Made in China 2025 settore per settore

Secondo articolo. Dati e suggerimenti per le aziende italiane che vogliono approfittare del maxi piano dell’industria 4.0 cinese

Lettura 12 min.

Un programma a lungo termine

Made in China 2025 è il piano di riforma dell’industria presentato dal governo cinese nel maggio 2015. In un articolo precedente abbiamo approfondito l’analisi delle ragioni e del contesto macroeconomico che hanno spinto il presidente Xi Jinping a vararlo. Oggi entriamo nel merito delle opportunità che il programma offre agli imprenditori stranieri.

Obiettivi, settori e strumenti sono contenuti in un documento articolato e dettagliato, disponibile in lingua inglese ( Scarica il pdf )), che si propone di rivoluzionare il sistema produttivo mandarino, facendogli fare un salto completo nell’era dell’industria 4.0.

Secondo la classica impostazione pianificatoria comunista, ma con categorie e termini occidentali, il documento dettaglia minuziosamente principi e obiettivi strategici, arrivando anche a definire degli indicatori spalmati fino al 2025 per ciascuno dei principi guida. Innovazione, qualità e valore, integrazione di It e industria, sviluppo sostenibile vengono applicati sul sistema produttivo cinese, riconosciuto come ancora arretrato, e per ciascuno sono indicate le azioni che dovranno essere compiute fino al 2025.

Leggi altri articoli
A Gorle un laboratorio di eccellenza made in Bergamo
L’investimento da circa tre milioni di euro nel nuovo laboratorio permetterà alla Lovato Electric di Gorle di ridurre i tempi per la realizzazione di ...

La formazione per allenare le soft skill
La velocità con cui ricerca e tecnologia cambiano l’ambito in cui ciascuno di noi lavora e opera impone una continuità al percorso della propria ...

Meritocrazia leva aziendale per scoprire talenti
Appare un obiettivo condivisibile da tutti. La meritocrazia è però un processo delicatissimo da gestire, soprattutto quando viene associata all’idea di “competizione”. Per fare ...

Imprese poco pronte per i giovani talenti
Non è vero che i giovani non riescono ad adattarsi alle offerte di lavoro perché non presentano qualifiche adeguate o perché rifiutano retribuzioni diverse ...