< Home

Finanziamenti Ue,una grande occasione per aiutare le nostre aziende

Articolo. L’Italia è molto attiva, ma i risultati sotto la media europea chiedono un maggiore impegno e precisione nel percorso che porta ai finanziamenti europei.

Lettura 4 min.

Un Paese molto attivo, ma i risultati sotto la media europea chiedono un maggiore impegno e precisione nel percorso che porta ai finanziamenti europei. È l’estrema sintesi sulla partecipazione delle imprese italiane a Horizon 2020, il programma dell’Unione europea (UE) per la ricerca e l’innovazione che ha erogato tra il 2014 e il 2020 circa ottanta miliardi di euro (molti a fondo perduto) in ricerca e innovazione, finanziando (attraverso i suoi numerosi bandi) aziende e centri di ricerca in tutta l’Ue.

Tra il 2014 e il 2020 l’Italia ha ricevuto dall’UE complessivamente per la ricerca e l’innovazione 8,8 miliardi di euro: 4,2 miliardi da H2020, i restanti dai due fondi strutturali europei di sviluppo regionale (Fesr) e agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr).

Alta partecipazione ma poca preparazione

Analizzando il volume curato da Serena Borgna e Matteo Sabini per l’Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea (Apre) sulla partecipazione italiana a Horizon 2020 (dati aggiornati al marzo scorso), l’Italia è un Paese saldamente e stabilmente ai primi posti per partecipazione (quinto Stato per contributo finanziario, quarto per numero di partecipazioni).

Purtroppo nel rapporto tra le proposte ammissibili al finanziamento e quelle presentate, il nostro Paese registra un tasso di successo inferiore di 2,5 punti percentuali rispetto alla media europea: un dato che, sebbene in miglioramento, continua a far riflettere sulla partecipazione delle nostre imprese.

La qualità e le idee innovative non mancano di certo alle nostre imprese, ma pare necessario conoscere più nel dettaglio l’iter dei bandi europei, curando nei minimi dettagli tutti gli aspetti.

Analizzando oltre 800 call, sono stati firmati 27.330 Grant Agreement, e con circa 86 mila progetti presentati, l’Italia è seconda solo alla Spagna, avendo superato Regno Unito e Germania, e a seguire i quattro rimanenti Paesi UE-8 (Francia, Olanda, Belgio e Svezia).

 

Una panoramica di Horizon 2020 calcolata sui GA firmati: contributo finanziario (H2020/IT), numero dei beneficiari (H2020/IT), numero di GA firmati - fonte Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea (APRE)

A fronte di tale attivismo, i progetti italiani vincenti sono stati 12.561 (il 9,4% dei 133.195 beneficiari totali) con un tasso di successo del 13,1%, il più basso tra gli UE-8. Dei circa 51 miliardi finanziati (sempre a marzo 2020), 4,2 sono finiti nelle casse delle imprese italiane (8,3% del contributo totale), con un tasso di successo (finanziario) del 11,1%.

Dati alla mano è necessario che le nostre imprese conoscano più nel dettaglio l’iter dei bandi europei, curando nei minimi dettagli tutti gli aspetti. Tenendo conto che il nuovo programma Horizon Europe consegnerà nei prossimi sette anni circa 95 miliardi di euro, molti dei quali a fondo perduto e/o con forti agevolazioni.

I bandi più importanti per le nostre start up e pmi riguardano il Consiglio europeo per l’innovazione, tramite i bandi Accelerator, Pathfinder, Eurostars e Thematic priorities.

Percorso difficile ma possibile

Un percorso difficile, ma possibile, come ci confermano due realtà fortemente innovative che sono riuscite con pieno merito a conquistare i fondi europei di H2020: ML Engraving di Onore, alta Valle Seriana, e UpSurgeOn di Assago, Milano.

L’esempio di ML Engraving...

Fondata nel 1999, sede nel bel paese a pochi chilometri dalla Presolana e dal monte Pora, ML Engraving sviluppa e perfeziona la tecnologia laser nel settore degli stampi. In pochi anni, grazie anche ai finanziamenti dei bandi Eu, la società ha conquistato posizioni di primo piano all’interno del mercato europeo, nonostante la collocazione decentrata rispetto ai grandi distretti produttivi.

Una scelta, quella di restare a Onore, voluta dai fondatori, che ha fatto bene all’azienda ma anche alla valle. Tra soci, dipendenti e collaboratori, il team di ML Engraving è infatti oggi composto da 50 persone (una decina assunte negli ultimi due anni: ma visti gli ordinativi, se ne prospettano altre) e dispone di 18 macchine laser divise su tre business units, dedicate a rispondere a esigenze specifiche di diversi mercati.

«ML Engraving - spiega l’Ing. Ersilio Lodetti, project manager per i bandi europei e responsabile finanziario per ML Engraving - è stata la prima Pmi italiana ad aver vinto sia fase 1 sia, soprattutto, fase 2, con SME Instrument, programma di finanziamenti dell’UE specificamente destinato alle Pmi per sostenere le attività di ricerca e di innovazione sia dal punto di vista economico che di accesso a servizi e costruzione di network. Dal 2014 abbiamo vinto in totale sette progetti europei (alcuni in corso), cinque dei quali al primo tentativo».

