< Home

Attenta alle persone e al capitale umano: Minifaber premiata da Imprese Vincenti

Articolo. In un’azienda non conta solo il capitale finanziario. «La persona, la sua formazione, è di importanza capitale». Questa è la filosofia della Minifaber Spa di Seriate, una filosofia che è valsa all’azienda il premio “Imprese Vincenti 2021” di Intesa Sanpaolo.

Lettura 12 min.

«La persona, la sua formazione, è di importanza capitale»

In un’azienda non conta solo il capitale finanziario. «La persona, la sua formazione, è di importanza capitale». Questa è la filosofia della Minifaber Spa di Seriate, come spiega Sebastiano Salvi, titolare e amministratore delegato per la parte finanziaria e amministrativa. «Una persona formata - aggiunge Salvi nell’intervista (qui sotto) - è una garanzia anche del fatto che il lavoro che svolge in azienda è sempre più qualitativo e competitivo».

Questa filosofia è valsa all’azienda - specializzata nella lavorazione a freddo delle lamiere e nella progettazione e costruzione di stampi - il premio “Imprese Vincenti 2021” di Intesa Sanpaolo, programma per la valorizzazione delle piccole e medie imprese italiane.

Giunto alla terza edizione, Imprese Vincenti ha selezionato quest’anno 112 aziende concentrando l’attenzione sui fattori di successo delle Pmi nel particolare contesto economico segnato dagli effetti della pandemia.

La settima tappa dedicata a “Persone e Capitale Umano” ha visto la partecipazione di 14 Pmi vincenti: oltre a Minifaber di Seriate anche Astelav (Torino), Aton (Treviso), Beantech (Udine), Bending Spoons (Milano), Bonomi Industries (Brescia), Fapim (Lucca), Irion (Torino), Metaltecnica (Novara), Sogedim (Milano), Steel Tech (Bari), Telebit (Pordenone), Walter Tosto (Chieti), Zeta Service (Milano).

Una delle macchine della Minifaber di Seriate

Tutto è partito da una cantina

Minifaber nasce nel 1960 ad Alzano Lombardo come piccolissima impresa, in una cantina. Tenacia, capacità, voglia di crescere l’hanno portata dove è ora, a essere leader internazionale nel settore della lavorazione a freddo delle lamiere e nella progettazione e costruzione di stampi. Ha un fatturato 2020 di 64,9 milioni di euro, 300 dipendenti, fra uffici e produzione, e l’export è al 56% (Francia e Germania soprattutto, ma anche India, Cina e Argentina).

Dal 1960 si è specializzata sempre più. Nel 1998 la sede viene spostata a Seriate, duplicando la superficie produttiva che aveva nella fase intermedia, a Villa di Serio. Oggi Minifaber si estende su 49.000 mq, ha un parco macchine che conta le più avanzate tecnologie della lavorazione a freddo della lamiera. È trainata dal presidente Raffaello Melocchi, con il sostegno della terza generazione della famiglia.

“In Minifaber - si legge sull’homepage dell’azienda di Seriate - è custodito un patrimonio di conoscenza, innovazione e tecnologia nel campo dello stampaggio a freddo dei metalli che consente al cliente di vedere soddisfatta ogni specifica esigenza, anche la più complessa».

 

Macchinari all’avanguardia alla Minifaber

Grazie a cinquant’anni di know-how nella deformazione a freddo delle lamiere, a continui investimenti in tecnologie e a un approccio orientato all’ascolto del cliente, l’azienda bergamasca è in grado oggi di realizzare pezzi complessi finiti e assiemati che nessun’altra azienda è in grado di fare.

Dalla carpenteria leggera e al laser, alla tranciatura e stampaggio, punzonatura, taglio e saldatura con varie tecnologie, assemblaggi: sono alcune delle principali attività di Minifaber, tutte raccolte sotto lo stesso tetto per dare ai clienti (dei campi medicale, cucina e robotica, illuminotecnica, gas, contatori ed elettromeccanica, per citare i più importanti) tutte le possibili soluzioni in un unico luogo.

