Atalanta, chi si rivede a Cagliari: Grassi e Radunovic. Storia di due ex giovani che provano a ritrovare le belle speranze

storia.

Lettura 3 min.

S i torna in campo, quattro giorni dopo l’emozionante pareggio contro il Manchester United. Concentrarsi sul campionato è la priorità, per trascorrere in tranquillità la sosta per le nazionali. Inutile girarci intorno: sul campo del Cagliari ultimo in classifica, per l’Atalanta esistono solo i tre punti. Sarà anche l’occasione per incontrare due vecchie conoscenze nerazzurre: Alberto Grassi e Boris Radunovic. Il primo è sicuramente più conosciuto. Bresciano di Lumezzane, diventato bergamasco con il passare degli anni. Centrocampista, entra nel settore giovanile dell’Atalanta nel 2002, a soli sette anni. Dai Pulcini alla prima squadra, tutta la trafila in nerazzurro, fino alla vittoria del campionato Berretti nel 2013 e le prime convocazioni in Serie A nel 2014, grazie a Colantuono, che lo promuove dalla Primavera e lo fa esordire nel massimo campionato.

A destra Grassi in Primavera nel 2014

È una stagione complicata, perché si naviga nelle zone basse della classifica, si lotta per non retrocedere. Lo spazio per i giovani è poco, sarebbe strano il contrario. A inizio 2015 viene esonerato Colantuono, al suo posto arriva Edy Reja e Grassi chiude la stagione con quattro presenze tra campionato e Coppa Italia.