93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
Mercoledì
19
Febbraio

Aspettando Bergamo Jazz - I 75 anni di Musica Jazz

Incontro per celebrare i 75 della pubblicazione Musica Jazz seguito dal concerto del Duo Gallo Sala.

Il primo dei due appuntamenti della serata, organizzato in collaborazione con l'associazione Bergamo Racconta, celebra i 75 anni di "Musica Jazz", la più longeva e  importante rivista italiana di jazz.
Intervengono Luca Conti, attuale Direttore di Musica Jazz, e il fotografo Roberto Masotti. Nell'occasione saranno esposte al Polaresco alcune storiche fotografie di Roberto Masotti scattate negli anni Settanta durante le prime edizione del festival jazz di Bergamo. 
Nata nel 1945, Musica Jazz compie nel 2020 i 75 anni di ininterrotta presenza nel mondo del jazz. Quello attualmente in edicola è il numero 831, quasi un record nel panorama mondiale: soltanto l'americana DownBeat, in tutto il mondo, è l’unica rivista a superarla in termini di anzianità, mentre tra le pubblicazioni europee è da molto tempo la più longeva.
Fondata da Gian Carlo Testoni (1912-1965), giornalista, critico musicale e autore di canzoni tra le più popolari di metà anni Quaranta, fin dai suoi primissimi numeri vide l’ingresso come collaboratore di Arrigo Polillo (1919-1984), che ne diventerà poi il direttore alla scomparsa dello stesso Testoni, e che è senza alcun dubbio la figura cui, più di ogni altra, sono dovuti l’affermazione e il consolidamento del jazz in Italia, grazie a una fervida attività non solo di giornalista e saggista ma anche di organizzatore di concerti (a lui si devono, per esempio, le prime esibizioni italiane di Ella Fitzgerald, Thelonious Monk e John Coltrane).
A Polillo si sono poi succeduti nella guida della rivista Pino Candini, Claudio Sessa, Filippo Bianchi e Luca Conti, che ne è il direttore dal gennaio 2012. 
Roberto Masotti è uno dei più noti fotografi di musica e spettacolo a livello internazionale. Sue mostre sono state allestite in Italia e in tutta Europa e moltissime delle sue fotografie hanno fatto letteralmente il giro del modo, comparendo in libri e come copertine di dischi. La sua collaborazione con Musica Jazz ebbe inizio nel 1973 con un servizio fotografico su Keith Jarrett, realizzato a Bergamo, in Città Alta, e poi apparso anche su copertine di album di prestigiose etichette quali ECM e Impulse.

Dalle 21:30 la serata prosegue con il concerto live della band che vede come protagonisti Danilo Gallo al basso elettrico e Filippo Sala alla batteria, percussioni e synth.
Danilo Gallo è nato a Foggia nel 1972, dedicatosi all’inizio alla chitarra classica ha poi approfondito lo studio del jazz  presso "Il Pentagramma” a Bari dove ha iniziato la sua attività artistica dapprima seguendo seminari e suonando in jam session, poi collaborando con alcuni tra i più affermati jazzisti del panorama internazionale.
Come didatta ha insegnato presso le scuole "Sol-do" di Foggia, “Suono Improvviso" di Venezia, e “Officine Musicali" di Mogliano Veneto. Attualmente insegna presso la “Scuola Gershwin - Professione Musicisti" di Padova.
Ha tenuto seminari e master class, tra gli altri, presso l’università di Jakarta, il Festival Jazz di Lima, il Festival Fiemme Sky Jazz, la scuola Wood Bronx a New York, Accademia di Brera a Milano.
Musicista curioso, ecclettico, trasversale, partecipa a numerosi progetti che spaziano dal jazz alla musica etnica, all’improvvisazione radicale, all'avanguardia, e a diverse collaborazioni che vedono le varie arti al fianco della musica.
Ha suonato in Italia, Francia, Belgio, Olanda, Germania, Austria, Repubblica Ceca, Svizzera, Slovenia, Grecia, Inghilterra, Scozia, Irlanda, Yugoslavia, Croazia, Danimarca, Stati Uniti, Messico, Peru', Indonesia, Cina, Hong Kong. Attualmente vive tra Padova e Berlino.
Oltre al contrabbasso suona anche il basso acustico, la balalaika basso e la balalaika contrabbasso, il basso elettrico.
È co-fondatore dell’etichetta indipendente El Gallo Rojo Records, soggetto collettivo di produzione nell'ambito della musica creativa.
Filippo Sala è nato a Bergamo nel 1988, intraprende lo studio della batteria all’età di dodici anni, con i maestri Vittorio Panza e Marco Volpe. In seguito, frequenta il corso di Musica Jazz al Conservatorio “G. Verdi” di Milano in cui si diploma nel 2013. Ha seguito masterclass con Ralph Alessi, Tom Harrel, Michael Blake, Bob Moses. È inoltre stato due mesi a Cuba per studiare i timbales con il maestro Josè Eladio Amat. Collabora come batterista in diverse formazioni tra cui il collettivo RES, il gruppo di percussioni Dadadang, il Double Cut (di Tracanna e Milesi), i Giro Vàgo Trio. Numerose anche le collaborazioni con grandi musicisti tra cui Tino Tracanna, Giulio Corini, Emanuele Maniscalco, Riccardo Luppi, Giovanni Falzone, Alberto Tacchini, Alberto Mandarini.

Informazioni

prezzo Ingresso gratuito
Visita il sito

Organizzatore

Spazio Polaresco

-

Data e Ora

Inizio: mercoledì 19 febbraio 2020 21:00

Luogo e località

Bergamo, Via del Polaresco, 15,

Eventi Collegati
Eventi Consigliati