< Home

Zero emissioni , anche le Pmi devono fare la loro parte (e conviene )

Articolo. Conoscere le proprie emissioni per poterle ridurre è ancora oggi un’operazione volontaria per le Pm. Però può consentire non solo di tagliare i costi di produzione, ma anche di migliorare la propria immagine e individuare nuovi mercati. L’esempio della Pedrali di Mornico al Serio.

Lettura 5 min.

Le Pmi sono responsabili del 64% delle emissioni di CO 2 in Europa

Dopo COP26 l’impegno della comunità internazionale si concentra sulle misure per accelerare il taglio delle emissioni di gas serra, da rilevare e rendicontare con trasparenza per raggiungere gli obiettivi climatici comuni.

Davanti alla crisi climatica le Pmi- responsabili del 64% delle emissioni di CO 2 in Europa - giocano un ruolo cruciale nel raggiungimento dello net-zero.

Conoscere le proprie emissioni per poterle ridurre è ancora oggi un’operazione volontaria che può consentire di tagliare i costi di produzione, migliorare la propria immagine e individuare nuovi mercati.

COP26 ha deluso ma non è stato nemmeno un fallimento

Forse COP26, la conferenza sul clima delle Nazioni Unite conclusasi lo scorso 12 novembre, ha deluso molti ma non è stato nemmeno un fallimento. Piccoli passi importanti sono stati fatti, l’urgenza di agire è stata riconosciuta e il limite di 1,5° entro il quale rimanere per evitare disastri catastrofici, mantenuto.

Tanti gli accordi sottoscritti: partirà un mercato globale del carbonio e gli Stati - tra cui l’Italia - saranno tenuti a presentare a partire dal 31 dicembre 2022 Rapporti biennali di Trasparenza (leggi di più qui) che consentiranno alla comunità internazionale di monitorare le emissioni e gli impegni assunti.

La trasparenza diventa così una delle novità più importanti di COP26, una grande assunzione di responsabilità da parte degli Stati che comporterà la necessità di acquisire dati sempre più dettagliati sulle emissioni di gas serra. A partire dal mondo produttivo, le grandi industrie come le piccole e medie imprese.

Secondo il rapporto “No Net Zero without SME” ( Non c’è zero emissioni nette senza le PMI, che puoi trovare qui ) pubblicato a novembre da OECD , le Pmi emettono fino al 50% dei gas serra e usano più del 13% della domanda globale finale di energia. In Europa il contributo delle piccole e medie imprese all’inquinamento industriale sale al 64%, con una quota di rifiuti industriali del 60-70% e un consumo di energia tra il 9 al 29% che in Italia balza al 70% della domanda di energia industriale.

Il taglio dei costi, secondo il report, è la prima motivazione che spinge le imprese a ridurre le proprie emissioni, ma cresce la pressione degli investitori e dei consumatori, disposti a pagare di più per avere un prodotto sostenibile.

Un ulteriore spinta arriva infine dalle aziende più grandi, impegnate a sviluppare catene di fornitori sempre più verdi e sostenibili.

Chi più inquina più paga: ma solo i grandi emettitori

Eppure solo i grandi emettitori in Europa sono tenuti a quantificare (e ridurre) le proprie emissioni per rientrare nel sistema di scambio di crediti di carbonio Ets. Ne abbiamo parlato in questo articolo , con un focus sulla terra bergamasca in questo .
Per tutti gli altri si tratta di una scelta volontaria che dipende prima di tutto dalla sensibilità dell’imprenditore.

 

La Pedrali di Mornico al Serio
(Foto by Foto F. Romano)

Ne abbiamo parlato con Giuseppe Pedrali, ceo della Pedrali Spa, azienda bergamasca leader nel settore mobili di desig di qualità, per il quale l’impegno ambientale è diventato identitario.

L’intervista

Perché avete voluto certificare le vostre emissioni? Dopotutto non è obbligatorio...

Giuseppe Pedrali

«Siamo consapevoli che, in un momento storico caratterizzato da una dirompente ed eccessiva massimizzazione delle risorse ambientali a disposizione, impegnarsi in una politica di responsabilità sociale non significa solo incentrare la produzione e l’etica dei propri prodotti su scelte “green”, ma renderla una componente identitaria della propria cultura aziendale, oltre che un vero e proprio obiettivo di business a medio-lungo termine.

Essere sostenibili è diventata una priorità. Nel percorso che seguiamo da sempre, progettare prodotti che impattino il meno possibile sull’ambiente e promuovere processi produttivi il più green possibili rappresentano punti forti della nostra filosofia aziendale.

Tutto parte dalla progettazione dei nuovi prodotti, che avviene a quattro mani tra i designer con i quali collaboriamo e il nostro ufficio tecnico. Produrre tutto all’interno delle nostre fabbriche ha il grande vantaggio di consentirci il monitoraggio di questi processi a basso impatto.

 

I prodotti della Pedrali di Mornico hanno caratteristiche certificate

Quando abbiamo deciso di effettuare lo studio di Corporate Carbon Footprint siamo proprio partiti dalla convinzione che misurare l’emissione di gas a effetto serra fosse un atto di responsabilità nei confronti del pianeta».

In che cosa è consistita la certificazione?

«Abbiamo commissionato lo studio di Corporate Carbon Footprint il quale, una volta effettuato, è stato certificato da CSQA.

