L’innovazione si deve fare, ma non da soli

Innovare da soli non conviene più. Costi troppo alti, tempi troppo lunghi. Ciò non significa smettere di innovare, ma occorre aprirsi a collaborazioni anche esterne. La chiusura è infatti il primo limite da superare. Ecco gli strumenti per farlo.

Sommario

La mia azienda in un ambiente di innovazione
Dalle Soft Skill all’Open Innovation
Cos’è l’Open Innovation
Prodotto come servizio e innovazione aperta
Competizione vs collaborazione (o meglio, coopetizione)
Per innovare, si parte dalle persone ( talk )
Tanti modi di fare Open Innovation
Open Innovation e startup
Corporate Venturing. Il caso Jcube
Open Innovation di piattaforma: Innocentive e Slowd
Società piattaforma di innovazione: CRIT ( talk )
Cosa succede dalle nostre parti? (talk)
Domande di (ri)partenza

La mia azienda in un ambiente di innovazione

«Come posso rendere la mia azienda un ambiente che favorisce l’innovazione?».
Così iniziava il nostro approfondimento “13 idee per un’azienda innovativa” . L’articolo, tra le altre cose, sottolineava, grazie alla lucidità di Melissa Schilling, due dei fattori di resistenza al cambiamento che spesso troviamo nelle nostre aziende: paura e rigidità. In questo approfondimento ci occuperemo di una terza caratteristica da evitare: la chiusura. Specie quando si parla di innovazione.

L’Open Innovation (in questo articolo la troverete spesso citata come OI) è da alcuni pensata come un tipo particolare di innovazione. Eppure, date le evidenze degli ultimi anni, sarebbe più opportuno pensarla come la forma principale di innovazione . C’è chi dice, in altri termini, che l’innovazione oggi non possa che essere aperta. Con questa prospettiva guarderemo a modelli e sperimentazioni già presenti sui mercati nostrani e non solo, alla ricerca di alcune indicazioni utili ai nostri lettori.

Se dovessimo riprendere e modificare leggermente la frase iniziale, diremmo: come posso far diventare la mia azienda un soggetto attivo in un ambiente che genera innovazione? In primo luogo, infatti, l’innovazione aperta è materia di relazioni e rete, non solo dentro la mia azienda, ma anche tra la mia azienda e le organizzazioni che la circondano, dai fornitori, ai clienti, a tutti gli attori del mio “ecosistema”. Comprese le aziende che ancora non esistono e posso aiutare a nascere, grazie a un rapporto di reciproca utilità. Ma ci arriveremo per gradi.