93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
Mercoledì
11
Agosto

Furore

Prosegue la rassegna "A levar l’ombra da terra" con una reading ambientata negli anni 30 che racconta il viaggio della speranza dei contadini affamati del Midwest verso la più prospera California.

di John Steinbeck | con Sandra Zoccolan | scelte musicali Sandra Zoccolan

Steinbeck raccontò di aver voluto «mettere un’etichetta vergognosa su quei bastardi avidi che sono responsabili» della Grande Depressione e delle sue conseguenze, e di aver «fatto del mio meglio per far saltare i nervi al lettore» a ogni pagina: Furore divenne il romanzo di denuncia della Grande Depressione degli anni Trenta, raccontando il viaggio della speranza dei contadini affamati del Midwest verso la più prospera California, dove Steinbeck stesso era nato. La sua scrittura è così realistica che sembra di vedere il giallo dei campi, di sentire il calore del sole rovente sulla pelle, la polvere rossa della terra che ti va nel naso, l'odore del poco, pochissimo cibo che, quando c'è, sfrigola in padella o bolle nei pentoloni. Ci narra di gente disperata, che deve lasciare la propria casa per cercarsi un altro posto in cui vivere, tra gente estranea che non ti sopporta e non vuole darti un lavoro, ma sfruttarti, trattandoti come una bestia da soma, levandoti il rispetto per te stesso. Ci narra di razzismo, di diseguaglianze sociali, di tentativi di sciopero e di insurrezioni da parte di chi avverte di possedere una coscienza sociale, civica. Un popolo di famiglie in fuga che, come i Joad, perdono pezzi lungo la strada e imparano quanto la giustizia sociale nasca dalla solidarietà umana e non abbia quasi niente in comune con la legge costituita. Famiglie, scrive Steinbeck, che nella condivisione del bisogno imparano a trasformarsi da “io” a “noi”. “Io ci sarò sempre, nascosto e dappertutto…dove c’è qualcuno che lotta per dare da mangiare a chi ha fame… dove c’è uno sbirro che picchia qualcuno… sarò negli urli di quelli che si ribellano”.

In caso di pioggia teatro Fratellanza, via Trento 10.

Rassegna "A levar l’ombra da terra"
Il Festival rimane ad ingresso gratuito, come da tradizione, ma anche quest’anno le modalità di accesso alle serate di spettacolo saranno in linea con le normative vigenti in materia di sicurezza sanitaria.

Prenotazione:
In questa edizione si può prenotare per ogni serata di spettacolo attraverso il sito www.alevarlombradaterra.it (clicca qui); nella pagina di ciascuna serata ci sarà il form per la prenotazione gratuita, bastano nome, cognome e mail. La conferma della prenotazione arriverà via mail e garantirà l’accesso allo spettacolo o al film. Bisognerà presentarti almeno 30 minuti prima dell’inizio dello spettacolo presso l’accoglienza, altrimenti si perderà il diritto acquisito. Se non si prenota si potrà comunque  presentarti all’ingresso per verificare la disponibilità di posti liberi o per iscriversi ad una lista d’attesa che subentrerà ad eventuali assenze tra i prenotati. La lista d’attesa viene aperta un’ora prima dell’inizio dello spettacolo esclusivamente in loco, non si accettano mail o telefonate. A coloro che non hanno prenotato verrà chiesto il nominativo e il contatto telefonico o mail che Associazione A levar l’ombra da terra conserverà per 14 giorni.

Ingresso:
Al momento dell’ingresso lo staff di A levar l’ombra da terra misurerà la temperatura corporea a ciascuno spettatore. Durante l’ingresso, l’uscita e qualsiasi altro spostamento è obbligatorio mantenere la distanza di sicurezza di 1 metro e indossare la mascherina. 

In caso di pioggia:
Diversi luoghi al coperto che verranno utilizzati in caso di pioggia hanno capienze ridotte rispetto ai luoghi all’aperto. In questi casi accederanno al luogo al coperto i primi prenotati in ordine cronologico. Nei casi di spostamento location causa maltempo lo staff del Festival provvederà ad informare tutto il pubblico prenotato via mail segnalando chi ha diritto all’accesso.

Informazioni

prezzo Ingresso gratuito su prenotazione obbligatoria.
Visita il sito

Data e Ora

Inizio: mercoledì 11 agosto 2021 21:00

Fine: mercoledì 11 agosto 2021 22:30

Luogo e località
Casa del Suffragio

Casnigo, Via cambianica