< Home

In ogni azienda c’è un conflitto di leadership. Come per la Ferrari

Articolo. Sta ripartendo il Campionato Mondiale 2020 di Formula 1. Gli occhi sono puntati sui due piloti della scuderia Ferrari, Sebastian Vettel e Charles Leclerc. L’anno scorso hanno posto un serio problema di leadership: chi era veramente il primo pilota? Il giovane Leclerc (l’innovatore) o l’anziano Vettel (l’esperienza)? Un bel caso di studio relativo ai conflitti di leadership. Così come ne esistono anche nelle aziende. Come possono essere affrontati? Che lezione trarre dal caso Ferrari?

Lettura 9 min.

L’incidente e la gestione dello scontro in azienda tra Vettel e Leclerc

Domenica prossima riparte il Campionato mondiale 2020 di Formula 1. Si riparte dalla gara in Australia. Oltre alle incertezze dettate dall’attualità e legate all’emergenza della diffusione del virus Covid-19, in casa Ferrari potrebbero confrontarsi con un ulteriore problema, seppur infinitamente meno pericoloso: il conflitto di leadership fra i suoi due piloti. Da un lato Sebastian Vettel, pilota affermato, campione mondiale per 4 volte, a rappresentare esperienza e affidabilità tecnica. Dall’altra Charles Leclerc, giovanissima guida, desideroso di successi e di imporsi sul suo compagno di scuderia, e per questo in pista è sempre all’attacco. a volte, perfino troppo.
Perché ne parliamo? Perché da questa lezione di casa Ferrari possiamo dedurre una serie di indicazioni, di istruzioni sulla gestione dei conflitti di leadership. Confitti tipici anche di una azienda.

Ripercorriamo quindi le tappe di questa vicenda: il caso Ferrari.

È il 17 novembre 2019 e il Gran Premio del Brasile è ormai a quattro giri dalla fine quando Charles Leclerc supera il compagno di squadra Sebastian Vettel per conquistare la quarta posizione. Sorpasso rischioso, ma riuscito; nel giro di pochi secondi, però, Vettel tenta il contro-sorpasso, ma quando le due macchine si ritrovano affiancate qualcosa va male: è questione di millimetri, c’è un contatto e i due si ritrovano fuori dalla gara, Leclerc con la sospensione anteriore rotta e Vettel con un copertone posteriore ridotto in brandelli.

Leggi altri articoli
Le soft skill che danno forza alle aziende
Ci sono aziende che sono state distrutte dal Coronavirus, altre invece non solo hanno resistito, ma, terminato il primo lockdown, sono ripartite con un’accelerazione …

C’è innovazione solo rispettando la società e l’ambiente
«C’è innovazione solo se c’è innovazione sociale, altrimenti sono solo novità». Luca Fois, docente di Design al Politecnico di Milano, ci spiega che i …

La ripartenza, le «9 leve» per andare oltre la resilienza
Quando si sopravvive a una crisi si può ripartire ridimensionati, si può tornare esattamente allo stato pre-crisi, oppure ci si trasforma e si migliora. …

Come rivedere le catene della fornitura
In uno scenario globale l’intera filiera dell’approvigionamento industriale e delle imprese della fornitura parte da un capo del mondo, per esempio un fornitore asiatico, …