< Home

Impianti modello e tecnologia per neutralizzare le microplastiche nell’acqua di casa

Articolo. Pubblicati i risultati della ricerca scientifica di Uniacque-Irsa Cnr, prima in Italia, sul monitoraggio e l’efficienza dei processi di sanificazione dei depuratori: a Bergamo gli impianti più tecnologicamente innovativi nel trattenere le microparticelle con un’efficacia fino al 98%

Lettura 6 min.

Rischio microplastiche: la prima ricerca dal valore scientifico

Primo e unico progetto di ricerca in Italia, e finora anche in Europa, a giudicare dalle pubblicazioni scientifiche. Sicuramente è fra i pochissimi al mondo. Ma i risultati (già pubblicati su due riviste Isi, l’International scientific indexing, come l’Environmental Science and Pollution Research e la Water Research) certificano un ulteriore doppio primato. Il primo: le tecnologie e i processi di depurazione e sanificazione dell’acqua degli impianti bergamaschi gestiti dall’utility pubblica Uniacque, sono fra i più efficaci oggi in Italia. Il processo complessivo di depurazione ha registrato un’efficienza di rimozione e di sanificazione delle acque reflue in ingresso dalla presenza di particelle di microplastiche che arriva fino al 98%. Secondo risultato, dal valore scientifico: la microplastica non risulta un buon veicolo di diffusione dei batteri potenzialmente patogeni né di batteri portatori di geni di antibiotico-resistenza.

Ampia la soddisfazione scientifica per il doppio risultato di Silvia Galafassi e Andrea Di Cesare, i due dottori di ricerca e ricercatori dell’Irsa, l’Istituto di ricerca sulle Acque del Cnr, che hanno lavorato alla ricerca dal 2019, quando Uniacque, guidata dall’amministratore delegato Pierangelo Bertocchi, ha stretto la partnership con il Cnr e finanziato il progetto.

Silvia Galafassi

Dottore in ricerca dell’Istituto di ricerca sulle acque del Cnr

«Questo lavoro, focalizzato sul ruolo degli impianti di depurazione nel la ritenzione di particelle di microplastica e del biofilm batterico associato – spiega Silvia Galafassi – ha portato a risultati di assoluto valore scientifico, e riempie così i gap di conoscenza sul contributo della disinfezione nel rimuovere particelle di microplastica». In più, il lavoro di ricerca ha spiegato perché monitorare la presenza di microplastiche nelle acque in ingresso e uscita dagli impianti di depurazione è di fondamentale importanza. Solo così è possibile conoscere la reale capacità degli impianti di trattenere le particelle, caratterizzare le microplastiche a livello chimico e individuare il potenziale rischio microbiologico ad esse associato. Rispondendo a una domanda su tutte: le microplastiche possono diventare veicolo di diffusione preferenziale di batteri potenzialmente patogeni, portatori di geni che codificano per la resistenza agli antibiotici? La risposta è tutta nei dati della ricerca che «ha potuto chiarire ed escludere - spiega Andrea Di Cesare - la responsabilità della microplastica come diffusore di batteri potenzialmente patogeni e antibiotico-resistenti nell’acqua».

 
Andrea Di Cesare

Dottore in ricerca dell’Istituto di ricerca sulle acque del Cnr

I dati emersi dall’analisi delle microplastiche trovate nei campioni d’acqua in ingresso e in uscita prelevati in cinque impianti medio-piccoli della provincia e caratterizzati da diverse tecnologie di trattamento acque (Bergamo, Bagnatica, Zogno, Costa Volpino e Cologno al Serio), hanno rivelato che i loro trattamenti primario e secondario della depurazione sono determinanti per la rimozione della maggior parte delle microplastiche presenti in ingresso, e la filtrazione finale ne permette un’ulteriore riduzione: in tutti gli impianti l’efficienza di ritenzione è stata del 94%, in tre su cinque del 98%. «Le microplastiche in uscita dall’impianto caratterizzato microbiologicamente - spiega Di Cesare - non si sono rivelate dei carrier, cioé vettori preferenziali di batteri potenzialmente pericolosi, essendo presenti in modo comparabile a quelli in forma libera nell’acqua».

