< Home

La crisi e il futuro, i giovani si confrontano con le imprese

Articolo. Una tavola rotonda tutta online fra oltre 230 fra studenti, docenti dell’istituto Isis Einaudi di Dalmine, e imprenditori di Confindustria Bergamo ha evidenziato come stanno cambiando le imprese, di quali competenze avranno più bisogno e come prepararsi alle nuove forme del lavoro. Non senza sorprese.

Lettura 12 min.

I tre pilastri della ripartenza: collaborazione, fiducia e responsabilità

Collaborazione. Fiducia. Responsabilità. Pensare a una ripartenza, oggi, in tempi di quasi post-Covid significa portare dentro ai nuovi paradigmi d’impresa questi tre pilastri. Tre imperativi categorici ritenuti essenziali, a cui dovranno guardare le nuove aziende risorte dal dopo-pandemia. In molte già lo stanno facendo, ridisegnando i loro perimetri. Ma riguardano anche i nuovi imprenditori, che già stanno ri-consolidando questo approccio dando un’accelerazione ai quei processi, digitali per esempio, rimasti solo impostati. E riguardano, forse più di tutti, i nuovi lavoratori: quei ragazzi che fra poco più di un mese usciranno dalla maturità con un diploma in mano e che per molti significherà guardare al mondo del lavoro per la prima volta. Si troveranno a fare i conti e a misurarsi con un perimetro completamente trasformato da questa emergenza sanitaria, economica e sociale. Troveranno un sistema di imprese e un mondo del lavoro stravolti da nuove regole, cambiati nelle modalità organizzative, dominati da dinamiche di relazione interpersonale impostate secondo ritmi e flussi molto diversi da prima, si misureranno con forme di lavoro reimpostate da una tecnologia digitale fortemente invasiva e impositiva. La novità vera e che sarà probabilmente la generazione di nuovi lavoratori che, per la prima volta nella storia del lavoro, potrebbe iniziare a lavorare senza mai aver avuto un contatto fisico con la propria azienda, senza averla mai visitata direttamente. Le regole dello smartworking e della distanza sociale prevedono anche questa estremità del lavoro del futuro.

Leggi altri articoli
Rivoluzione nelle strategie HR per trasformare le imprese in attrattive e valorizzare le persone
Ascoltare, recepire i bisogni, garantire flessibilità, ma anche più inclusione e attenzione ai temi di equità, inclusione e diversità. L’emergenza mismatch e il nuovo …

Il governo punta su auto e bus elettrici
«L’obiettivo è accelerare la transizione ecologica, riducendo drasticamente le emissioni inquinanti e climalteranti nei trasporti nei prossimi otto anni. Per il Paese è una …

Con il piano RePower l’Europa prova a porre fine alla dipendenza dal gas russo
Il 97% del petrolio e il 90% del gas che consuma l’Europa viene importato: il 45,3% del gas arriva dalla Russia da cui riceviamo …

La guerra non cambia l’agenda della transizione ecologica. Anzi, la rende più urgente
Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ha annunciato che l’Italia può affrancarsi dalla dipendenza dal gas russo in 24-30 mesi. La strategia del …