h
Complimenti per l'iniziativa! Certo, è deprimente e vergognoso per un paese come l'Italia, patria della Montessori, ricorrere ai suoi metodi soltanto per tamponare delle emergenze, soltanto quando serve lustrare l'immagine della scuola e far vedere scuole d'eccellenza che possano attrarre bambini, e invece non vengano applicati i metodi della signora Montessori per istruire quotidianamente TUTTI i bambini di TUTTE le scuole del territorio italiano!
francesco ogheri scrive: 12-01-2017 - 09:27h
...sa com'è chi non è del mestiere a sentir parlare di montessori a bergamo non può che pensare principalmente al disagio che creano i genitori che accompagnano i figlioli lasciando perennemente occupata la sede stradale con le loro automobili lungo il viale vittorio emanuele e soprattutto non può che pensare allo scandalo e all'incapacità avuta nella (mancata) realizzazione della nuova sede a longuelo... poi che il metodo montessori sia tuttora valido e proponibile nell'attualità potrà anche essere vero ma sono convinto che la signora Montessori ogni volta che vede un automobile in divieto di sosta o la struttura della nuova scuola andare alla malora ogni settimana che passa senza che i lavori riprendano e siano completati si rivolti nella tomba...