«Facciamo sentire le persone parte di un sogno»

 

Sebastiano Salvi ad di Minifaber di Seriate durante la premiazione di Imprese Vincenti

Il premio di Intesa Sanpaolo, in questa tappa dedicata a “Persone e Capitale Umano”, coglie proprio nel segno nel caso di Minifaber. «Sono le persone che, accanto alle macchine fanno la differenza, fanno la nostra azienda. Il coinvolgimento - sottolinea Sebastiano Salvi -, il farle sentire parte di un sogno, come diciamo nella nostra vision, fa sentire le persone nella realizzazione di un obiettivo. Che non è solo la consegna di un prodotto al cliente o la sua soddisfazione, ma è l’essere parte attiva di un qualcosa che sta crescendo con l’apporto, con le competenze tecniche e non tecniche, di tutti».

Ecco l’intervista a Sebastiano Salvi

Premiate da Intesa le Pmi competitive grazie al know how

Le Imprese Vincenti presentate durante la tappa “Persone e Capitale Umano sono tutte competitive, prima e dopo la pandemia, grazie al know how delle proprie persone, al mix di tecnologia e formazione, agli investimenti per mantenere e sviluppare il proprio capitale umano.

La premiazione della settima tappa di Imprese Vincenti 2021

La competitività italiana è da sempre connessa al saper fare e al know-how del capitale umano, oggi ancora più importante alla luce delle discontinuità legate alla trasformazione digitale e alla transizione ambientale, che richiedono flessibilità e multidisciplinarietà.
Le aziende che hanno saputo meglio affrontare l’emergenza Covid hanno come tratto comune quello di aver fatto scelte strategiche ed investimenti già prima della pandemia, essenziali poi nel resistere e reagire alla crisi. Si tratta molto spesso interventi su innovazione, digitalizzazione, internazionalizzazione, sostenibilità e che vedono costantemente al centro una variabile essenziale, le persone.

Nel 2020 la pandemia ha accelerato il processo di digitalizzazione già in atto nel mondo delle imprese, facendo adottare ed estendere lo smart working a molti ambiti lavorativi, amplificando il commercio online e in generale la digitalizzazione e la connessione delle diverse funzioni aziendali e dei servizi a clienti e fornitori.

Tutti in collegamento durante le premiazione di Imprese Vincenti

Nella fotografia da sinistra: Francesca Nieddu, direttore Regionale Veneto Est e Friuli Venezia Giulia, Intesa Sanpaolo; Paolo Di Cesare, co-founder Nativa Società Benefit, Debora Roscian giornalista; Anna Roscio, responsabile Sales & Marketing Imprese Intesa Sanpaolo; Mauro Iacobuzio, Head of Sales & Relationship Manager di Elite; Tito Nocentini, direttore Regionale Lombardia Nord Intesa Sanpaolo

Investire sul capitale umano è essenziale

Un processo che si è esteso al 2021, con aziende che hanno continuato a puntare su qualità e sostenibilità o a rispondere alla crisi con iniziative di profonda trasformazione, tanto da rappresentare uno stimolo al rilancio dell’economia italiana. Per tutte, è emersa con estrema evidenza l’importanza di investire sul proprio capitale umano: la flessibilità necessaria ad adattamenti imprevisti e la trasformazione digitale in atto implicano importanti cambiamenti sia nelle attività industriali che nei servizi, le competenze digitali sono diventate basilari per tutti i lavoratori, la velocità dei processi in corso necessita della massima attenzione alle persone proprio per assicurarsi un vantaggio competitivo.

È però necessario migliorare le politiche sulla qualità del capitale umano, oggi la domanda di nuove competenze è continua e riguarda tutti i settori, molte aziende lamentano l’assenza dei profili lavorativi ricercati. Le PMI sono chiamate a focalizzarsi maggiormente sulla capacità manageriale, il loro rafforzamento per affrontare il domani passa dalla capacità di ripensare completamente il proprio modo di operare, mettendo in discussione non solo le logiche di funzionamento e organizzative, ma anche le strategie di crescita e di sviluppo.

