Lunedì 14 luglio 2014

Il cane abbaia due minuti a Seriate
Condannata a 25 mila euro di multa

Il cane abbaia per 149 secondi tra le 10 e le 21,30 e per due secondi nelle ore notturne e il giudice la condanna al pagamento di una multa e delle spese legali per un totale di 25 mila euro. Non è una scena di «Scherzi a parte», ma una sentenza emessa dal tribunale civile di Bergamo a firma del giudice Elena Gelato nello scorso mese di febbraio che condanna una coppia di Seriate a pagare complessivamente 25.000 euro per l’abbaio di due minuti dei propri cani e inoltre la sentenza condanna la coppia a isolare i cani allontanandoli dalla casa dei vicini.

La vicenda era iniziata nel 2007 quando i vicini portarono i coniugi di Seriate davanti al giudice di pace perchè a loro dire il cane abbaiava e disturbava, nel 2008 arriva la sentenza del giudice, ma i coniugi ricorrono in appello, qui dopo alcune udienze il giudice Gelato chiede che venga eseguita la perizia di un tecnico sull’abbaio del cane dalla quale risulta che lo stesso cane supera il limite di abbaio per poco più di due minuti nelle ore diurne e per pochi secondi nelle ore notturne.

Tutto farebbe pensare ad una composizione bonaria ed invece a febbraio arriva la doccia fredda del pagamento complessivo di 25.000 euro per due minuti di abbaio a questa si unisce la beffa infatti nel frattempo il cane era deceduto da tre mesi di fatto facendo cadere le motivazioni stesse della sentenza. «La sentenza purtroppo è definitiva- commenta Lorenzo Croce, presidente di Aidaa, Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente - ma noi abbiamo deciso lo stesso di approfondire la questione dando mandato di studiare la stessa sentenza al nostro avvocato Grazia Scarola di Como per vedere cosa è possibile fare contro questa sentenza semplicemente assurda. Andremo fino in fondo magari appellandoci al presidente della Repubblica o chiedendo la revisione del processo resta comunque l’assurdità di tale precedente e purtroppo i signori si sono rivolti a noi troppo tardi». La coppia intanto ha già versato 15.000 euro.

A spiegare legalmente le incongruenze della sentenza è proprio l’avvocato Grazia Scarola del tribunale degli animali di Aidaa e del foro di Como: «Ho esaminato la sentenza di febbraio 2014 del Tribunale di Bergamo in merito all’abbaio di un cane nel giardino privato dei suoi padroni. La trovo sconcertante con profili diretti di istigazione al maltrattamento dell’animale stesso. Preliminarmente non si può certamente parlare di “intollerabilità delle immissioni prodotte dall’abbaio del cane” se chi si lamenta è un solo vicino di casa mentre tutti gli altri hanno testimoniato il contrario davanti al giudice. È inoltre ridicolo parlare di “intollerabilità “ quando il consulente stesso dichiara che “nell’arco delle ventiquattro ore il cane ha abbaiato quindici volte, di cui una in orario notturno”. E rincara ancora la dose l’avvocato Scarola: “Lo stesso consulente ammette che i singoli abbai sono durati “solo alcune decine di secondi (a volte peraltro per quasi un minuto)”...Ma di cosa stiamo parlando? - domanda il legale -. Aberrante la considerazione contenuta nella sentenza che sia proprio l’abbaio in sé ad essere fonte di fastidio: “si rileva come il tipo di immissioni prodotte dall’abbaiare del cane, per quanto contenuto nella sua durata, sia da ritenere fonte di particolare disturbo».

© riproduzione riservata

Commenti (63) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Carmine Gallo scrive: 19-12-2015 - 14:44h
I cani abbaiano come l uomo parla..bisognerebbe sopprimere questo tipo di persone
luigi mari scrive: 07-10-2014 - 05:06h
Al di là di questo specifico caso. Che non c'entra col mio commento. Penso che le leggi che tutelano dal disturbo causato dai cani siano del tutto inadeguate. I politici dovrebbero subito presentare proposte di legge perchè sia facilitato l'allontanamento dei cani dal domicilio in tutti quei casi in cui appare chiaro che il disturbo c'è. E questo con un semplice esposto. Come avviene in altri paesi come gli USA, il Canada o la Spagna. Dopo 2 o 3 richiami dei vigili il cane dovrebbe andare in una struttura adeguata per rieducarlo e comunque potrebbe benissimo essere detenuto dai proprietari presso una pensione privata (o canile pubblico) pagando la relativa retta alla struttura. In Spagna per esempio i cani non sono tenuti in genere in casa ma presso canili e sono tutti cani di proprietà. In quanto quelli che non sono di nessuno vengono soppressi in quanto i canili non si assumono il costo del mantenimento di cani se non c'è chi paga. Anche il malgoverno per esempio (che è un altro caso diverso dal disturbo). E' stato addiirtura depenalizzato. E si è visto che si sono moltiplicati i casi di morsicature o addirittura morti di bambini per mano dei loro stessi cani. Ci vogliono leggi ben più severe. Poi io sono convinto che il cane andrebbe visto come arma. Quindi ci vorrebbe una licenza per detenerlo. Specie quelli di grossa taglia. E soltanto quelli a cui il cane serve per uno scopo (come ad esempio le forze dell'ordine o la protezione civile) dovrebbero quindi avere cani. La diffusione dei cani a scopo pet invece stà diventando anche un problema sociale. E' un arma di disturbo di massa. Infatti interi quartieri si trasformano in canili dove la gente non riesce più a studiare, riposare, o lavorare con la testa per la presenza di questi cani disturbatori. E il progresso della società ne risente.
strabardo1 scrive: 20-07-2014 - 23:18h
La cosa assurda e' che si debba spendere 25 mila euro per sapere che non bisogna disturbare i vicini.
strabardo1 scrive: 20-07-2014 - 23:16h
http://www.tipresentoilcane.com/2011/11/11/cani-e-disturbo-della-quiete-pubblica-cosa-dice-la-legge/ La cassazione di solito da' ragione al proprietario del cane,se disturba un solo vicino.
Vedi tutti i commenti