< Home

Come preparare l’azienda a nuovi choc

Articolo. La lezione che la pandemia ha insegnato a tutti è molto chiara: oggi resistere agli urti e alle sollecitazioni riprendendo l’aspetto originale o adattandosi alla nuova situazione non basta più. Occorre una nuova prospettiva. E per questo ecco quanto contano le soft skill

Lettura 4 min.

Costruire imprese con alta antifragilità

Nulla sarà più come prima per colpa del Cigno Nero? È quasi tutto vero. La tecnologia e gli strumenti digitali hanno dimostrato quella potenzialità e conquistato quella visibilità che finora non erano ancora riusciti a ottenere. Molti dei processi di trasformazione digitale delle imprese avevano segnato un rallentamento. Preoccupante, per molti. La pandemia ha fatto capire che molto dovrà essere cambiato, molto è già stato modificato e gran parte dei processi produttivi e dell’organizzazione di un’impresa dovranno essere pesantemente trasformati.

La domanda che sempre risuona è «quanto sapremo essere resilienti?». Garantire nuove condizioni di sicurezza, di tutela sanitaria, di stabilità all’impresa e allo stesso tempo salvare quanto (prima del Covid) si era impostato per lo sviluppo e la crescita dell’azienda è la nuova scommessa: innovazione, aggiornamento tecnologico, trasformazione digitale, espansione del mercato hanno bisogno di strategie completamente diverse da quelle pensate all’inizio del 2020.

Occorre essere più flessibili e pronti a riorganizzare anche gli spazi aziendali, a migliorare le azione di welfare e a ridurre gli spostamenti da casa

Quegli obiettivi restano tutti confermati, ma saranno completamente stravolti i percorsi per realizzarli. Basta pensare all’organizzazione del lavoro, a come l’introduzione dello smartworking ha costretto a rivedere la struttura e le dinamiche delle relazioni, interne ed esterne, di una qualsiasi azienda. Aumentandone in molti casi la potenzialità e la produttività del lavoro. Altro dato che indurrà le aziende a progettare in maniera diversa la logica di gestione delle risorse umane.

Nassim Nicholas Taleb

Filosofo, saggista e matematico

Il livello di resilienza di cui si è capaci è una risposta importante che interpreta il momento di crisi, ma forse non basta. Luca Mori, esperto di soft skill e di organizzazione aziendale, avverte: «Se con resilienza intendiamo la capacità di resistere agli urti riprendendo l’assetto originale, dopo la crisi del Covid-19 sarà importante darsi da fare per spingersi anche oltre la resilienza. Utilizzando un concetto introdotto da Nassim Nicholas Taleb – spiega Mori -, sarà importante lavorare per aumentare l’antifragilità delle nuove organizzazioni aziendali. E in questo le soft skill avranno un nuovo ruolo, ancora più centrale».

Allenare tutte le competenze trasversali

Smart working, automazione, connessione, industria 4.0. Una nuova organizzazione della fornitura e della catena di approvigionamento, una revisione dei processi produttivi e del lavoro, pensare a nuovi piani di emergenza. Ecco che cosa significa aumentare il livello di antifragilità di un’impresa che vada oltre la resilienza. Ma qual è il meccanismo che misura questo livello? E quali misure nuove o innovative occorre introdurre per garantire questo obiettivo?

Quando si riesce a sopravvivere a una crisi, la letteratura sull’organizzazione aziendale spiega che ci sono tre possibilità: si riparte ridimensionati e in condizioni peggiori rispetto a prima, si resiste e si torna esattamente nello stato precedente alla crisi. Oppure ci si trasforma e si migliora. Molto di quale fra questi percorsi si prenderà dipende dallo stato di innovazione introdotto in azienda prima dello choc. Per le imprese che hanno iniziato a preoccuparsi del loro futuro solo durante l’emergenza, pensare di avere pronte soluzioni efficaci potrebbe essere un po’ tardi. Per le altre, quelle che hanno messo in conto i rischi improvvisi, essere pronte significa aver maggiormente puntato da tempo su difese e strumenti tecnologici, come capacità di risposta.

Nuove relazioni di gruppo e flessibilità nei rapporti sempre più presuppongono e richiedono un buon allenamento di tutte le competenze trasversali

Lo smart working è stata una delle risposte più evidenti e veloci introdotte proprio perché molte aziende già lo avevano sperimentato. E in breve, lo stesso modello, lo hanno esteso a quasi tutto il personale. Per loro non c’è stato nessun cigno nero. Un rischio messo più o meno in conto come eventualità.

Ma costruire un’impresa antifragile, che vuole dire non più solo resiliente ai futuri cigni neri, non significa solo appellarsi e strutturarsi affidandosi al ruolo della tecnologia. Anzi, proprio di fronte a un massiccio ricorso a strumenti digitali, a relazioni più a distanza e a dinamiche da remoto, sarà sollecitato un nuovo ruolo anche delle soft skill.