Risultati validi in aiuto di una norma che manca

Risultati che hanno messo un primo punto fermo di fronte al rischio microbiologico di particelle di diametro inferiore ai 5 millimetri, è sempre più minaccia e fonte di inquinamento in ambito urbano: le microplastiche sono un nemico prodotto e rilasciato nell’aria da molteplici fonti come gli scarichi delle case, il lavaggio di capi sintetici, l’uso di prodotti per la cura della persona e, in ambito urbano, dall’abrasione degli pneumatici di auto, dal degrado di oggetti di plastica più grandi, come buste o bottiglie. Ma anche dal rilascio e da scarti degli impianti industriali fino alle normali piogge. Particelle che poi passano nelle acque di scarico arrivando fino agli impianti di depurazione, che a questo punto diventano veri terminali di snodo per la tutela della salute e dell’ambiente.

 

Da qui l’intuizione di Uniacque e la collaborazione con l’Irsa Cnr per un progetto più ampio che potesse valutare la presenza di microplastiche nelle acque trattate dai depuratori, ma soprattutto verificare il corretto funzionamento e la capacità degli impianti Uniacque di rimuovere queste particelle. Passo successivo studiare l’effettiva associazione delle microplastiche come responsabile della longevità di alcuni batteri patogeni negli ambienti acquatici. «Ipotesi che era stata suggerita da ultimi studi, ma del ruolo della microplastica come veicolo di diffusione dei batteri antibiotico-resistenti si sa veramente poco - sottolinea Galafassi -. Da qui il progetto di valutare il contenuto di microplastiche prima e dopo il trattamento negli impianti di depurazione, caratterizzare le microplastiche a livello chimico e individuarne il potenziale rischio microbiologico, che abbiamo scongiurato».

Pierangelo Bertocchi

Amministratore delegato di Uniacque

Raccolta la sfida e data una risposta dal forte valore scientifico, ora si guarda avanti. Anche perché «le utilities sono chiamate a grandi sfide, cui dobbiamo rispondere con lungimiranza e assoluta preparazione. Oltre ad aver previsto nei prossimi anni un masterplan di investimenti di circa 88 milioni di euro per interventi di piano e strutturali e manutenzioni straordinarie, abbiamo scelto di proseguire l’impegno con Irsa Cnr e focalizzarci sulle microplastiche, consapevoli che è sempre più importante promuovere azioni specifiche di conoscenza, tutela e transizione verso approcci di gestione strategici - spiega Pierangelo Bertocchi, amministratore delegato di Uniacque -. Ci auguriamo che la partnership con Irsa Cnr possa avere un impatto significativo non solo dal punto di vista tecnico-scientifico, ma per consolidare il nostro ruolo di solution provider».

Invito raccolto da Di Cesare e Galafassi che rilanciano il valore di questo progetto strategico sia industriale sia scientifico,a tutela della salute pubblica. «Riteniamo di grande valore l’investimento fatto da Uniacque, considerando l’alto livello scientifico a cui era improntato il target della ricerca, e anche di particolare sensibilità - spiega Di Cesare -, vista l’attuale assenza di linea guida che normino la presenza di questi inquinanti nelle acque di scarico». Nonostante gli importanti risultati ottenuti, «siamo ancora ai primi passi nella comprensione di tali problemi, motivo per cui ci auguriamo di poter proseguire la collaborazione iniziata con Uniacque - sottolinea Galafassi - e che altre aziende di settore possano prendere esempio per contribuire più attivamente alla ricerca, al fine di migliorare la conoscenza di base, che un domani potrà tradursi anche in strategie tecnologiche utili a migliorare la performance nell’abbattimento delle microplastiche e dei batteri patogeni e antibiotico resistenti».

 

Gli obiettivi strategici per far crescere la sostenibilità

Tutelare il valore e la qualità dell’acqua
Primo obiettivo dei quattro scelti sui 17 Goal dell’Agenda 2030 è il n. 6: significa preservare le caratteristiche dell’acqua con un monitoraggio continuo e la garanzia di qualità della risorsa idrica.
L’impatto misurato della sostenibilità sul territorio
Una seconda parte del target 6 coinvolge i processi di trattamento delle acque reflue domestiche e industriali mediante un approccio orientato agli impatti di sostenibilità generati su ambiente e sul territorio.
Una priorità il benessere e la crescita delle persone
Nelle strategie di sviluppo l’obiettivo 8 prevede la tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro, garantendo il benessere e un clima aziendale il più favorevole alla crescita individuale.