 

Nel corso della tappa è stata premiata anche Minifaber di Seriate

 

Tito Nocentini, direttore Regionale Lombardia Nord, durante il suo intervento

«Oggi è emerso con forza - ha detto Tito Nocentini, direttore Regionale Lombardia Nord - quanto sia importante per un’azienda avere a cuore il benessere dei propri dipendenti, anche quello personale. Questo vale anche per la banca e il tema entra nel colloquio e nei rapporti fra l’istituto e l’azienda. Il ruolo del capitale umano infatti è la chiave del successo».

Corsi di alta formazione, con circa 500 aziende coinvolte

La Divisione Banca dei Territori, insieme a Intesa Sanpaolo Formazione, ha promosso nel primo semestre di quest’anno 22 corsi di alta formazione, con circa 500 aziende coinvolte, per oltre 2500 ore di formazione erogate, con l’obiettivo di cogliere le esigenze specifiche dei diversi territori e offrire alle imprese l’opportunità di migliorare la qualità del capitale umano.

Intesa Sanpaolo Formazione e Luiss Business School hanno inoltre siglato una partnership per offrire alle imprese percorsi di alta formazione focalizzati su temi di gestione d’impresa, innovazione e sostenibilità. L’Executive programme in gestione e innovazione d’impresa si rivolge infatti a imprenditori, manager e responsabili di funzioni aziendali che desiderano aggiornare e rafforzare le proprie competenze per una gestione innovativa e sostenibile dell’azienda, a fronte di uno scenario di mercato completamente trasformato dalla pandemia.

Imprese Vincenti, trend crescente di adesioni

Dall’avvio di Imprese Vincenti, nel 2019, sono state quasi 10.000 le imprese coinvolte nelle candidature, con un trend crescente di adesione, a conferma della vivacità delle Pmi e della voglia di partecipazione nonostante la fase di difficoltà connessa alla pandemia.

Imprese Vincenti 2021 si concentra sul tema del rilancio e punta alla centralità del sistema delle imprese come motore della ripartenza del Paese, evidenziando quei fattori intangibili che rappresentano i driver della crescita del Paese, in linea con il Programma Motore Italia lanciato da Intesa Sanpaolo a marzo di quest’anno e riconducibili alle missioni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: capacità di innovare, digitalizzazione, sviluppo del capitale umano, progetti di transizione sostenibile, vocazione internazionale, legame con il territorio e capacità di sviluppare rapporti di filiera.

A questi fattori si aggiungono i settori delle imprese non profit – sempre più fattore di coesione sul territorio e veicolo della finanza di impatto - e dell’agroalimentare, comparto prioritario sul Pil del Paese e la cui centralità nell’equilibrio socio-economico è apparsa ancor più determinante durante la crisi pandemica.

Grazie al programma arrivano strumenti per la crescita

Il programma Imprese Vincenti si preoccupa di fornire strumenti per la crescita delle imprese. La Banca insieme ai propri partner di programma - Bain&Company, ELITE, Gambero Rosso, Cerved e Microsoft Italia, Nativa, Circularity e Coldiretti - mette a disposizione percorsi che aiutano ulteriormente le Pmi ad affermarsi nel mercato interno e in quello internazionale, agendo su formazione, innovazione e digitalizzazione.

Nella tappa dedicata a “Persone e Capitale Umano”, in particolare, hanno partecipato due i partner di progetto. ELITE, che metterà a disposizione delle aziende di Imprese Vincenti strumenti di advisory dedicati al reperimento di fonti di finanza alternativa a supporto della crescita e all’identificazione di possibili linee guida per lo sviluppo strategico tramite il continuo confronto su best practice internazionali con la community degli imprenditori e investitori ELITE.