Lo studio misura l’ammontare totale delle emissioni di gas ad effetto serra (greenhouse gases o GHG) prodotte, direttamente e indirettamente dall’attività produttiva aziendale svolta nel corso del 2018 all’interno dei nostri siti produttivi di Mornico al Serio, in cui realizziamo gli arredi in metallo, in materie plastiche e gli imbottiti, e di Manzano, adibito alla produzione di arredi in legno. L’applicazione di questo standard permette di seguire una metodologia trasparente e standardizzata, restituendo risultati obiettivi e confrontabili».

 

The Bowery House a New York realizzato dalla Pedrali

Il processo di certificazione ha portato a dei cambiamenti nel vostro modo di produrre? Ci sono stati miglioramenti, tecnologici, diminuzione dei consumi, cambi di strategia...?

«Certamente. Le nostre fabbriche sono innovative e interconnesse non solo per i macchinari, ma anche per i contatori e per gli altri dispositivi atti alla misurazione che, collegati ai nostri sistemi, ci consentono un immediato e continuo monitoraggio.

Per citare alcuni esempi di operazioni recentemente effettuate volte al miglioramento del nostro impatto ambientale, utilizziamo il calore prodotto all’interno del reparto stampaggio materie plastiche per riscaldare gli altri reparti produttivi.

Oppure, abbiamo convertito a led l’impianto di illuminazione di tutti i nostri impianti interni ed esterni.

O, ancora, un forte impatto ambientale deriva dal trasporto delle materie prime. Da qui nasce l’obiettivo di internalizzare sempre più la produzione. Per citare un esempio, riguardo la tappezzeria, ad oggi tutti i tessuti sono tagliati internamente. D’altro canto, una delle mission del nostro ufficio acquisti è proprio quello di reperire materie prime quasi a chilometro zero (nelle nostre province, o comunque nel nord Italia).

Abbiamo inoltre promosso l’energia green, dal momento che quella della quale ci approvvigioniamo deriva interamente da impianti alimentati da fonti rinnovabili. Si tratta di operazioni che prevedono il reinvestimento degli utili dell’azienda in azioni e progetti che ne migliorino l’impatto sostenibile».

Pedrali wood division a Manzano (Udine)
(Foto by Foto F. Romano)

Adesso conoscete le vostre emissioni... a quanto ammontano?

«Il punto non è il numero che risulta da questo studio, ma la sua valutazione sulla base di ciò che si produce.

Analizzare quanta CO2 emettiamo ci consente di sapere qual è l’impatto del nostro intero ciclo produttivo sull’ambiente. E quindi ci permette di avere dati concreti per definire obiettivi di miglioramento continui, monitorabili e quindi raggiungibili. È proprio questo il punto fondamentale.

Scegliere arbitrariamente di effettuare uno studio e di ottenerne la conseguente certificazione, ci consente di comprendere le debolezze ambientali dei nostri cicli produttivi. Partendo da dati oggettivamente misurabili, è dunque possibile ridurre gli sprechi ed aumentare l’efficienza, comunicando al contempo una politica aziendale green fondata su dati concreti e confrontabili».

 

Allestimento all'Università Bocconi di Milano

E ora? come userete questa informazione? Cercherete di ridurle ulteriormente o di compensarle? Oppure avete raggiunto il massimo possibile?

«Il percorso è ancora lungo. Abbiamo una produzione importante e continueremo questo processo migliorativo. Il saperlo misurare è fondamentale perché ci rende consapevoli delle azioni che stiamo promuovendo e ci permette di capire in quale direzione stiamo andando».

Checklist

Quattro parole per capire

  1. Ambizioni

    Limiti di emissioni stabiliti dagli Stati per arrivare entro il 2050 a emissioni zero
  2. Impronta di carbonio - Carbon footprint

    È la somma delle emissioni di gas serra prodotte da un’azienda, da una persona o da un’attività.
  3. Neutralità climatica - Carbon neutrality

    L’obiettivo della neutralità climatica si ottiene riducendo le emissioni per quanto possibile e compensando la quantità di gas emessi con azioni per stoccare e/o sottrarre carbonio dall’atmosfera
  4. Net zero

    Le emissioni di gas serra prodotte dall’attività umana vanno compensate attraverso misure di riduzione in modo che il bilancio al netto dei “carbon sink”, i depositi di carbonio naturali o artificiali che assorbono e trattengono anidride carbonica (oceani, foreste, torbiere…) sia zero.
Leggi altri articoli
Carta, il recupero creativo di scarti agroindustriali salvaguarda le foreste
La filiera della carta e del cartone rappresenta uno dei settori principali dell’economia circolare e della transizione ecologica dell’Italia. Il riciclo è affiancato dall’upcycling, …

La pausa ai dazi americani ridà il sapore dei formaggi al Made in Italy
Nonostante i pesanti limiti della pandemia, l’export dell’agroalimentare italiano chiude il 2020 con un +1,9%. È il massimo storico di sempre, con …

L’imballaggio mezzo di comunicazione della scelta sostenibile
«Il medium è il messaggio», scriveva il sociologo Marshall McLuhan, ovvero il mezzo stesso di comunicazione è in sé la comunicazione. Anche l’imballaggio lo …

Come valorizzare le idee dei dipendenti
Basta una semplice cassetta. È un’invenzione con un unico obiettivo: raccogliere idee per migliorare le condizioni e la qualità del lavoro. Come? Aprendo un …