< Home

Come rivedere le catene della fornitura

Dossier. In uno scenario globale l’intera filiera dell’approvigionamento industriale e delle imprese della fornitura parte da un capo del mondo, per esempio un fornitore asiatico, e tutta la fornitura è programmata in sequenza. L’emergenza virus ha messo in crisi questo modello. Occorre ripensarlo con una maggiore flessibilità, con forniture in partenza da più punti e soprattutto da luoghi più ravvicinati.

Lettura 2 min.

Ripensare un modello della fornitura

«Credo che i tempi di crisi siano momenti in cui è necessario prepararsi, pianificare la ripresa, investendo in innovazione di processi e prodotti». A parlare è Jörg Buck consigliere delegato della Camera di commercio Italo-germanica, tra i curatori di una recentissima indagine realizzata su 91 aziende, piccole e grandi, associate all’ente e aventi sede nel Nord Italia. La crisi citata da Buck è quella evidente, attesa da molti, come conseguenza della diffusione dell’epidemia di Covid-19 e degli effetti delle misure prese, soprattutto in Italia, che rallentano significativamente la nostra economia. Ma ciò che succede nel nostro Paese non è che il primo atto di un processo più ampio del quale non si conoscono ancora la durata e le effettive conseguenze. Ben consci di questo clima di incertezza si devono leggere le risposte delle aziende intervistate dalla camera italo-germanica tra il 2 e il 4 marzo 2020.

Le imprese coinvolte sono tutte presenti principalmente nel Nord Italia sia per la locazione degli headquarter (soprattutto Lombardia e Veneto) sia per le altre sedi (Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna) e appartengono sia ai settori produttivi che dei servizi. Si tratta per la maggior parte di aziende che forniscono servizi e macchinari, tecnologia e automotive, oltre a realtà del settore chimico-farmaceutico, l’industria metalmeccanica, la logistica e il commercio e in misura minori l’edilizia e il turismo. L’indagine fa emergere un quadro spaccato a metà. Sull’impatto che l’emergenza sta avendo sulle imprese il 57,1% degli intervistati è consapevole che tutto ciò avrà una conseguenza sul proprio operato, anche se con timori differenti.

Leggi altri articoli
Relazione, servizio e officine digitali. È l’ultimo miglio dell’auto elettrica
None La vettura a batteria sta trasformando i processi non solo dell’industria. La rivoluzione della mobilità sta cambiando anche l’ultimo anello della filiera automotive: le …

Non solo profitti, ma valore sociale: la carica delle tremila società Benefit
None Cresce di mese in mese il numero di aziende che, insieme al business, decide di perseguire un beneficio comune, che indica nel proprio oggetto …

Il nostro test con l’AI per ricostruire ascolto e relazioni in un’azienda
None Abbiamo fatto un esperimento con l’intelligenza artificiale in un’azienda bergamasca: abbiamo chiesto a ChatGpt di risolvere un problema organizzativo con i dipendenti. Ha risposto …

La startup inclusiva che mette ordine nelle relazioni con mappe visuali
None Si chiama «Spunto Edu», è made in Bergamo, fondata da due giovani e si sta imponendo come il primo portale web per il supporto …