NATIVA, una Regenerative Design Company che supporta aziende leader in una radicale evoluzione attraverso l’integrazione di paradigmi rigenerativi nel proprio modello di business. È una delle aziende fondatrici del movimento B Corp in Europa e ha collaborato con il Senato per l’introduzione della legge per le Società Benefit. In particolare, la collaborazione con Intesa Sanpaolo, che ha consentito anche la messa a punto delle linee di finanziamento S-Loan, consente alle imprese di essere guidate nella misurazione del proprio impatto sociale e ambientale tramite il Benefit Impact Assessment, robusto strumento utilizzato dalle B Corp e da più di 150.000 aziende su scala globale, e nell’adottare modelli di innovazione sostenibile, come la certificazione B Corp e l’adozione dello status giuridico di Società Benefit, nell’ottica di un miglioramento delle performance di business.

«Occorre essere preparati ad affrontare il cambiamento»

Stefano Barrese

«La pandemia ha contribuito a riposizionare l’assoluta centralità del capitale umano nelle strategie imprenditoriali - dice Stefano Barrese, responsabile Divisione Banca dei Territori Intesa Sanpaolo -, ma da sempre la competitività dell’industria italiana è connessa al saper fare e al know how delle persone. Oggi stiamo assistendo ad una crescente presa di coscienza sulla necessità di essere preparati ad affrontare il cambiamento ed a saper utilizzare prontamente strumenti innovativi e digitali, per garantire all’impresa proprio competitività e sviluppo».

«Questo però - continua Barrese - comporta il miglioramento delle politiche sulla qualità del capitale umano, che la crisi pandemica ha evidenziato essere lo strumento-chiave per capacità di creare valore aggiunto e influire positivamente sulla crescita economica. La domanda di nuove competenze e quindi nuovi set di fabbisogni formativi è continua e riguarda tutti i settori, a prescindere dalle dimensioni del business e dall’industry di riferimento».

Ecco tutte le Imprese Vincenti della settima tappa

Nella settima tappa del digital tour dedicata a “Persone e Capitale Umano” sono state presentate altre 14 Pmi:

ASTELAV Srl - Astelav è uno dei principali distributori europei di accessori e ricambi per elettrodomestici che esporta in più di 80 Paesi nel mondo e serve 2.000 clienti tecnici riparatori in Italia grazie all’innovazione tecnologica, alla logistica all’avanguardia e alla qualità dei ricambi e dei servizi offerti.

Sede: Vinovo (Torino) – Sito www.astelav.com

ATON SpA - Società Benefit – Aton S.p.A. Società Benefit si affianca ad imprese ed organizzazioni italiane ed internazionali come partner nella trasformazione digitale sostenibile delle vendite in ottica omnichannel. Le soluzioni ed i servizi IT di Aton abbracciano tutti i processi legati alle vendite con un focus particolare nella distribuzione nei diversi canali e sono specializzati per mercati verticali: consumer packaged goods, che comprende alimentare, beni di largo consumo, prodotti per la cura della persona, retail fashion e GDO, energy&industrials, che include il mondo dell’industria, del GPL e dei gas tecnici.

Sede: Villorba (Treviso) – Sito www.aton.com

BEANTECH Srl - BeanTech è una PMI innovativa che, da venti anni, affianca le aziende nelle sfide della digital transformation e le aiuta a cogliere le opportunità dell’industry 4.0. L’azienda supporta le imprese di medie e grandi dimensioni a gestire l’intera filiera del dato sia nell’azienda che nella fabbrica con un’offerta di soluzioni che vanno dall’acquisizione dati all’architettura IT, dagli sviluppi software personalizzati alla gestione dei processi interni, dall’analisi del business all’implementazione di sofisticati algoritmi di intelligenza artificiale.

Sede: Udine – Sito www.beantech.it

BENDING SPOONS SpA - Fondata nel 2013, con sede a Milano, Bending Spoons crea e distribuisce app mobili. È il publisher n.1 in Europa e nella Top 10 globale per download giornalieri su App Store. I suoi pilastri sono: persone, tecnologia e analisi dei dati. Bending Spoons seleziona giovani talenti a cui mette a disposizione un contesto dinamico e motivante dove diventare professionisti di livello. I grandi investimenti in R&S, AI e machine learning consentono lo sviluppo di soluzioni ad alto valore tecnologico, mentre avanzati modelli matematici e strumenti di analisi dei dati ne guidano il vantaggio competitivo.

