93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
Lunedì
6
Settembre

Il pianista Mario Patuzzi

La stagione concertistica della Società del Quartetto presenta il concerto di Mario Patuzzi.

EVENTO CONCLUSO

La stagione concertistica della Società del Quartetto presenta il concerto di Mario Patuzzi. Il pianista Mario Patuzzi è già stato ospite della nostra società in ben tre occasioni: il 15.4.2013, in Sala Alfredo Piatti con la figlia violinista Maristella; il 23.02.2015 all’Auditorium della Libertà con Maristella ed il violoncellista Rocco Filippini (ultimo concerto della sua lunga e luminosa carriera); ed il 19.03.2018, ancora in Sala Piatti, sempre con Maristella; e, quindi, ne conosciamo bene la caratura e serietà interpretativa.

Questa sera l’amico Mario ritorna per un recital con il quale egli celebra insieme a noi – che ne siamo onorati – i cinquant’anni della propria carriera di concertista e didatta.

Suonare il pianoforte non è una qualità innata e, quindi (al pari della Didattica morale di Kantiana memoria) “può e deve essere insegnata”.

Ecco, dal corposo e pur parziale curriculum del nostro, si evince che la sua vita è stata sin qui giocata tra concertismo ed insegnamento nei Conservatori di Trento, di Piacenza, di Como e con innumerevoli Seminari e Masterclass.

Sembra essere un “luogo comune” ritenere che tutti i più celebri pianisti di ogni epoca siano stati anche dei grandi didatti; e ciò può forse apparire esatto se si identifica la “grande maestria” con l’implicito insegnamento dell’espressione, liricità, sentimento, perentorietà, ritmicità e cantabilità ed ogni altro segno distintivo della interpretazione della musica scritta (anche) da altri (compositori).

Ma se si indaga in modo più approfondito possiamo sorprenderci che non tutti i famosi pianisti furono contemporaneamente altrettanto “grandi insegnanti” nel senso proprio della Didattica pianistica.

Sino ai primi anni del novecento i pianisti erano anche compositori e, pertanto, i concerti che tenevano comprendevano per lo più opere originali da loro composte; e chi, quindi, meglio di loro avrebbe potuto eseguire la loro musica?!

Il primo nome che compare nella storia dei grandi pianisti / didatti è quello di Muzio Clementi (Roma 1752 / Evesham – Worcestershire 1832) considerato il padre del pianoforte, italiano di nascita ma anglosassone di formazione, con il suo “Gradus ad Parnassum” vera enciclopedia della tecnica pianistica e compositiva che mira a portare il pianista a superare ostacoli tecnici sempre maggiori e, nel contempo, a fornire modelli di forme classiche, canoni, fughe, preludi, suite, sonate etc.

La Didattica pianistica è riuscita a farsi spazio nei secoli, incoraggiando moltitudini di persone a percorrere la strada della Musica, il valore sociale raggiunto dal pianoforte nel XIX e nel XX secolo è stato di uno spessore senza confronti, da strumento pressoché ignorato alla nascita ad insostituibile mezzo di intrattenimento sociale nella borghesia liberale dell’800 ed incarnazione dell’estetica di tutti i musicisti romantici.

Non è questo né il luogo né lo spazio per la storia e l’esegesi della Didattica pianistica. Al lettore di queste poche righe basterà memorizzare che nella miriade di grandi pianisti che si sono succeduti nel corso della ancora recente nascita e vita del pianoforte (via via sempre più tecnicamente perfezionatosi) i grandi pianisti possono distinguersi in due categorie, con varie caratterizzazioni e sfumature: quella dei pianisti che devono ascriversi agli insegnanti semplicemente per il loro modo originale di approccio allo strumento, influenzando così schiere di “allievi”; e quelli che si dedicarono anche espressamente al vero e proprio insegnamento. 

L’amico Mario appartiene di diritto a questa seconda e meritoria categoria.

Ogni musicista matura un suo stile e quando il genio supera l’arte allora si riconosce il talento; alcuni possono piacere più o meno di altri; ma, certamente dobbiamo essere riconoscenti a questi pianisti per aver dedicato la vita all’arte e insegnato i segreti del pianoforte.  

Precedenza verrà data a chi avrà prenotato con mail che indichi nome, cognome, telefono e loro mail.

 

Informazioni

prezzo 20 euro / da 21 a 26 anni 10 euro / obbligo di green pass
email: rosa.avvocato@virgilio.it
Visita il sito
Telefono : 035 243311

Organizzatore

Società del Quartetto

Bergamo

Tel: 035.243311

Data e Ora

Inizio: lunedì 6 settembre 2021 20:30

Fine: lunedì 6 settembre 2021 22:00

Luogo e località
Sala Alfredo Piatti

Bergamo, Via S. Salvatore, 11