 

«Aumentare l’antifragilità di un’organizzazione, sia durante sia dopo la crisi, significa mettere in campo nuove misure che richiederanno creatività di gruppo e flessibilità nelle relazioni tra i dipendenti. Misure che presuppongono e richiedono un buon allenamento delle soft skill aziendali». Luca Mori sottolinea come «l’antifragilità sarà la nuova dimensione a cui dovranno tendere le aziende contro i nuovi rischi. Garantire condizioni di antifragilità è dotarsi di sistemi che meglio riescono a trarre vantaggio dagli scossoni. In che modo? Perché sono in grado di rigenerarsi moltiplicando le proprie possibilità dopo uno choc, attraverso processi di innovazione post-traumatica che li rendono più pronti ad affrontare i rischi futuri».

Competenze trasversali nuove per aziende rinnovate

  • Capacità di adattarsi alla nuova organizzazione
    Le nuove regole e l’introduzione di più strumenti digitali richiederanno una nuova capacità di adattarsi alle dinamiche di relazione e di confronto completamente riviste all’interno della stessa azienda.
  • Maggiore predisposizione a lavorare in autonomia
    Un’esperienza difficile da accantonare. Le soft skill tornano prioritarie e gli imprenditori non si dimenticheranno che è possibile lavorare in questo modo: canoni diversi rispetto alla permanenza in ufficio.
  • Non saranno le ore, ma conta il risultato
    È la prima novità: conterà solo l’output che verrà prodotto, non le ore che si passeranno in ufficio. L’unica condizione è che bisogna disporre di strumenti e mentalità giuste per poter operare nel nuovo modo.
  • Cambiano le forme e i canali di formazione
    Abilità significa anche sapersi adattare alle nuove modalità di relazione e di formazione aziendale: dalla formazione in remoto alle virtual room collaborative per i dipendenti fino alle fasi di recruitment.
  • Cambiano anche le domande di lavoro dai settori industriali
    Settori industriali finora secondari per capacità di esprimere richieste di lavoro, ora sono i primi a offrire occupazione: l’epidemia ha fatto esplodere i settori medico, farmaceutico e scientifico.
  • Competenze miste fra tradizionali e innovativ i
    Sarà il digitale la guida dei profili da ricercare: su tutti quei profili specializzati nel settore dell’e-commerce, come e-commerce manager, specialisti di piattaforma, data analyst e specialisti di rete.
Luca Mori

Soft skill trainer e consulente di Sviluppo organizzativo

talk


Luca Mori, soft skill trainer e consulente di Sviluppo organizzativo, si pone questa domanda per affrontare il dopo: che cosa fare quando l’emergenza sarà finita? Perché una prima risposta è tutta dentro la sua prima convinzione. E cioè che questa emergenza non era poi così inaspettata e improvvisa. Ora però è importante non restare “disarmati” per il futuro.

Perché parliamo di Cigno Nero e di aziende?

Perché il Cigno nero rappresenta l’impossibilità di calcolare il rischio che si verifichino eventi straordinari, anche se retrospettivamente possiamo tentare di spiegarli,razionalizzandoli. In genere ci affanniamo a comprendere e a gestire l’ordinario, ma siamo largamente impreparati a gestire le onde d’urto prodotte dalla comparsa improvvisa dei Cigni neri disastrosi.

Ma la crisi che stiamo vivendo è un Cigno Nero?

La risposta è no. Manca una caratteristica essenziale nella sua definizione: l’imprevedibilità. In altre parole, l’evento di un’epidemia diffusa in molti paesi, era tra quelli prevedibili e di fatto previsti dall’Oms.

E che cosa occorre fare dopo la crisi?

Tornare esattamente come prima non sarebbe una mossa lungimirante. La cosa migliore da fare è impegnarsi per rendere i propri sistemi e le proprie organizzazioni non solo più che resilienti, ma anche antifragili: sono antifragili i sistemi che riescono, entro certi limiti, a trarre vantaggio dalle crisi e dagli scossoni, grazie all’attivazione di processi di sovra-compensazione.

Leggi altri articoli
Nasce a Bergamo la rivoluzione dell’e-commerce con Amazon
Le strategie di vendita online sono sempre più driver della crescita di un’impresa. La bergamasca Foppapedretti ha anticipato ancora una volta i tempi e …

L’intelligenza artificiale si trasforma da tecnologia a servizio d’impresa
L’applicazione degli algoritmi pone un problema di controllo e di sicurezza: intorno a questo bisogno sta nascendo un nuovo sistema di business. Ecco …

L’elettronica in tempo reale, driver della trasformazione digitale
Una piattaforma online bergamasca nasce come strumento per abilitare l’innovazione digitale nell’industria. È il primo caso in Italia di e-commerce per creare schede elettroniche. …

Imprenditori, smettete di inseguire il modello Silicon Valley
I finanziamenti all’innovazione sono sempre più il risultato di quanto l’ecosistema del territorio riesce a sollecitare risorse. Ma emulare il modello della valle …