Sede: Milano – Sito https://bendingspoons.com/index.html

BONOMI INDUSTRIES Srl – Bonomi Industries è un produttore italiano di valvole a sfera in leghe di rame per basse pressioni e attuatori focalizzato su prodotti specialistici che distribuisce nei cinque continenti. Progetta e costruisce in massa prodotti che vengono garantiti a vita, grazie alla cura che pone in ogni fase dell’attività, alla tecnologia che assicura ripetibilità dei processi e all’esperienza e competenza dei suoi professionisti. La consolidata solidità finanziaria e la pianificazione e gestione del prossimo passaggio generazionale consentono di guardare al futuro con ottimismo.

Sede: Mazzano (Brescia) – Sito www.rubvalves.com

FAPIM SpA - Fapim, industria metalmeccanica italiana leader mondiale per la produzione di soluzioni e accessori per serramenti in alluminio di altissima qualità, 100% made in Italy, dal 1974 propone soluzioni ideali per porte, finestre e uscite di sicurezza. Con un catalogo di oltre 20.000 articoli, una superficie industriale superiore a 100.000 mq su due stabilimenti e 500 dipendenti, Fapim è un marchio a valenza mondiale, presente in oltre 100 paesi del mondo, dove esporta il 90% della produzione.

Sede: Altopascio (Lucca) – Sito www.fapim.it

IRION Srl - Irion dal 2004 sviluppa Irion EDM, piattaforma di Enterprise Data Management leader nel settore finanziario e in crescita negli altri mercati. Ha 145 dipendenti e sedi a Torino, Milano e Madrid. Irion è molto attiva per il benessere dei dipendenti e delle loro famiglie con un piano di smart welfare. La Mission è rivoluzionare il tradizionale approccio ai dati, renderli accessibili, parlanti e di valore. Irion EDM ha ricevuto a fine agosto 2021 l’Honorable Mention Gartner nei Magic Quadrant per i Data Integration Tools, la ricerca che segnala i migliori software per la data integration.

Sede: Torino – Sito www.irion-edm.com

METALTECNICA Srl - Fondata nel 1963 da Zanolo Piero, Metaltecnica si è affermata negli anni nel settore Zootecnico/Ecologico, sempre reattiva alle nuove esigenze della propria clientela. Oggi lo stesso fondatore ed i suoi figli - Giovanni, Marco e Lisa – con uno staff qualificato di 60 persone ne portano avanti in chiave moderna “i valori di una volta”, che l’hanno sempre contraddistinta: qualità, innovazione ed assistenza. Il prodotto Metaltecnica interamente progettato, prodotto e testato internamente è conosciuto a livello internazionale, divenendo negli anni sinonimo della qualità made in Italy.

Sede: Prato Sesia (Novara) – Sito www.metaltecnicazanolo.it

MINIFABER SpA - In Minifaber vi è custodito un patrimonio di conoscenza, innovazione e tecnologia nel campo dello stampaggio a freddo dei metalli che consente al cliente di vedere soddisfatta ogni specifica esigenza, anche la più complessa. Grazie a cinquant’anni di know-how nella deformazione a freddo delle lamiere, a continui investimenti in tecnologie e a un approccio orientato all’ascolto del cliente, è in grado oggi di realizzare pezzi complessi finiti e assiemati che nessun’altra azienda è in grado di fare.

Sede: Seriate (Bergamo) – Sito https://www.minifaber.it/

SOGEDIM Srl - Sogedim è una società di spedizioni indipendente attiva nel settore logistico nazionale e internazionale con base nell’ hinterland milanese. Nel tempo si è evoluta con l’aggiunta di nuove sedi e un’offerta servizi ancora più ampia e diversificata per il cliente, che può contare in ogni istante su un team esperto. Dall’headquarter sono raggiungibili direttamente tutte le destinazioni italiane, europee o mondiali per ogni merce, anche ADR e a temperatura controllata. Regolari partenze settimanali assicurano collegamenti veloci e sicuri su tutte le tratte, comprese destinazioni medio-lunghe.