 

Ersilio Lodetti, project manager per i bandi europei e responsabile finanziario per ML Engraving

«Attualmente - prosegue Ersilio Lodetti - siamo coinvolti in due progetti europei: MouldTex (soluzione al problema dell’attrito nelle guarnizioni dinamiche, montate su organi di movimento e attuatori) e Co-Versatile (prototipo di mascherina con innovative caratteristiche essenziali risolvibili anche mediante le texture superficiali), quest’ultimo con l’obiettivo di ottenere un processo lineare, adatto alla maggior parte dei macchinari per permettere la creazione di micro-filiere territoriali che possano convertire la produzione in 48 ore in caso di emergenze».

Entrambi i bandi hanno ottenuto in totale fondi per oltre cinque milioni ciascuno, suddivisi poi tra i vari partner di progetto. È importante sottolineare che i finanziamenti vengono calcolati in base alle previsioni di spesa dei partner e che ciò che viene concesso è interamente investito nel progetto in termini di macchinari, strumentazione, fornitori, personale e spese di promozione dei risultati.

... e della start-up UpSurgeOn

UpSurgeOn è invece una start-up innovativa con sede ad Assago (Milano), che conta sulla collaborazione di un team di oltre 20 persone con una forte componente tecnico-scientifica. Fondata tre anni fa da Federico Nicolosi e Giannantonio Spena, entrambi noti neurochirurghi, ha quale mission quella di rivoluzionare la formazione in ambito neurochirurgico per poi estendere il processo ad altre discipline mediche.

La start up ha sviluppato UpSurgeOn Academy, prima piattaforma di simulazione ibrida che integra strumenti digitali e fisici per la formazione neurochirurgica. «La piattaforma - spiega Paolo Raimondo, socio e direttore generale di UpSurgeOn - include una serie di App 3D (Educational Apps) disegnate per integrare l’insegnamento dell’anatomia e della chirurgia ai percorsi standard di formazione accademica. La prima app (Skull Atlas), di fatto un atlante in 3D del cranio estremamente realistico e dettagliato, è stata scaricata da 700mila persone, studenti, specializzandi, medici, professionisti sanitari di tutto il mondo».

«Alla app si somma la parte fisica, ovvero modelli che riproducono i tessuti e gli scenari operatori in maniera iper-realistica. È il caso della scatola cranica con tutto il suo contenuto, realizzata nei minimi particolari (nell’ordine del decimo di millimetro), partendo da uno studio approfondito su testi scientifici e una progettazione software in 3D».

Nel video:Paolo Raimondo, socio e dg di UpSurgeOn ci spiega il progetto con cui l’azienda si è aggiudicata 1,2 milioni di finanziamenti Eu e perchè è bene puntare sui bandi europei

Il progetto (valore complessivo di 1,7 milioni di euro) si è già meritato un finanziamento dell’Unione europea di 1,2 milioni di euro. Ma la Start up è in pista per un altro finanziamento di 2 milioni di euro.
«Il Percorso dei bandi è difficile - osserva il dg Raimondo -, anche noi siamo passati da alcuni stop. Ma c’è totale trasparenza e meritocrazia, le osservazioni aiutano a capire dove si è più deboli, è bene farsi aiutare da professionisti del settore. Bisogna essere determinati, insistere. con un punteggio appena sotto la soglia richiesta abbiamo capito che eravamo sulla strada giusta, abbiamo affinato alcuni passaggi e alla fine siamo stati premiati».

 

Gi specializzandi usano la app e i modelli fisici, realizzati con precisione al centesimo di millimetro con un mix di siliconi di diverso tipo. Ogni struttura (cranio, vene, cervello, nervi) ha mix diversi perché deve avere qualità meccaniche che simulano le strutture reali.

 

I tre soci di UpSurgeOn - Paolo Raiomondo, Giannantonio Spena e Federico Nicolosi - a Roma il giorno della consegna del premio Angi insieme ad una lettera, inaspettata, della Ministra Pisano.

Leggi altri articoli
Finanziamenti in arrivo, una grande occasione per far crescere le startup
Sarà dedicato agli interessanti finanziamenti in arrivo per le startup il nuovo webinar di Skille in programma giovedì 20 maggio alle 11,45. La partecipazione …

Digitalizzazione: dopo il Covid è il momento di fare il balzo
La voglia di ripartire c’è, ed è tanta. Ma le imprese sono pronte a cavalcare l’onda? Senza voler rovinare il ritrovato (e atteso) clima …

Fondi in arrivo per la nostra agricoltura: guarda il nostro webinar e scarica le slide
Occorre continuare a innovare per restare competitivi sui mercati. La regola vale anche per le aziende agricole e per il settore dell’agroindustria. Sono necessari …

«Grazie al network di Imprese Vincenti il nostro business crescerà ancora»
«Entrare nel network di Imprese Vincenti ci ha messi in contatto con servizi attraverso i quali stiamo implementando, con l’aiuto di Banca Intesa, attività …