Si tuffa di testa nel fiume Adda L’acqua è troppo bassa, soccorsi al via

Si tuffa di testa nel fiume Adda
L’acqua è troppo bassa, soccorsi al via

C’è anche l’elisoccorso in azione a Capriate nel primo pomeriggio di domenica 18 giugno.

Un uomo di 43 anni si è ferito a causa di un tuffo di testa mal calcolato nel fiume Adda e sono giunti sul posto i soccorritori del 118 che hanno anche allertato l’elicottero. Non pare che la situazione sia grave ma, con il bel tempo e i primi caldi, si alza l’allerta per i malori e le richieste di aiuto che si verificano in prossimità dei fiumi e dei laghi.

In questo caso si tratta di un incidente avvenuto poco prima delle 15: il 43enne si è tuffato da una pianta e non ha considerato il basso livello dell’acqua del fiume, provocandosi così delle ferite che saranno ora curate all’ospedale di Zingonia dove è stato trasferito con l’ambulanza.

In particolare sul fiume Adda la situazione è sempre a rischio. Da fine meggio, a Fara, sulle sponde del fiume è stato attivato il servizio di pattugliamento effettuato dai sommozzatori volontari di Treviglio. Il Comune, anche quest’anno, ha corrisposto a questa associazione, attiva da anni sul territorio, il contributo annuale di tremila euro, confermando così la volontà di continuare a collaborare con i sommozzatori la cui presenza, negli anni scorsi, si è dimostrata più che preziosa.

Diverse le persone che hanno tratto in salvo dal fiume, soprattutto stranieri che non conoscono la pericolosità delle sue acque. Nel vicino canale dell’ex linificio canapificio nazionale, c’è il presidio fisso dei sommozzatori, attrezzato con il pontile a cui è attraccato il gommone di servizio. A bordo del natante i sommozzatori volontari di Treviglio effettuano regolari pattugliamenti lungo il tratto di fiume che attraversa il territorio di Fara oltre che quello di Cassano (Milano) e Canonica. La loro presenza sarà garantita il sabato dalle 14 alle 18 e la domenica dalle 9.30 alle 18. Grazie all’associazione, che conta 42 volontari, nei giorni festivi non si sono mai registrati annegamenti al contrario di quelli feriali. L’anno scorso, di venerdì, un senegalese di 23 anni è affogato nel punto in cui l’Adda si incrocia con il canale dell’Italgen, già teatro in passato di altri tragici annegamenti.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 19 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (5) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
red-mamba
luca ghislandi scrive: 18-06-2017 - 22:36h
Che tambor
Francesco Conrad scrive: 18-06-2017 - 20:47h
Il fatto che siano quasi sempre stranieri a mettersi nei guai andrebbe studiato. Perché uno che abita in centro a Bergamo non credo conosca la pericolosità dell'Adda meglio di un qualsiasi straniero, eppure non ci si butta dentro come un saiotto.
bepoloca
beppe locatelli scrive: 18-06-2017 - 17:57h
dato che 'l pensaa de iga öna crapa de soi, la pensàt be de fasela cambià al ospedal.
stefano moneta scrive: 18-06-2017 - 20:28h
Ta ghet prope rasu'
MattiaBrembilla
Mattia Brembilla scrive: 18-06-2017 - 17:34h
Primi caldi?Ma se fa caldo già da metà Maggio!E poi a metà Giugno non è più tempo di primi caldi eh.
Vedi tutti i commenti