< Home

Lo smart working è qui per restarci: come gestirlo

Dossier. L’emergenza Coronavirus ha dimostrato la validità organizzativa di questo strumento. Ma anche i ritardi per molte aziende che si sono dovute fermare per non aver investito. La tecnologia oggi abilita cambiamenti profondi nell’organizzazione delle aziende. Quasi sempre aumentando produttività ed efficienza organizzativa

Lettura 9 min.

Qualche confusione, molti ritardi. Ma il fenomeno cresce

Non significa lavorare solo da remoto. È definita una rivoluzione in quattro stadi: che coinvolge persone, spazi, cultura manageriale e strumenti da utilizzare. È un percorso di trasformazione profonda dell’organizzazione aziendale, che richiede investimenti in tecnologia, ridefinisce le modalità di vivere il lavoro da parte delle persone. Ma soprattutto cambia completamente il sistema di valutazione del lavoro, non più sulla presenza fisica ma sui risultati, le performance finale.

C’è voluta un’emergenza come quella scatenata sulle aziende dal Coronavirus per riportare sul tavolo delle aziende e dei manager delle Risorse Umane un tema sempre più centrale nell’organizzazione del lavoro del futuro, uno strumento che si è presentato subito come il grande strumento per risolvere la potenziale paralisi che il tradizionale modo e organizzazione del lavoro poteva provocare sulle aziende. In molti casi, dove il lavoro è stato già impostato per obiettivi e con una nuova leadership del lavoro, la paralisi non si è avuta. In moltissimi altri, la crisi ha invece dimostrato il ritardo accumulato causando il fermo delle aziende e delle attività.

L’ultima fotografia racconta che se solo un terzo dei dipendenti in Italia lavorasse secondo un progetto di smart working, ogni giorno ci sarebbero almeno 2,8 milioni di lavoratori che potrebbero usufruire di ampia flessibilità negli orari di lavoro, di un’autonomia nella scelta del luogo da dove lavorare, di disporre di strumenti digitali e tecnologici per garantire la propria prestazione professionale: tutto questo senza nessuna conseguenza sull’attività e sulle funzioni ordinarie della sua azienda.

Leggi altri articoli
Le soft skill che danno forza alle aziende
Ci sono aziende che sono state distrutte dal Coronavirus, altre invece non solo hanno resistito, ma, terminato il primo lockdown, sono ripartite con un’accelerazione …

Finanziamenti per l’e-commerce delle Pmi, un webinar di Skille
Mercoledì 29 luglio un webinar di Skille dedicato al nuovo bando di finanziamento «Ecommerce 2020» di Regione Lombardia, strumento pensato per finanziare progetti di …


Digitale, leva per l’export. Crescere all’estero nel dopo-Covid
Far ripartire il commercio internazionale in questa fase significa avviare una importante azione di digitalizzazione dei processi di vendita e di relazioni oltre confine. …

La sfida della fase 2: «Occorre una spinta dolce, ma si deve cambiare»
Matteo Motterlini, filosofo dei comportamenti ed economista, analizza i fattori chiave per gestire la ripartenza. I rischi: le trappole mentali. Le regole: esperimento a …