93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
Mercoledì
28
Luglio

L’incendio di via Keplero

Prosegue la rassegna "A levar l’ombra da terra" con il racconto dell’incendio di un caseggiato milanese, con i suoi numerosi abitanti alle prese col divampare del fuoco.

EVENTO CONCLUSO

di Carlo Emilio Gadda | quasi un melologo su musiche di Giuseppe Verdi | con Stefano Orlandi alias “La Dina.

L’incendio di via Keplero è il racconto dell’incendio di un caseggiato milanese, con i suoi numerosi abitanti alle prese col divampare del fuoco; ognuno con le sue storie, segrete finché rimangono chiuse nelle stanze ove si consuma la quotidianità spesso meschina, ma che vengono esposte al pubblico ludibrio quando il fuoco le vomita fuori e mostra a tutti il lato nascosto della realtà, accompagnando il gesto con una risata di scherno e insieme di pietà.
L’incendio di via Keplero non è solo un grande affresco della Milano del secolo scorso, ma è anche una vera e propria metafora sulla vita. Scritto in uno stile elaboratissimo che mescola, con originale impasto linguistico locuzioni arcaiche e frasi dialettali, termini scientifici ed espressioni auliche, il racconto si dipana in un ritmo travolgente con digressioni, pause, soste e riprese in uno straordinario viaggio sull’arte di raccontare. In un andamento fra il lirico e il satirico la narrazione si frantuma in una serie di quadri fortemente impressionisti; in essi personaggi e vicende sono pretesto per una satira di costume attraverso la deformazione umoristica e grottesca della realtà. E a raccontare questa storia non poteva che essere un personaggio anch’esso grottesco e irriverente: “La Dina”, una “Drag Queen di Cinisello” che come quel grande personaggio femminile di Gadda: l’Adalgisa, che da cantante lirica di terz’ordine ha salito le scale della borghesia milanese, così La Dina ha saputo farsi strada nel mondo del teatro milanese senza mai dimenticare però le sue radici popolari. A far da sfondo al racconto del Keplero, ma in realtà coprotagonista della narrazione, c’è la musica di Verdi. Il racconto prende così la forma di un melologo, dove musica e parole si fondono in uno spettacolo tragicomico giocato sul filo del realismo e della rappresentazione ironica della commedia umana. 

in caso di pioggia sala polivalente, via Ca' Bettera 19 

Rassegna "A levar l’ombra da terra"
Il Festival rimane ad ingresso gratuito, come da tradizione, ma anche quest’anno le modalità di accesso alle serate di spettacolo saranno in linea con le normative vigenti in materia di sicurezza sanitaria.

Prenotazione:
In questa edizione si può prenotare per ogni serata di spettacolo attraverso il sito www.alevarlombradaterra.it (clicca qui); nella pagina di ciascuna serata ci sarà il form per la prenotazione gratuita, bastano nome, cognome e mail. La conferma della prenotazione arriverà via mail e garantirà l’accesso allo spettacolo o al film. Bisognerà presentarti almeno 30 minuti prima dell’inizio dello spettacolo presso l’accoglienza, altrimenti si perderà il diritto acquisito. Se non si prenota si potrà comunque  presentarti all’ingresso per verificare la disponibilità di posti liberi o per iscriversi ad una lista d’attesa che subentrerà ad eventuali assenze tra i prenotati. La lista d’attesa viene aperta un’ora prima dell’inizio dello spettacolo esclusivamente in loco, non si accettano mail o telefonate. A coloro che non hanno prenotato verrà chiesto il nominativo e il contatto telefonico o mail che Associazione A levar l’ombra da terra conserverà per 14 giorni.

in caso di pioggia centro sportivo Via Stezzano, 33 

Ingresso:
Al momento dell’ingresso lo staff di A levar l’ombra da terra misurerà la temperatura corporea a ciascuno spettatore. Durante l’ingresso, l’uscita e qualsiasi altro spostamento è obbligatorio mantenere la distanza di sicurezza di 1 metro e indossare la mascherina. 

In caso di pioggia:
Diversi luoghi al coperto che verranno utilizzati in caso di pioggia hanno capienze ridotte rispetto ai luoghi all’aperto. In questi casi accederanno al luogo al coperto i primi prenotati in ordine cronologico. Nei casi di spostamento location causa maltempo lo staff del Festival provvederà ad informare tutto il pubblico prenotato via mail segnalando chi ha diritto all’accesso.

Informazioni

prezzo Ingresso gratuito su prenotazione obbligatoria.
Visita il sito

Data e Ora

Inizio: mercoledì 28 luglio 2021 21:00

Fine: mercoledì 28 luglio 2021 22:00

Luogo e località
Chiesa di Santa Lucia

Peia, Via Cà Bosio