93FE310D-CB37-4670-9E7A-E60EDBE81DAD Created with sketchtool.
Sabato
27
Agosto

Addio alle armi

Proseguono le celebrazioni in occasione della Festa di Sant'Alessandro, in programma una lettura scenica del romanzo di Ernest Hemingway.

EVENTO CONCLUSO

Durante la Prima guerra mondiale, Hemingway combatté sul fronte italiano arruolandosi tra i volontari della Croce Rossa americana: nel 1918, sul Piave, rimase ferito e il suo eroico comportamento in quell’occasione gli valse la medaglia d’argento al valor militare. Questa esperienza diretta è alla base del capolavoro Addio alle armi che smaschera, attraverso una drammatica storia d’amore, l’insensatezza della guerra e ne denuncia la dimensione tragica. Il testo, composto tra il 1928 e il 1929, racconta il travolgente sentimento che nasce tra Frederic Henry, soldato americano arruolatosi volontario nell’esercito italiano, e l’infermiera inglese Catherine Barkley. Dopo la disfatta di Caporetto, Frederic, disilluso dagli orrori della guerra, diserta e scappa in Svizzera. Raggiungerà Losanna insieme a Catherine, che aspetta un bambino da lui. Al termine della travagliata fuga, un drammatico – celebre – epilogo attende i due amanti. Addio alle armi esce in Italia solo nel 1945 (dopo una versione clandestina del 1943 tradotta da Fernanda Pivano). Nel 2012 la casa editrice Simon & Schuster pubblica una nuova edizione critica del romanzo corredata di ben quarantasette finali inediti, tutti abbozzati dall’autore e abbandonati in luogo di quello, asciutto e disperato, che chiude l’opera. Alcuni finali appaiono ancora più scarni e nichilisti di quello pubblicato, altri sono lunghi e articolati, e aprono a una fioca luce di speranza.

Il regista Paolo Bignamini ha immaginato un percorso attraverso queste “possibilità letterarie” alla ricerca di una loro ideale ricomposizione, nel tentativo di trovare un senso nella tragedia e rileggere così il romanzo – grazie alla bravura di Alessandro Bandini, Mario Cei, Leda Kreider e alla musica de La Scapigliatura – alla luce del bruciante bisogno di pace che ci interroga.

A cura dell’Assessorato alla Cultura

Con Alessandro Bandini, Mario Cei, Leda Kreider
Musiche originali eseguite dal vivo da La Scapigliatura
Regia Paolo Bignamini
Scene e costumi Maria Paola Di Francesco
Disegno e partitura luci Fulvio Michelazzi
Aiuto regia Giulia Asselta
Assistente alla regia Irene Carera

Produzione Centro Teatrale Bresciano, in collaborazione con Pacta dei Teatri
Progetto “Classici e scena oggi” a cura di Paola Ranzini – Institut Universitaire de
France e Avignon Université

Ingresso gratuito dalle ore 20.30.
Si raccomanda il rispetto delle norme per il contenimento dell’emergenza Covid–19, consigliando vivamente l’uso della mascherina.

A seguire sotto i portici del Palazzo della Ragione, piazza Vecchia
Degustazione della torta di Sant’Alessandro e del vino Valcalepio
La torta di Sant’Alessandro e la selezione di vino Valcalepio saranno offerti dal Comune
di Bergamo e dal Consorzio Tutela Valcalepio con la collaborazione dell’Associazione Paolo Belli Onlus.

Anche quest’anno i giorni dedicati a Sant’Alessandro sono occasione per unire la comunità attorno a importanti temi legati alla contemporaneità, riflettendo su una virtù che racchiuda un significato sia civile che religioso, una tradizione inaugurata dall’attuale Amministrazione comunale insieme alla Diocesi.
In questo tempo drammatico, segnato da nuovi e sanguinosi conflitti, è la volontà di COSTRUIRE LA PACE a tracciare la rotta. Molte sono le guerre che si stanno combattendo e si sono combattute; tuttavia, per ogni volta in cui la pace viene, con fatica, ristabilita, la discordia sembra disporre di energie infinite per esplodere di nuovo. L’impegno alla costruzione e al mantenimento della pace è quindi un esercizio continuo, da perseguire con costanza, al di là di interessi personali e ideologie. Costruire una città pacifica e inclusiva significa agire per la salvaguardia delle libertà degli uomini e delle donne, potenziare le istituzioni partecipative, attingere alla capacità di cooperazione. Di tutto questo proprio la pace è il requisito fondamentale, il più necessario tra tutti i valori per affrontare le sfide del presente e creare un futuro sostenibile.

Foto di F. Zavattieri.

Informazioni

prezzo Ingresso gratuito
Visita il sito
Telefono : 035.399277

Organizzatore

Comune di Bergamo

Bergamo

035.399156

Data e Ora

Inizio: sabato 27 agosto 2022 20:30

Fine: sabato 27 agosto 2022 23:00

Luogo e località
Cattedrale di Sant'Alessandro

Bergamo, Piazza Duomo, 91