Sede: Mesero (Milano) – Sito www.sogedim.it

STEEL TECH Srl - Steel Tech srl ha una storia di oltre 50 anni, realizza serbatoi e impianti di piccole e grandi dimensioni per diversi settori industriali: agroalimentare (per lo stoccaggio di cereali e farine e conservazione di liquidi), enologico (per la fermentazione delle uve, lo stoccaggio e la conservazione dei vini), chimico farmaceutico (contenimento di granuli di qualsiasi dimensione e peso specifico e per lo stoccaggio di carburanti) e bioenergetico-ambientale (per il contenimento di acque e fanghi industriali e percolati di discarica. Reattori con agitatori, serpentine e valvole di controllo).

Sede: Corato (Bari) – Sito www.steeltechitalia.com

TELEBIT Srl - Telebit è un gruppo che opera nelle telecomunicazioni, nell’ICT e nell’impiantistica tecnologica. È una squadra di professionisti con esperienza, competenza, mentalità innovativa ed intraprendenza alla ricerca continua di soluzioni per risolvere problemi complessi e per raggiungere obiettivi sfidanti. L’azienda è caratterizzata da una radice imprenditoriale, base per lo sviluppo di un progetto industriale nel quale l’essere umano è al centro così come l’ecosistema di relazioni serie e affidabili, è un’impresa solida con più di 30 anni di storia basata su uno sviluppo sostenibile duraturo.

Sede: Chions (Pordenone) – www.telebit.it

WALTER TOSTO SpA - Walter Tosto SpA è riconosciuta in tutto il mondo come eccellenza tecnologica nella realizzazione di apparecchi in pressione di altissima qualità per l’industria di processo, in particolare Chimica, Petrolchimica, Oil & Gas ed Energia, nonché apparecchiature tecnologiche ed innovative per il comparto del nucleare a fusione e Big Science.

Sede: Chieti – Sito www.waltertosto.it

ZETA SERVICE - Zeta Service è stata fondata nel 2003 da Silvia Bolzoni che oggi ne è CEO e Presidente e la guida con i figli Debora e Ivan Moretti. Da piccola realtà specializzata in paghe e amministrazione in outsourcing è cresciuta fino a fornire servizi per l’intera area HR, anche attraverso Lumina, Eleva e Individua, i tre brand del gruppo dedicati alla consulenza del Lavoro, allo sviluppo delle risorse e alla ricerca dei talenti Oggi l’azienda ha 1300 Clienti, 8 sedi e 300 collaboratori ed è nota per essere una delle realtà con il migliore ambiente lavorativo in Italia.

Sede: Milano - Sito https://www.zetaservice.com

Leggi altri articoli
Finanza agevolata, Regione Lombardia a tutto campo per sostenere la ripartenza
Dall’agricoltura all’industria, dal commercio alla ricerca e innovazione, dall’energia all’economia circolare e ai brevetti. La Regione Lombardia propone bandi per sostenere le attività praticamente …

Fondi all’agricoltura e all’agroindustria: ecco la storia di un’azienda vincente
Agricoltura di base, agroindustria e giovani agricoltori: a questi settori sono dedicati i bandi regionali di cui parleremo nel webinar del 14 aprile. Vediamo …

La pausa ai dazi americani ridà il sapore dei formaggi al Made in Italy
Nonostante i pesanti limiti della pandemia, l’export dell’agroalimentare italiano chiude il 2020 con un +1,9%. È il massimo storico di sempre, con …

Alleanza fra imprese e scuole per attirare i giovani talenti
Sono definite imprese attrattive. Riescono ad affascinare i più giovani perché lasciano intravedere un percorso di crescita professionale e qualità della vita. A Bergamo …