Spinaci con la mandragora Ritirato lotto di surgelati
Una coltivazione di spinaci in una foto d’archivio

Spinaci con la mandragora
Ritirato lotto di surgelati

È allarme alimentare per possibili tracce di erba velenosa trovate negli spinaci surgelati Bonduelle, che ha una sede a San Paolo d’Argon, ed è scattato il richiamo del Ministero della Salute.

Il lotto incriminato è 15986504-7222 45M63 08:29, prodotto in Spagna dalla società agricola Gelabri Iberica srl e distribuito da Bonduelle Italia Srl in confezioni denominate «Spinaci millefoglie surgelati», da 750 grammi ciascuno. L’erba infestante velenosa in questione sarebbe la mandragora che «come la belladonna e lo stramonio - si legge in una guida pubblicata sul sito del Ministero della Salute - contiene degli alcaloidi con azione anticolinergica, che causano agitazione, allucinazioni e, nei casi più gravi, convulsioni e coma». In casi estremi e in base alla quantità ingerita può portare anche alla morte.

«L’allarme è scaturito da un malore registrato lunedì sera a Milano – spiega l’amministratore delegato di Bonduelle Gianfranco d’Amico –: il consumatore si è fatto medicare in ospedale e non dovrebbe essere grave. Tutti i prodotti del lotto vengono richiamati dal mercato in termini precauzionali». Ma «non esiste nessuna informazione che permette di attribuire la presenza di foglie di mandragora nei prodotti Bonduelle”: l’azienda lo ha sottolineato dopo che il ministero della Salute ha pubblicato un richiamo per il ritiro dai supermercati di un lotto di spinaci millefoglie surgelati Bonduelle per «sospetta presenza di foglie di mandragora».

Dopo il richiamo del ministero è intervenuto lo «Sportello dei Diritti» che ricorda che «la procedura di richiamo riguarda solo il lotto in questione». In caso di acquisto occorre «provvedere alla restituzione al relativo esercizio, che dovrà provvedere anche a rimborsarne il prezzo. Il prodotto non deve essere consumato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA