Bombassei: con il Jobs Act 200 assunzioni alla Brembo

Bombassei: con il Jobs Act
200 assunzioni alla Brembo

Il Jobs Act è «senza alcun dubbio» la riforma più importante del governo Renzi e alla Brembo ha favorito l’assunzione di oltre 200 addetti. Lo afferma il presidente dell’azienda bergamasca, Alberto Bombassei, in una intervista a Le Figaro.

«L’Italia aveva difficoltà ad uscire dalla crisi. La riforma ha offerto gli strumenti giuridici per rilanciare in maniera forte il mercato del lavoro e migliorarne la qualità» osserva l’imprenditore segnalando che alla Brembo «questa riforma ci ha permesso l’anno scorso di assumere oltre 200 persone su un effettivo di 2.700/2.800 dipendenti in Italia, ovvero un decimo della nostra manodopera».

Interpellato poi sulla situazione della banche italiane, l’ex vice presidente di Confindustria ricorda che «le misure urgenti prese dal governo hanno permesso di ristrutturare quattro piccoli istituti di credito in crisi» e, citando poi il recente accordo con la Ue per le garanzie alla cartolarizzazione dei crediti deteriorati, parla di «soluzione ragionevole che conferirà una maggiore flessibilità e serenità al sistema bancario e gli permetterà di ricominciare a finanziare il sistema industriale nel suo insieme».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (9) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Mario Minoldi scrive: 12-02-2016 - 18:03h
Fra tre anni si vedrà !!!!!
Patrizia Fusari scrive: 12-02-2016 - 15:55h
Mi collego alla lettera della Signora che scrive che le agenzie di lavoro, non danno mai risposte, confermo e aggiungo che forse che ci lavora, non ha mai provato cosa vuol dire aspettare una telefonata che non arriva mai. E invece per le assunzioni tanto conclamate dalla Brembo, ma anche da altre aziende blasonate, mi piacerebbe tanto sapere con che contratto sono stati assunti quei poveretti che verranno sfruttati (ovviamente riservato solo a menti fresche di studio che portano innovazione) e con che guadagno netto mensile?? Sarà sicuramente pietoso, si perchè le aziende "assumono" adesso, e alla scadenza del contratto??? Quando non avranno più sgravi dal favorevolissimo jobs act...tutti a casa un'altra volta e la giostra riprendere a girare....
Damiano Valoti scrive: 08-02-2016 - 05:52h
«L’Italia aveva difficoltà ad uscire dalla crisi. La riforma ha offerto gli strumenti giuridici per rilanciare in maniera forte il mercato del lavoro e migliorarne la qualità». Accidenti, se il super capo di Brembo è così impressionato dal Jobs act, è preoccupante.... come ha potuto, negli anni precedenti, senza il Jobs act, arrivare a 2800 dipendenti qui in Italia? Sta solo lisciando il pelo al governo. Guadagna in Italia, e paga le tasse all'estero! Coerenza addio!!!
ivan milesi scrive: 02-02-2016 - 20:19h
La " bomba" di Bombassei.
Vedi tutti i commenti