Un ko così? Solo Oronzo Pugliese si era fatto rimontare tre gol

L’incredibile sconfitta subita dall’Atalanta ha Empoli ha un solo precedente, veramente imbarazzante. Protagonista: l’allenatore che ispirò Lino Banfi nel suo celeberrimo film sul calcio

P rima di ieri ci era riuscito solo Oronzo Pugliese, e non è uno scherzo. Sì, il mitico allenatore pugliese a cui si era ispirato Lino Banfi per interpretare Oronzo Canà nel film «L’allenatore nel pallone» era tra i primati negativi della storia calcistica di Bergamo.

Prima di domenica a Empoli in 1.972 partite giocate in serie A (58 campionati) l’Atalanta aveva vissuto una sola volta lo choc di passare dal doppio vantaggio a una sconfitta. Era successo il 16 aprile 1967 all’Olimpico, Roma-Atalanta 3-2 nella gara valida per il 28° turno di campionato. Gol di Danova al 5’ pt e raddoppio di Poppi al 15’ pt, l’Atalanta di Angeleri avanti 2-0 in trasferta e capace di difendere la porta di Zaccaria Cometti per quasi un’ora. Poi, però, ecco la rimonta dei giallorossi allenati da Oronzo Pugliese: al 13’ st Schutz, al 22’ st Peirò e al 44’ st Sirena hanno spento i sogni nerazzurri. A fine stagione comunque Atalanta tranquilla a metà classifica e Roma appena sopra.

Nient’altro, nel campionato più importante dall’istituzione del girone unico (1929/30). Mai l’Atalanta ha perso dopo essere stata in vantaggio di due gol. Neppure nel calcio eroico dell’anteguerra.