 

L’impatto ambientale dell’attività industriale
È l’obiettivo 9: impone di valutare ex ante gli impatti ambientali delle proprie attività sia nella progettazione di nuovi impianti sia durante le normali attività di business, come impatto sul cambiamento climatico.
Garantire la circolarità dell’acqua e taglio dei rifiuti
L’obiettivo 12 prevede la tutela dell’acqua grazie a una gestione corretta del ciclo dell’acqua, passando anche da un approccio circolare nella gestione dei fanghi e riducendo i rifiuti smaltiti in discarica.
Trasparenza nell’informazione e distribuzione di valore
È la seconda parte dell’obiettivo 12: assicurare una informazione trasparente sui consumi, sulla fatturazione e sulle tariffe; aumentando la creazione e distribuzione di valore economico nel tempo.

 
Pierangelo Bertocchi

Amministratore delegato di Uniacque

talk

Un piano di crescita come modello per le altre imprese

Tecnologie, modelli di gestione per il settore, ma anche un paradigma di governance come spunti per altre imprese, anche del settore privato. Pierangelo Bertocchi, sul suo tavolo ha i risultati della ricerca che Uniacque in collaborazione con L’istituto Irsa del Cnr non solo sulla qualità delle acque che immette nella rete, ma anche sull’efficacia degli impianti nel combattere, trattenere e neutralizzare la diffusione di particelle come le microplastiche. I risultati promuovono questa efficienza di processo, sottolineando quanto la ricerca sia alla base di una strategia di crescita e di sviluppo.

Quale valore rappresenta per Uniacque questa ricerca con il Cnr?

Fare e promuovere la ricerca è attività strategica per Uniacque, ancora di più farlo sui nostri impianti di depurazione. I risultati confermano che siamo sulla strada giusta: non è un caso che gli investimenti degli ultimi anni siano andati nella direzione di potenziare e completare reti fognarie e depuratori. Con questa ricerca vediamo che tali impianti hanno un’importanza fondamentale per la salubrità dell’ambiente, ottenendo risultati cospicui in termini di contrasto alla diffusione delle microplastiche: non era un risultato scontato, ma che non può che invogliarci a proseguire in questa direzione.

Quali nuovi investimenti nella ricerca e tecnologie?

Il miglior investimento possibile per Uniacque è per il territorio che serve e rappresenta. Per garantire a tutti un servizio idrico integrato di qualità sono previsti ogni anno interventi di rinnovo, manutenzione ordinaria e straordinaria di reti e impianti. Ridurre sempre più le perdite sulla rete e i disservizi attraverso potenziamento implementazione di tecnologie e pratiche, come la modellazione idraulica e la distrettualizzazione delle reti su cui stiamo investendo in maniera decisa, è uno dei nostri obiettivi principali per garantire una sempre maggiore sostenibilità del servizio.

Uniacque come modello anche per altre aziende?

È sicuramente un obiettivo che ci poniamo. Il ruolo di un’azienda pubblica che gestisce un bene prezioso come l’acqua ha nello sviluppo di una governance sostenibile la sua cifra distintiva. Le attività di efficientamento della rete e degli impianti volte a ridurre le perdite idriche, la promozione del consumo di acqua del rubinetto da parte della nostra comunità, il recupero in ottica di economia circolare di materia ed energia dagli scarti del ciclo idrico, la riduzione delle emissioni inquinanti, le attività di ricerca e di simbiosi industriale tra pubblico e privato sono le linee guida su cui si basa il futuro dell’industria idrica, che possono essere spunto anche per le imprese private.

Leggi altri articoli
Attenta alle persone e al capitale umano: Minifaber premiata da Imprese Vincenti
In un’azienda non conta solo il capitale finanziario. «La persona, la sua formazione, è di importanza capitale». Questa è la filosofia della Minifaber Spa …

Finanza agevolata, Regione Lombardia a tutto campo per sostenere la ripartenza
Dall’agricoltura all’industria, dal commercio alla ricerca e innovazione, dall’energia all’economia circolare e ai brevetti. La Regione Lombardia propone bandi per sostenere le attività praticamente …

La pausa ai dazi americani ridà il sapore dei formaggi al Made in Italy
Nonostante i pesanti limiti della pandemia, l’export dell’agroalimentare italiano chiude il 2020 con un +1,9%. È il massimo storico di sempre, con …

Alleanza fra imprese e scuole per attirare i giovani talenti
Sono definite imprese attrattive. Riescono ad affascinare i più giovani perché lasciano intravedere un percorso di crescita professionale e qualità della vita. A Bergamo …