In bici da Seriate a Bergamo - video Ma non chiamiamola pista ciclabile
Seriate-Bergamo, il pericoloso incrocio con via Rovelli

In bici da Seriate a Bergamo - video
Ma non chiamiamola pista ciclabile

Chiamare pista ciclabile quella che collega Seriate con Bergamo è un po’ azzardato. Più che altro si tratta di un lungo e dissestato marciapiedi pieno di insidie.

Ce lo conferma il viaggio - il terzo della serie dopo i percorsi dall’ospedale e da Zanica verso il centro della nostra città - fatto dalla nostra rivista dedicata alla green economy «eco.bergamo» in edicola oggi, domenica 8 maggio, gratis con l’Eco di Bergamo.

Peccato perché è effettivamente un collegamento interessante. I primi veri guai all’incrocio con via Rovelli: passaggio poco segnalato e molto pericoloso. In zona Celadina la ciclabile corre lungo il piazzale dell’ex Fiera dove purtroppo sono in corso alcuni lavori che costringono o ad accontentarsi di qualche centimetro di marciapiede o a scendere sulla carreggiata.

Il video: 20 minuti per 4,5 chilometri

Il tratto lungo via Borgo Palazzo

Il tratto lungo via Borgo Palazzo

L’asfalto a tratti è pessimo, spaccato dalle radici degli alberi; gli attraversamenti sono tanti e poco segnalati; la condotta dei pedoni non è il massimo e, se possibile, quella degli automobilisti ancora peggio. Qualcuno parcheggia in mezzo alla pista, altri escono dai cancelli come nulla fosse proprio al momento del nostro passaggio.

La mappa e tutti i dettagli su «eco.bergamo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (9) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
paolo damiani scrive: 29-07-2016 - 10:22h
Togliere spazio ai pedoni per far spazio alla ciclabile è quello che praticamente viene posto in atto, e ciò che ne consegue è una convivenza impossibile e pericolosa. Sicuramente ci sono fondi europei per la realizzazione di queste opere, che se fatte con criterio costerebbero parecchio, fatte invece al risparmio permettono alle amministrazioni di vantarsi di aver costruito la ciclabile e contemporaneamente fare la cresta con i fondi a disposizione...
Veronica Varini scrive: 08-05-2016 - 13:25h
Evidentemente l'Eco non gradisce alcuni commenti!!! Dire che nel video il ciclista percorre le strisce pedonali senza scendere dalla bici a qualcuno non pare opportuno. Non lo dico io, ma il CODICE DELLA STRADA.
paolo damiani scrive: 29-07-2016 - 10:18h
Ha perfettamente ragione Veronica; i commenti scomodi vengono rimossi, anche se rispettano il regolamento...
pablitosanpe
Paolo Bosio scrive: 08-05-2016 - 11:27h
Una semplice domanda: allo stato attuale vi sembra più sicuro usare la cosiddetta pista ciclabile o la carreggiata normale ?? Ma avete visto il delirio?? Pedoni che camminano, auto parcheggiate, tratti in contromano con 20 cm di spazio virtuale... e se mi esce un bambino da un portone ?! Le poche volte che uso la bici sto di sicuro sulla carreggiata normale, altro che ciclabile !! Da noi la ciclabile va bene per portarci a pascolare il cane, o per il giretto con il bambino con la biciclettina con le rotelle... Ho vissuto per qualche tempo a Winterthur, ecco, quello è un buon esempio di rete ciclabile urbana! Meglio lasciar perdere...
malgagiovi76.8888161698
Giovanni Malgaroli scrive: 08-05-2016 - 10:03h
Ma siamo proprion sicuri Che interessino a tutti le Piste ciclabili e le loro Condizoni???
Vedi tutti i commenti